Bloccato in aereoporto: cosa fare?

Restare bloccati in aeroporto per un ritardo o la cancellazione di un volo è una circostanza che si verifica più di quanto si possa immaginare. Il punto è capire le motivazioni reali e se ci sono i presupposti giusti per compilare una pratica di rimborso per il ritardo o la cancellazione del volo aereo. In ogni caso, sarà stesso il vettore aereo a pagarne le conseguenze in quanto è la legge che lo prevede in base alla normativa CE261/2004. Si tratta di una serie di regolamenti a tutela dei viaggiatori che garantiscono un rimborso che può variare da un minimo di 250 euro ad un massimo di 600 euro.

rimborso ritardo aereo

Come si fa a presentare la domanda di rimborso?

Il fine ultimo della compagnia aerea è sempre quello di evitare di pagare le numerose richieste che arrivano quotidianamente. Ma non sempre riescono a scamparla facile, anzi il più delle volte sono obbligate a rimborsare per via di una serie di processi burocratici che potrebbero mettere in serio rischio la loro reputazione. Anche se tutte le compagnie cercano delle “scappatoie” per non pagare i propri viaggiatori, come ad esempio scaricare la “colpa” a un evento non causato da loro e quindi di forza maggiore, si tratta di tentativi abbastanza vani in quanto c’è un attento controllo su tutte le operazioni messe in atto dalla compagnia. Quindi, dopo aver appurato le effettive cause, non resta che risarcire gli sfortunati passeggeri con rimborsi idonei.

Non tutti i viaggiatori conoscono i loro diritti: ecco come ottenere un rimborso per un ritardo aereo

Se vi trovate in una situazione spiacevole, per ottenere un rimborso per il ritardo aereo, è necessario conoscere alcune informazioni utili. Per esempio, pochi sanno che il risarcimento può oscillare tra i 250 e i 600 euro in base al volo di linea e alle ore di ritardo accumulato; inoltre, in caso di cancellazione del volo, il vettore aereo deve assicurare al viaggiatore il minimo necessario, ossia pasti caldi e una comoda sistemazione presso un hotel; infine, la compagnia non è tenuta a pagare nessun risarcimento nel caso in cui si verifica un episodio straordinario, come un terremoto, una rivoluzione tra popoli che minacciano una guerra civile, l’eruzione di un vulcano e ogni altro tipo di situazione che possa mettere a repentaglio la sicurezza dei passeggeri a bordo del velivolo.

Nel momento in cui si presenta un episodio sfavorevole imputabile alla compagnia aerea, il passeggero può far prevalere i suoi diritti compilando l’apposita domanda di rimborso per ritardo o cancellazione del volo aereo tramite siti specializzati in materia di navigazione aerea. 

Adottare questo tipo di soluzione si rivela la scelta giusta poiché si tratta di professionisti con esperienza consolidata che conoscono benissimo il campo del trasporto aereo, con la sicurezza del buon esito dell’operazione. Inoltre, affidarsi a Flycare si risparmiano parecchie energie e tempo poiché sarà lo staff a pensare praticamente a tutto, senza nessun anticipo di costi. Se la pratica termina con una sentenza positiva, l’intero ammontare del rimborso per ritardo aereo verrà bonificato direttamente sul conto corrente del cliente.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *