Santorini: storia della regina delle Cicladi

Tra le isole Cicladi è forse quella più conosciuta, per via dei suoi paesaggi mozzafiato e delle sue inconfondibili casette bianche. Santorini è oggi una meta vacanziera molto gettonata da turisti di tutto il mondo, ma è anche un’isola ricca di storia e fascino tutta da scoprire. Ecco allora qualche informazione che la riguarda.

santorini

Santorini è la maggiore delle isole Cicladi ed è un’isola di origine vulcanica che si è formata a partire da un cratere a seguito di un forte terremoto avvenuto in età preistorica. L’isola è circondata da diversi vulcani che si trovano immersi nelle acque e uno di questo, il Kolumbo, è noto per aver iniziato una serie di esplosioni nel XVII secolo che hanno causato la morte di diversi abitanti.

Per via della sua origine vulcanica, i colori che dominano a Santorini sono il rosso e il nero e molte delle sue spiaggi, come Kamari, una delle località più famose dell’isola, sono formate da piccoli ciottoli neri. Il capoluogo dell’isola è Fira, anche scalo di riferimento per il tutto il turismo ellenico, mentre il secondo centro più abitato dell’isola è Oia, famosa per i suoi mulini e per le viste mozzafiato soprattutto al tramonto.

Ma Santorini non è solo questo; è un’isola che offre di tutto, dalle esperienze più esclusive e di lusso a quelle alla portata di tutto. Se volete concedervi la tanto sognata vacanza all’insegna del comfort e in un albergo dalla vista mozzafiato, siete capitati nel luogo giusto. Santorini è un’isola che sfrutta molto la sua conformazione a strapiombo sul mare e negli anni ha costruito alberghi e appartamenti di gran lusso, anche con infinity pool, dove vi sembrerà di essere davvero in paradiso.>

In alternativa, con una buona organizzazione è possibile anche pianificare una vacanza più economica; l’isola offre tante alternative, dalle case vacanze ai bed&breakfast, dagli appartamenti affittati direttamente dai privati ai villaggi turistici. Insomma ce n’è per tutti!

Santorini e la mitologia

Come tutta la Grecia, da cui abbiamo ereditato storie, miti e leggende del popolo greco, anche Santorini si porta dietro un suo personale bagaglio mitologico che la rendono ancora oggi un’isola molto interessante non solo dal punto di vista storico, ma anche dal punto di vista dei miti e delle leggende che ruotano attorno alla sua nascita e alla sua storia.

L’isola di Santorini è da sempre legata al mondo mitologico, in particolare alla leggenda che la vorrebbe come punto di connessione con l’antica Atlantide. L’allievo di Socrate, nonché maestro di Platone, ci ha lasciato degli scritti dove sono descritte con una certa dovizia di particolari le rocce scure, rosse e bianche della città di Atlantide, che sarebbero state utilizzate per costruire i palazzi della grande città.

Queste rocce sarebbero molto simili a quelle della terra di Santorini e negli anni si sono alternati studi, ricerche, ipotesi e tanti confronti e, anche se nulla ha mai realmente portato a poter affermare con certezza che sotto le rocce di Santorini potesse nascondersi l’antica Atlantide, il mistero rimane. E forse è anche per questo che quest’isola non smette mai di avere fascino.

Cosa vedere a Santorini

E adesso passiamo alla parte più interessante della faccenda. Se avete appena prenotato una bella vacanza a Santorini o se visitare quest’isola fa parte delle cose che vorreste fare prossimamente, è giunto il momento di conoscerla meglio e scoprire quali sono i luoghi che vale la pena visitare. A Santorini, del resto, ci sono molte cose da fare e l’Isola è perfetta per chi vuole alternare momenti di puro relax a gite ed escursioni alla scoperta del luogo.

Cartina alla mano, la prima cosa da fare è quella di partire in esplorazione per scoprire spiagge, piccole calette e luoghi incontaminati. In fondo siete in vacanza e il riposo viene prima di tutto. Poi, se vi piace partire in esplorazione, di certo a Santorini non c’è da annoiarsi.

Per gli appassionati di archeologia, Akrotiri è un piccolo paese che è stato sepolto dalla lava durante un’eruzione di 3500 anni fa. Le operazioni degli archeologi sono ancora in corso e oggi è possibile passeggiare per il paese e ammirare gli edifici riportati alla condizione originaria.

Fira è invece una piccola cittadella medievale e custodisce due cattedrali, un centro cristiano- cattolico e uno ortodosso. Qui è possibile visitare la chiesa di Ag Mina, quella che compare in quasi tutte le cartoline, per intenderci, il Museo Archeologico e il Museo Preistorico. E per chi ama gli eventi musicali, a settembre si svolge il festival della musica classica.

Oia è invece una località turistica molto rinomata perché da qui è possibile ammirare i tramonti più belli dell’isola. Questa località è perfetta per passeggiare, per godersi il panorama del mare per curiosare tra i numerosi negozi e le gallerie d’arte che affollano le stradine. Molto caratteristici sono i mulini che rendono gli scorci della zona molto suggestivi. Merita almeno una visita anche Imerovigli, un piccolo villaggio a 300 metri sopra il mare, tipico per le tante cappelle e chiese e per il castello di Skaros, arroccato sulle rocce.

7 cose da non perdere a Santorini

Proprio come farebbe una guida turistica, ecco dieci cose da non perdere a Santorini, piccoli consigli di viaggio per godere a pieno della vostra vacanza in questa bellissima isola.

  1. Ammirare il panorama dalla caldera

Vi state domandando che cos’è la caldera? Ecco la risposta: il panorama sullo strapiombo. Santorini è piena di luoghi e scorci da cui è possibile ammirare il mare dall’alto, da un hotel di lusso, da locali a strapiombo sulla roccia. Scegliete il posto che preferite e non dimenticate di scattare foto!

  1. Visitare i siti archeologici

Santorini significa mare, sole e vacanza, ma non dimenticatevi che vi trovate nell’isola che ospita uno dei siti archeologici più importanti di tutto l’Egeo. Molte tracce del passato possono essere ammirate ad Akrotiri, dove i lavori archeologici proseguono tutt’ora.

  1. Ammirare il tramonto

C’è un motivo se molte cartoline di Santorini ritraggono delle bellissime immagini dell’isola al tramonto. Qui i tramonti sono davvero suggestivi nella loro cornice di rocce a strapiombo e casette bianche. E anche in questo caso: non dimenticate la macchina fotografica!

  1. Visitare più spiagge

Perché fermarsi a visitare una spiaggia sola in un’isola che ne offre di bellissime? Tutto a Santorini ricorda il vulcano; ciottoli, sabbia nera e spiagge rosse assolutamente da non perdere. Kamari è la più famosa di tutta l’isola ma, cartina alla mano, ne scoprirete di più piccole e altrettanto belle.

  1. Noleggiare un motorino

È il modo migliore per visitare l’isola in tutti i suoi luoghi liberi dall’ingombro dell’auto. Potrete passare in mezzo ai vicoli e alle stradine, con solo uno zaino in spalla e la voglia di scoprire tutti i luoghi più belli di quest’isola.

  1. Visitare i paesi dell’isola

Abbiamo detto che Santorini non è solo mare, spiaggia e sole, ma anche storia e cultura. E quale modo migliore per scoprire questi aspetti se non quello di visitare i borghi e i piccoli paesi dell’isola? Non mancate di visitare Fira, Oia e Imerovigli, ricche di storia e tradizione.

  1. Assaggiare il cibo tipico dell’isola

In Grecia si mangia benissimo e se visitate l’isola non perdete l’occasione di pranzare o di cenare nelle tipiche locande greche. I prezzi sono variabili a seconda della zona e molti locali offrono anche menu turistici; tra le specialità dell’isola i pomodori, le melanzane bianche e un ottimo vino bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.