plum, raspberry, strawberry.. unlimited kolichestve.Issledovaniya to eat, to study the properties Birkenpilz continues Professor PA Akimov, the IK Bulatov. As a result of these studies, representatives of praktiku.Vse birch mushroom extract doctors inserted a finger or a soft toothbrush that type of group used "sensitive" and gums. These forms are useful in removing plaque, it has a pronounced anti-inflammatory effect due to the concentration of the substance and collecting medicinal plants biologically active. The inflammation of the gums, shaking nexium buy online can be used Befungin bottle when it is necessary to use 2-3 times a day in the heart vospaleniya.Pered, it was diluted to 3 hours. In tablespoons hot water 150 ml of the drug. It takes a 1 tbsp. Spoon three times a day for half an hour before a meal. The course of treatment is 3-5 months. If necessary, repeat the course in the mouth at intervals of 7-10 dney.Polozhite piece, and then slowly nibbled strange taste., Hyperthyroidism is not only the increase in the production of thyroid hormone in the cause, thyroid stimulating hormone, to the production of antibodies to the receptor of the pituitary gland means the autoimmune disease, we have developed. Melissa - traditional medicine in the popularity of the plant. It affects the activity of the gastrointestinal tract (increased appetite, stimulates the secretion activity of the digestive system), have a beneficial effect on pain and spasm relaxation heart, the activity of the nervous see post voltaren system normalizes you. Cranberry contains sugar, organic acids, pectin, tannins, cellulose and cellulose. Such potassium (119 mg%), calcium (14 mg%), (7% of the 4.5 mg) iodine, phosphorus, sodium, magnesium, trace elements such as iron is abundant, cobalt and manganese. In addition, cranberry, vitamin C, B1, B2, P and PP. Methods of preparation, in recent years, scientists have found that the heart is also endocrine. In the synthesis of atrial natriuretic hormone, it will affect the excretion of sodium by the

Come aprire un negozio di distributori automatici

Aprire un’attività commerciale basata su distributori automatici, significa dar vita ad un progetto interessante e in linea con il mercato di oggi. I distributori automatizzati sono dei mini negozi che operano continuamente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e che consentono a chi li possiede o gestisce di vendere qualsiasi tipo di prodotto. La loro diffusione sta aumentando vertiginosamente durante gli ultimi anni, per tanto l’idea di dar vita a un’attività di questo tipo è sicuramente ottima, e promette grandi possibilità di guadagno. Tuttavia vanno considerati vari aspetti che garantiranno la buona riuscita della vostra attività. In generale gestire uno store di distributori automatici significa guadagnare rapidamente, con un’attività che presenta orari flessibili che possono essere organizzati in base alle proprie esigenze.

Attività di distributori automatici: come aprire

Aprire uno store di distributori automatici

Questo tipo di negozio se realizzata con dimensioni medio-piccole può essere realizzata anche da coloro che non hanno esperienza nel settore. Vi basterà prendere contati con i fornitori giusti e frequentare i diversi corsi formativi che vengono attivati da quest’ultimi per la loro clientela.

Per capire al meglio il funzionamento vero e proprio dei distributori vi basterà semplicemente leggere con attenzione i manuali di istruzioni che vi permetteranno di avere ulteriori conoscenze per luna migliore manutenzione.

La gestione dei distributori automatici in questo caso richiede un impegno che non deve essere necessariamente costante, per tanto viene considerata un’ottima attività da avviare anche part time.

Se invece l’attività ha dimensioni maggiori, come se fosse una specie di “market automatico”, il discorso cambia. E’ necessario in questo caso avere sufficiente esperienza nel campo, e l’impegno sia personale che economico è sicuramente differente rispetto a un’attività con dimensioni minori.

Per coloro che desiderano svolgere quest’attività ma che hanno già un altro lavoro, è bene sottolineare che la legge vieta ad alcuni lavoratori, come i dipendenti pubblici, di svolgere altre attività autonome. In questo caso vi consigliamo di Informarvi presso un consulente.

Investimento iniziale

Uno dei punti a favore di quest’attività è senza dubbio l’investimento iniziale, che può essere in alcuni casi piuttosto contenuto. In linea di massima parliamo di un importo di circa 10 mila euro che vi permetterà di acquistare un quantitativo di macchine sufficiente per intraprendere un’attività di piccole dimensioni.

Il costo dei distributori automatici non è infatti eccessivo. Si può partire in modo graduale aumentando man mano il numero di distributore e ingrandendo il proprio business.

Gestione dei distributori automatici

Anche se la gestione dei distributori automatici non richiede in linea generale alte capacità, non bisogna sminuire le difficoltà che quest’attività presenta. E’ necessario infatti rifornire i distributori, e occuparsi della manutenzioni, il che richiede tempo e capacità.

I guadagni dipendono molto dalla localizzazione dei distributori e dal passaggio di persone: più persone, più guadagni, ma anche più fatica. presenta estreme difficoltà di gestione, l’impegno è significativo perché tutto funzioni al meglio. Investimento iniziale. Non è obbligatorio avere del personale ma è utile nel caso i distributori da gestire sono molti.

Le dimensioni dell’attività ovviamente non incidono soltanto sulla molte di lavoro, ma nel caso dei distributori automatici, anche sulle vendite e quindi sui vostri profitti. Maggiore è il numero dei distributori automatici in vostro possesso e maggiori saranno le vostre entrate.

Inoltre molti fornitori offrono condizioni migliori a coloro che possiedono più macchine. L’acquisto dei prodotti ha un minor prezzo permette di ricaricare di più e quindi di aumentare i propri guadagni.

Prodotti in vendita

Un distributore automatico rappresenta un negozio perennemente aperto che offre ai clienti prodotti di ogni genere. E’ possibile vendere alimenti caldi e freddi, bibite, e anche prodotti informatici, sigarette o farmaci.

Non c’è limite alla fantasia e al mercato. Per la buona riuscita della vostra attività dovrete cercare di individuare quali sono i prodotti migliori da distribuire in quella determinata zona. Molto dipende dalle abitudini del posto anche a livello culturale.

Quello che piace a noi italiani e che funziona qui, non è sicuramente quello che viene acquistato all’estero. In Italia un distributore di pizza o di pasta non avrebbe sicuramente successo.

Vending industry privata

La distribuzione automatica definita anche vending industry, rappresenta un mercato che sta avendo uno sviluppo notevole negli ultimi anni. In Europa si contano più di quattro milioni di distributori automatici.

Un numero davvero impressionante. In Italia i dati su questo settore fanno riflettere. Il nostro Paese infatti è tra i primi produttori di distributori automatici, ma al contrario è l’ultimo per quanto riguarda i consumi. Questo dato è caratterizzato dalla presenza di distributori automatici privati, che non sono quindi accessibili al pubblico. Un dato che spiega come intraprendere quest’attività può rivelarsi davvero proficuo.

Concorrenza

Uno degli aspetti che dovrete considerare con estrema attenzione se desiderate aprire un negozio di distributori automatici è la concorrenza. In questo settore, vista la varietà dei prodotti e il tipo di servizio offerto, sono tante le attività esterne che possono essere considerate come concorrenza.

Dovrete quindi fronteggiare le attività che vi circondano e che offrono prodotti simili a quelli che proponete; per esempio un bar rappresenterà il vostro concorrente per quanto riguarda il caffè. E’ difficile offrire prodotti che superino quelli di un’attività esterna concorrenziale, ed è quindi consigliabile puntare sulla varietà dell’offerta, e su prezzi convenienti.

Posizione dei distributori automatici

Molto spesso quando si parla dell’apertura di una nuova attività, la zona che viene scelta per i locali è fondamentale. Nel caso specifico invece conta la posizione dei distributori automatici. I guadagni infatti dipendono in gran parte da dove verranno collocati questi “negozi automatizzati”.

Ovviamente le aree con un maggiore afflusso di gente sono le migliori, mentre quelle sconsigliate sono le zone che si trovano in aeree poco frequentate, o in posti dove vi è solo il passaggio di auto.

Durante la fase iniziale non sarà facile individuare da subito quali sono i posti migliori, dove collocare i vostri distributori automatici, anche perché molte zone saranno già occupate e quindi vi troverete a doverli spostare finché non entrerete appieno nel meccanismo.

Distributori automatici: acquisto o affitto?

Per quanto riguarda il reperimento dei distributori automatici ci sono due alternative possibili.

Potrete scegliere di acquistare i distributori o di prenderli in affitto. Solitamente chi intraprende questo tipo di attività sceglie di acquistare questi macchinari così essenziali. Comprare dei distributori automatici presenta un costo d’acquisto che pur non essendo eccessivo, deve essere valutato con attenzione.

Contattate più di un fornitore e confrontate i vari prezzi e anche le condizioni di vendita, per trovare l’offerta migliore. I fornitori più seri garantiscono anche la fornitura in caso di manutenzione.

Affittare dei distributori automatici invece è consentito solo se si scelgono alcune particolari tipologie di prodotti. Un esempio sono i distributori automatici di caffè, gelati e bevande che si trovano nelle palestre. In questo caso è l’azienda che produce un determinato prodotto che affida il suo distributore per compiere una vendita mirata. Colui che affitta il distributore dovrà preoccuparsi dell’aspetto pratico: rifornimento, pulizia e manutenzione.

Solitamente è previsto il pagamento annuale di un canone per l’affitto, e/o una percentuale sulle vendite che viene considerata già con la fornitura dei vari prodotti in vendita nel distributore automatica.

Installazione e manutenzione

L’installazione dei distributori automatici è una fase fondamentale. I distributori automatici hanno bisogno di energia e in alcuni casi anche di acqua. La fornitura deve essere continua. Nei distributori di bevande è essenziale che riusciate a trovare il giusto mix che renda le bevande gradevoli. Il metodo è quello di compiere vari tentativi.

Il rifornimento, la pulizia e anche la manutenzione dei distributori automatici dipende dalla frequenza con cui essi vengono usati. Per un distributore che lavora mediamente, è necessaria che la pulizia e il rifornimento avvengano almeno un paio di volte a settimana.

Di solito il tempo necessario è di circa un’ora, visto che la manutenzione ordinaria è semplice. La manutenzione che riguarda altri elementi e non le guarnizione richiede tempo e soldi. E’ infatti preferibile essere in grado di riparare i piccoli problemi da soli.

Rischi

E’ fondamentale che facciate estrema attenzione ad alcuni aspetti che non possono essere sottovalutati quando si avvia un’attività di gestione di distributori automatici. Innanzitutto è fondamentale che paghiate il giusto per i vostri distributori automatici.

Il costo di queste macchine viene calcolato anche sulla base di tutto ciò che riguarda un’eventuale servizio di post-vendita. Infatti in questa attività i pezzi di ricambio hanno una notevole importanza. Quindi scegliere un’azienda fornitrice che non è in grado di reperire velocemente i pezzi necessari in caso di guasti può rappresentare un grave problema. Un distributore non funzionante si traduce come in una perdita in termini economici.

E’ essenziale che il vostro fornitore sia un vero e proprio punto di forza della vostra attività, è infatti consigliabile scegliere ditte che non siano interessate soltanto alla vendita del distributore automatico, ma che vi seguano in modo completo.

Come avviare un’attività di distributori automatici

  • Kit per aprire un’attività di distributori automatici
    Un kit creato da una realtà specializzata nella formazione come CreaImpresa, che permette di risolvere le difficoltà legate all’apertura di un negozio di distributori automatici di prodotti. Con questo prezioso e innovativo strumento informativo potete capire come realizzare nel migliore dei modi questo tipo di iniziativa imprenditoriale. Una soluzione on line efficace e intelligente per progettare, valutare, realizzare e lanciare con successo il vostro business.

Distributori automatici in franchising

Una soluzione per avviare il vostro store è quella di aprire un negozio di distributori automatici in franchising. I benefici di questa formula applicata allo specifico settore sono notevoli, anche perchè le restrizioni rispetto ad altri tipi di franchising sono minori.

Quasi sempre non vengono richieste commissioni sulle vendite, e si possono compiere delle scelte autonome. Vi è molta libertà, guadagni rapidi, e la possibilità di spostare i distributori in base alle proprie esigenze.



153 Commenti

  1. Claudia Rizzo
  2. Lucio
  3. Giorgio
  4. distributori automatici bevande
  5. Armando
  6. elif
  7. RAFFAELE TARTAGLIA
  8. giovanni
  9. Fabio
  10. Devis
  11. Antonio
  12. Luigi Anelli
  13. Damiano
  14. Alex
  15. luca
  16. Damiano
  17. Francesca
  18. Claudio
  19. Davide Bergamini
  20. Fabio
  21. Davide
  22. Davide
  23. Fabrizio
  24. Elmo
  25. Luca
  26. Veronica
  27. Gerardo
  28. Gerardo
  29. Anna
  30. Giacarlo
  31. Giovanni Lattanzi
  32. Davide Bergamini
  33. Davide Antonelli
  34. MICHELE AMATO
  35. Rossano
  36. Andrea
  37. Ilaria
  38. maurizio
  39. rosy
  40. Christian Andreotti
  41. alex
  42. angelo
  43. Fabio
  44. Alex
  45. Alex
  46. Fabio
  47. Giovanni
  48. cristian
  49. Rocco Alessandro
  50. matteo
  51. Graziano
  52. Alessandro
  53. Gabriele
  54. Matteo
  55. Giuseppe
  56. Alessandro
  57. luca
  58. Fabio
  59. Fabio
  60. aldo
  61. sergio81
  62. Marzia
  63. piero
  64. Antonello Leccus
  65. Luca
  66. Paola
  67. Paola
  68. MASSIMO
  69. Mirko bianchessi
  70. michela
  71. Alex
  72. giovanni
  73. Maurizio
  74. Fabio
  75. Fabio
  76. thomas
  77. thomas
  78. Antonio
  79. Monica
  80. Paolo
  81. Carlo
  82. Adriana
  83. Alex
  84. Luna
  85. Luna
  86. Marianna
  87. pino
  88. jacopo
  89. Giancarlo
  90. Francesco
  91. Pietro
  92. Andrea
  93. Gigi
  94. gio
  95. Angelica
  96. vittorio pennella
  97. vittorio pennella
  98. Andrea
  99. Filippo
  100. Ale
  101. Giovanni Lattanzi
  102. Marco
  103. Ale
  104. ALESSANDRO
  105. mariana
  106. beatrice tornelli
  107. Antonella
  108. Egi
  109. abc
  110. Fabio
  111. Paola
  112. gabriele
  113. Roberto
  114. Giovanni
  115. Egi
  116. corrado
  117. Giorgio
  118. Caterina
  119. elisa 74
  120. Giuseppe
  121. Gabriele
  122. marco
  123. Abe
  124. Alberto
  125. Andrea
  126. mauro
  127. Claudia
  128. virginio
  129. Morris
  130. gianluca
  131. daniele
  132. rosario
  133. Max
  134. mauro
  135. Simone
  136. Leonardo
  137. angelo
  138. angelo
  139. Giorgio
  140. Daniele
  141. Cleo
  142. Alessandro
  143. Lolly
  144. Lolly
  145. Marco
  146. valentina
  147. Alessandro
  148. chiara
  149. claudio
  150. Francesco
  151. Sauro
  152. Alessandro
  153. mario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *