Capodanno: come apparecchiare la tavola

A Capodanno sono tradizionali il cenone la sera del 31 dicembre e il pranzo il primo giorno dell’anno, ovviamente il primo gennaio. Quindi, considerando anche che spesso si tratta di occasioni in cui i commensali sono molto numerosi, apparecchiare una bella tavola è davvero d’obbligo: sarà il primo colpo d’occhio per gli ospiti e l’elemento che accompagnerà tutta la festa.

Per apparecchiare la tavola secondo il galateo occorre seguire alcune regole; tuttavia per Capodanno, occasione speciale per tutti, la tavola si può arricchire e addobbare in modo particolare, travalicando un po’ le regole imposte, soprattutto se il ritrovo è più easy che formale.

In ogni caso il galateo può venirci in aiuto per capire come sistemare posate, piatti e bicchieri.

Capodanno: come apparecchiare la tavola

Apparecchiare la tavola: regole del Galateo

Predisporre la tavola secondo il Galateo significa osservare alcune regole ben precise:

  • Una tovaglia sobria, meglio se bianca
  • Sottopiatti poco elaborati
  • Piatti piani anche per le prime portate; i piatti fondi saranno presenti solo se c’è un primo in brodo o con consommé
  • Cucchiaio (solo se c’è il brodo) all’estrema destra rivolto verso l’alto, coltelli a sinistra del cucchiaio con la lama rivolta verso il piatto
  • Forchette a sinistra del piatto rivolte verso l’alto
  • Posatine per dessert o formaggio davanti al piatto: cucchiaini e forchettine rivolti verso l’alto, coltellini con la lama rivolta verso il piatto
  • Tre bicchieri: quello per l’acqua davanti al piatto, quello per il vino rosso più a destra e quello per il vino bianco all’estrema destra
  • Piattino per pane o formaggio o burro davanti alle forchette
  • Due forchette e due coltelli se sono previsti sia carne che pesce
  • Tovagliolo a sinistra delle forchette oppure sui piatti
  • Segnaposto e centrotavola discreti; il centrotavola non deve essere troppo alto: i commensali devono potersi guardare in faccia e parlare comodamente.

Per consigli approfonditi vi rimandiamo al nostro articolo su Come apparecchiare la tavola.

Apparecchiare la tavola a Capodanno

Come detto sopra, le regole del galateo a Capodanno possono essere un po’ travalicate per favorire l’occasione: ad esempio, dato che la tradizione vorrebbe la presenza di qualcosa di rosso, la tovaglia o i tovaglioli potranno essere di questo colore, lasciando però piatti, centrotavola e segnaposti più neutri.

Il centrotavola deve essere a tema invernale ovviamente: piante e fiori devono essere quelli del periodo, meglio se finti perché le profumazioni potrebbero dar fastidio mentre si mangia; allo stesso modo nei centrotavola possono esserci delle candele, che però non devono essere profumate.

I segnaposto devono essere piccoli se lo spazio a disposizione non è molto: ogni commensale dovrebbe infatti avere almeno 50 cm per poter mangiare comodamente. E’ anche per questo motivo che le regole del galateo possono essere travalicate, per non dover sacrificare lo spazio a favore di posate e bicchieri in quantità; il consiglio potrebbe essere quello di servire le posate e i bicchieri nuovi con le varie portate.

Anche i segnaposto devono essere a tema: soltanto la fantasia è un limite, ma fiocchi o pupazzi di neve, palline colorate, auguri in rosso e oro sotto al nome, possono sempre essere ben graditi.

In Rete si possono trovare tante idee per realizzare centrotavola e segnaposto fai-da-te, di sicuro effetto.

Altri elementi della tavola di Capodanno e scelta dei colori

Per chi ama la semplicità, è consigliabile mantenere tutti gli elementi in toni neutri: la tovaglia, i tovaglioli, le stoviglie. Tuttavia qualche elemento che ricordi che siamo a Capodanno ci deve essere: in questo caso soltanto centrotavola e segnaposti potrebbero ricordarci l’occasione con colori diversi e temi.

Altrimenti, se volete una tavola più informale e anche un po’ più vivace, scegliete di colorare e/o decorare qualche elemento in più: la tovaglia potrebbe essere un elemento di grande effetto, ad esempio se rossa. A questo punto piatti e sottopiatti dovranno essere neutri; un altro tocco di colore potrebbe essere dato da tovaglioli, segnaposto e centrotavola.

Se invece preferite mantenere uno sfondo bianco, quindi una tovaglia neutra, potete sistemare piatti e tovaglioli colorati, oppure soltanto i sottopiatti e i segnaposto colorati, uniti a un centrotavola elaborato.

Il consiglio è comunque quello di evitare di colorare tutti gli elementi della tavola: il colpo d’occhio rischia di essere fastidioso; colorare tutti gli elementi anche di colori diversi, potrebbe essere invece un’idea allegra se è previsto un piccolo tavolo per i bambini, dove sistemare magari piatti, posate e bicchieri di plastica.

Per il tavolo dei più grandi invece, è più elegante abbinare uno o due colori al bianco contrastante, scegliendo gli elementi colorati secondo quanto detto sopra.

I colori da abbinare possono essere tanti: il tipico rosso di Capodanno può essere abbinato all’oro, su sfondo appunto bianco; il blu può essere abbinato all’argento; oppure insieme al rosso si può pensare all’argento o al verde. In questo caso il limite è solo la fantasia, purchè i colori rimangano ben abbinati fra loro.

Se poi la cena o il pranzo sono con amici e l’atmosfera vuole essere più informale, al posto della tovaglia e dei sottopiatti, possiamo utilizzare delle tovagliette all’americana oppure dei runner, che rendono comunque la tavola molto elegante.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *