Diritti e doveri dei lavoratori

Il rapporto tra datori di lavoro e lavoratori (dipendenti) è regolato da una serie di norme giuridiche che garantiscono a ciascuna delle parti i propri diritti, ma stabiliscono anche i rispettivi doveri. Per il lavoratore è quindi molto importante essere sempre informato, e aggiornato vista la rapidità con cui cambiano le norme, sui propri diritti, per farli valere al momento giusto, ma anche sui propri doveri, per non porsi mai in difetto verso il titolare. Ecco perchè diventa essenziale conoscere i fondamenti del diritto del lavoro, che siate dipendente o datore di lavoro, ed essere bene informati su argomenti quali ferie, permessi, promozioni, avanzamenti di carriera.

Diritti e doveri del lavoratore dipendente

Il lavoro è una realtà quotidiana per milioni di persone in Italia. Tantissimi purtroppo sono i disoccupati per la quale la costituzione italiana prevede le dovute misure protettive per far si che tali soggetti non siano mai abbandonati a loro stessi. Non va però dimenticato che il lavoratore ha attorno a se un ampia tutela giuridica che nulla ha da invidiare a quanto è previsto in favore dei soggetti privi di reddito. I lavoro può essere svolto in maniera subordinata o in modo autonomo. Questa è una doverosa distinzione perché a posizioni lavorative differenti corrispondono rispettivi obblighi giuridici.

L’articolo 2222 del Codice Civile riconosce come lavoratore autonomo colui che si obbliga a compiere, previo corrispettivo, un’opera o un servizio con lavoro proprio e senza subordinazione nei confronti del committente. Si tratta sostanzialmente dei cosidetti lavoratori in proprio o altrimenti detti liberi professionisti. Questi soggetti possono gestire liberamente la propria attività lavorativa senza costrizioni d’orario, purché la consegna dell’oggetto o della prestazione avvenga nel tempo predeterminato con l’acquirente. Pur essendo una posizione più affrancata e tradizionalmente ritenuta privilegiata, quella del libero professionista è un attività alquanto rischiosa.

Diritti e doveri dei lavoratori

 

La buona o cattiva riuscita dell’impresa ha incidenza unicamente sul soggetto responsabile. Inoltre la retribuzione non è fissa, ma calcolata in base agli incarichi ottenuti. Ciò fa si che possano esservi mesi in cui gli incarichi non mancano potendo così sostenere agevolmente le spese famigliari, ma anche mesi in cui i corrispettivi scarseggiano ed il lavoratore autonomo si trova in difficoltà. La “sopravvivenza” è affidata soprattutto alla capacità del lavoratore autonomo che sappia prevedere periodi con pochi incarichi e che metta da parte quanto necessario alla propria sussistenza.

Occhio di riguardo va invece prestato al lavoratore subordinato. Esso non può gestire liberamente il tempo dedicato al lavoro, bensì è pagato ad ore. Il suo corrispettivo viene calcolato ad ore, in quantitativo di tempo che deve essere necessariamente prefissato nel contratto d’assunzione.

Definizione della posizione di prestatore di lavoro subordinato o lavoratore dipendente

Esso è colui che si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro (intellettuale o manuale) alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore. La sua posizione è chiaramente definita nell’articolo 2094 del Codice Civile. Chiaramente, quella del lavoratore subordinato, è una posizione che facilmente diventa vittima di soprusi e prevaricazioni. Non sempre i datori di lavoro rispettano le normative vigenti che garantiscono i diritti del lavoratore, ed abusano della loro autorità per approfittare dei loro dipendenti sfruttandoli al massimo per aumentare la produttività dell’impresa.

Non tutte le persone hanno sufficienti competenze giuridiche per sapere a pieno cosa pretendere a buon titolo e cosa invece non gli spetta di diritto. Talvolta capita invece che si sia consapevoli degli abusi subiti, ma che si taccia per non perdere il lavoro. Ciò fa si che molto spesso i lavoratori dipendenti risultino condannati a patire ingiustizie senza in alcun modo difendere. Si tratta di una condizione ingiusta che non va in alcun modo tollerata. Rimanere in silenzio ed ubbidire alle assurde richieste del datore di lavoro fa si che aumentino le ingiustizie e che il tutto rimanga abitualmente impuntito.

Lo Stato italiano prevede giuste sanzioni per i datori di lavoro disonesti, le cui scorrettezze non possono nel 2008 rimanere sommerse. Fortunatamente la maggioranza delle imprese è gestita da persone giuste che rispettano quanto stabilito dalla legge e garantiscono condizioni più o meno dignitose ai lavoratori stipendiati.

Sindacati a tutela dei lavoratori

La Costituzione e il Codice Civile non sono i soli a proteggere i lavoratori, al loro fianco ci sono anche i sindacati nazionali, che si occupano di stilare Contratti Collettivi per categoria.

Si tratta di accordi stipulati tra le organizzazioni sindacali dei lavoratori (come ad esempio CGIL, CISL, UIL e UGL) e le associazioni dei datori di lavoro (Confindustria, Confagricoltura, Confcommercio, ecc.). Tali testi hanno lo scopo di regolare diversi aspetti della vita lavorativa. Essi sono composti da una parte normativa (riguardante la sicurezza ed il tempo lavorativo, ad esempio) ed una parte prettamente economica ( la retribuzione, spesso suddivisa in tabelle per anzianità di servizio).

Tali contratti sono suddivisi per categorie lavorative (metalmeccanici, professori, medici, ecc.) e sono un importante strumento nelle mani del lavoratore. Un contratto collettivo garantisce i criteri minimi che non possono in alcun modo venir negati alla categoria di appartenenza, in caso contrario il contratto individuale sarà nullo. Infatti un contratto individuale non può mai essere diverso da quanto stabiliscono i Contratti Collettivi per quella categoria, se non in caso d’oggettivi miglioramenti per la condizione del lavoratore.

In caso di problemi nell’azienda è sempre bene consultare quanto stabilito nei Contratti Collettivi per verificare cosa è previsto in determinati casi.

Sono inoltre ben determinati diritti e doveri della quale ogni lavoratore deve essere pienamente consapevole. Si tratta di principi inscindibili dall’attività lavorativa. Trattiamoli approfonditamente.

Quali sono i diritti e i doveri del lavoratore

Cosa mi spetta? Cosa sono veramente costretto a fare? Queste ed altre domande sono onnipresenti nella testa di molti lavoratori. Non sempre l’attività lavorativa appare ben determinata e cristallina nel suo svolgimento. Si possono verificare casi in cui la mansione da effettuare sia varia e non sempre corrispondente alle reali competenze. È veramente giusto compiere una qualsiasi attività purché mi sia richiesta dal datore di lavoro? E se questa è più rischiosa?

Ebbene non è per niente raro che i lavoratori subordinati debbano adattarsi a diverse mansioni, soprattutto nella fase del periodo di prova. Ma può davvero il datore di lavoro pretendere qualsiasi cosa? È bene che ognuno abbia per certo la consapevolezza dei propri diritti e doveri. Elenchiamoli brevemente:

Doveri del lavoratore (o dipendente)

Riassumiamoli in queste macro categorie:

Prestare la propria attività lavorativa

Il lavoratore è tenuto ad adempiere unicamente a quanto sia previsto nel suo contratto individuale, mansioni extra non sono accettabili. Qualora esse siano svolte lo saranno a discrezione e scelta del lavoratore. Qualora esso si rifiuti non sono tollerabili rivalse da parte del datore di lavoro. Se esse dovessero verificarsi, il lavoratore dipendente può tranquillamente rivolgersi alle autorità competenti. Inoltre va precisato che l’attività lavorativa può essere svolta unicamente dalla persona intestataria del contratto, non è possibile delegare altre persone affinché adempiano ai propri compiti. Il contratto di lavoro può avere come unico fine quello di essere suscettibile di valutazione economica, ossia che disponga a seguito dell’attività un giusto corrispettivo in denaro. Il lavoro può essere svolto unicamente nel luogo stabilito dal contratto, nel sito ove l’attività per sua natura debba essere espicata.

Obbligo di diligenza

Consiste in tutte le dovute accortezze che ogni persona corretta deve far proprie. La prestazione lavorativa deve essere per contratto adempiuta con la necessaria attenzione e precisione. Maggiori saranno le responsabilità dell’attività richiesta dall’impresa e maggiore sarà il peso della diligenza. Si pensi per esempio ad un dottore, una mancanza di attenzione compiuta da esso causerebbe gravi danni al paziente. Si comprende bene in tal caso quanto sia importante quest’obbligo contrattuale.

Obbligo d’obbedienza

Consiste nel dover compiere quanto dispone il datore di lavoro o chi ne fa le veci. È importante osservare le direttive date ed esplicarne nel modo migliore possibile.

Obbligo di fedeltà

Si tratta di un dovere che si perpetua per un tempo ragionevole anche a seguito della conclusione della dipendenza per l’attività lavorativa. Consiste sostanzialmente nel dover tenere un comportamento leale verso il datore di lavoro e di tutelarne gli interessi. Si parla in tal caso di divieto di concorrenza ed obbligo di riservatezza.

Diritti del lavoratore (o dipendente)

Possono essere suddivisi in vari sottogruppi

Diritti patrimoniali

Sono quelli che riguardano gli aspetti economici della retribuzione e del trattamento di fine rapporto (TFR, noto come liquidazione). La retribuzione è un diritto inscindibile dall’attività lavorativa prestata. Essa deve avvenire secondo predeterminate scadenze ed inderogabilmente. Il salario dev’essere proporzionale al lavoro svolto, sufficiente da garantire la sussistenza al lavoratore ed alla sua famiglia, ed uguale tra uomini e donne. Il TFR sarà proporzionalmente calcolato in base agli anni d’attività lavorativa presso uno stesso ente

Diritti personali

Riguardano l’integrità fisica e la salute. Il datore di lavoro deve infatti garantire un ambiente sicuro e periodicamente controllato. Spettano al lavoratore periodi di riposo, quotidiano, settimanale e festivo. È essenziale che il lavoratore sia adibito a mansioni per le quali ha sufficienti competenze, in modo tale che non corra rischi per inesperienza. Il lavoratore ha inoltre il diritto di conservare il proprio posto di lavoro in caso di malattia, infortunio, servizio militare, gravidanza e puerperio. È garantita al lavoratore l’assoluta liberà d’opinione, la possibilità di adempiere a funzione pubbliche, attività ricreative ed assistenziali

Diritti sindacali

Ogni lavoratore può, se lo ritiene opportuno, esercitare l’attività sindacale e parteciparvi sul luogo di lavoro. Può scioperare ed affiggere in locali aziendali qualsivoglia manifesto per lo svolgimento dell’attività sindacale.

Approfondire diritti e doveri dei lavoratori dipendenti

  • Ministero della giustizia
    Il sito ufficiale del ministero della giustizia in cui trovare numerose news ed informazioni utili al cittadino.
  • Wikipedia
    L’enciclopedia online gestita dagli utenti fornisce preziosi chiarimenti riguardo la figura del lavoratore dal punto di vista giuridico.
(Visited 15.214 times, 10 visits today)
Tags:

308 Commenti

  1. staff Guidaconsumatore
  2. Paolo
  3. staff Guidaconsumatore
  4. Alessandro
  5. staff Guidaconsumatore
  6. staff Guidaconsumatore
  7. carlo
  8. staff Guidaconsumatore
  9. nilde fantini
  10. staff Guidaconsumatore
  11. Lori
  12. staff Guidaconsumatore
  13. staff Guidaconsumatore
  14. Dino
  15. Andrea
  16. Giovanni Lattanzi
  17. Agata
  18. Iva
  19. Giovanni Lattanzi
  20. Barbara Cascinari
  21. loredana
  22. Giovanni Lattanzi
  23. rosaria briganti
  24. Giovanni Lattanzi
  25. Francecca
  26. Giovanni Lattanzi
  27. FABIO
  28. stefano
  29. Giorgio
  30. Federico
  31. Giovanni Lattanzi
  32. Io
  33. Giovanni Lattanzi
  34. JACK
  35. Fabio
  36. maurizio
  37. dd
  38. Lorel
  39. fiorella++
  40. Luigi
  41. Petronilla Zambrano
  42. Francesco
  43. mario
  44. Vanessa
  45. massimo
  46. denni
  47. Federico
  48. Anna
  49. CARLO CERESOLI
  50. gianmario cottini
  51. francesca
  52. Auricchio Giuseppe
  53. Fabio
  54. roberto
  55. Daniela nappo
  56. piantoni giorgio
  57. hillary
  58. Rachid
  59. Rachid
  60. Donatella Castellani
  61. Anna licia Pintus
  62. Pierluigi
  63. nik
  64. ANNA
  65. monica
  66. annalisa schiavone
  67. Diana Turculet
  68. alessandro
  69. Luca
  70. roberto
  71. ketty
  72. valerio
  73. Enrico
  74. Ilaria
  75. Salvatore
  76. Elisa D'elia
  77. Paola Anfossi
  78. natalia
  79. Sarà
  80. filippo
  81. Giusy
  82. Walter
  83. Francesco
  84. monica
  85. nunzio
  86. bruno
  87. beppe78
  88. Giovanni Lattanzi
  89. Renato
  90. Domenico
  91. antonio
  92. FRANCESCA
  93. FRANCESCA
  94. francesco
  95. Lorenzo
  96. Giovanni Lattanzi
  97. lorenzo
  98. FRANCESCO
  99. laura
  100. Luca
  101. Michela
  102. Giovanni Lattanzi
  103. Katerina
  104. Assunta
  105. lucio
  106. federica
  107. zeno
  108. angelica
  109. franco
  110. antonio
  111. Francesco
  112. piero
  113. tiziano
  114. BRUNO
  115. stefano
  116. PIETRO MARIA TUCCI
  117. nicola
  118. anonimo
  119. antonino
  120. marina
  121. slim
  122. gabriella
  123. Ufo
  124. francesco
  125. Claudia
  126. Francesco
  127. Giovanni Lattanzi
  128. dipendente
  129. fabio
  130. nicoleta
  131. luigi
  132. Gaetano
  133. anonimo
  134. Gerry
  135. Giovanni Lattanzi
  136. Gerry
  137. tonino
  138. Giovanni Lattanzi
  139. Giuseppe
  140. ettore
  141. Mari
  142. micky
  143. antonio
  144. MARTHA
  145. Charly
  146. Sally
  147. francesco
  148. luca
  149. Alessandro
  150. CHIARA
  151. Giovanni Lattanzi
  152. LUIGI
  153. mariangela
  154. edo
  155. Andrea Moccia
  156. andrea
  157. enrico
  158. Giovanni Lattanzi
  159. Giovanni Lattanzi
  160. claudia
  161. mario
  162. Alfredo
  163. alberto
  164. Veronica
  165. stefania
  166. luciano
  167. michele
  168. luigi
  169. Luigi
  170. Giovanni Lattanzi
  171. Francesco
  172. Patrizia
  173. alfio tosto
  174. Mario
  175. Giovanni Lattanzi
  176. luigi
  177. Gunther Mussner
  178. mary
  179. Nicola
  180. Giovanni Lattanzi
  181. Anna
  182. laura
  183. salvo
  184. monia
  185. giuseppina grossi
  186. mirko metal
  187. ROSARIO
  188. giovanelli
  189. Micaela
  190. Chiara
  191. AnnaP
  192. carlo
  193. Piero
  194. Giovanni Lattanzi
  195. Simone
  196. Elsa
  197. paola
  198. flavio
  199. ugo straniero
  200. silvia
  201. michi
  202. valentina
  203. gallo ciro
  204. Antonio
  205. roberta
  206. CLARA
  207. costantino
  208. Laura
  209. andrea
  210. luciano
  211. luciano
  212. redazione
  213. redazione
  214. redazione
  215. simona
  216. Monica
  217. Giuseppe
  218. Pavia Francesco
  219. dinara
  220. ivo
  221. marta
  222. Lu
  223. antonella
  224. tommasina
  225. samu
  226. ALLIBITA
  227. manola
  228. Fabrizia
  229. salvatore
  230. biondo
  231. marco
  232. nicole
  233. ANNA
  234. Alessia
  235. gattina
  236. giuseppe
  237. ros
  238. salvatore
  239. deborah
  240. ale
  241. maria
  242. dascalu mihaela
  243. osman
  244. vincenzo
  245. haiman
  246. FRANCESCO
  247. cristina
  248. roberto
  249. francesco
  250. paolo
  251. Jose J. Navarro
  252. anonimo
  253. alina
  254. andrea
  255. sabrina
  256. vicentini andrea
  257. carla
  258. Simone
  259. alessandro
  260. cristian
  261. francesco
  262. GIOVANNI
  263. Maria
  264. Walter
  265. francesco
  266. matteo
  267. Francesca
  268. Ivano
  269. redazione
  270. carla
  271. jasminka
  272. simona
  273. paola
  274. emanuele
  275. redazione
  276. PAOLA
  277. redazione
  278. Claudio Betti
  279. Alfio
  280. Nicoletta
  281. Luigi
  282. massimo
  283. paolo
  284. PIERLUIGI
  285. tommaso lascaro
  286. giulia
  287. redazione
  288. michelina
  289. antonello
  290. redazione
  291. roberto
  292. Debora
  293. redazione
  294. Giorgia
  295. redazione
  296. Stefano Gnesutta
  297. andrea
  298. redazione
  299. stefania
  300. redazione
  301. redazione
  302. redazione
  303. Susanna
  304. Maricel
  305. Anastasia
  306. redazione
  307. calogero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.