Pulire la moquette

La moquette è un’alternativa morbida e confortevole al pavimento “duro” in ceramica , in cotto o in legno. Ma se non viene trattata adeguatamente, la moquette è proprio quel tipo di pavimento che può diventare principale ricettacolo di polvere, sporco, allergeni. Per questo occorre conoscere tutti i trucchi per mantenerla pulita quotidianamente e per evitare che macchie accidentali si trasformino in danni permanenti.

Milena Talento
Classe 1985, una laurea in Filosofia e una passione per il web nata ai tempi dei convegni universitari su Merleau-Ponty e i neuroni specchio. Autodidatta dalla A alla Z, comprende le potenzialità lavorative ma soprattutto economiche delle emergenti professioni tecnologiche e decide di sfruttare le proprie abilità letterarie e logiche applicandole ad un ambito nuovo. Da qui si affaccia alla professione di copywriter che coltiva per diversi anni. Scrive per alcuni e-commerce emergenti (tra cui Dalani e Zalando), si appassiona alla programmazione dei siti web, ma soprattutto agli algoritmi di Google. Circa 10 anni fa apre una web agency con cui si occupa di comunicazione a 360°. Guidaconsumatore.com viene acquistato nel 2018, dopo anni passati a lavorare in redazione come copy e seo.
Milena Talento

pulire la moquette

In questa guida vedremo come pulire, smacchiare e disinfettare la moquette, quali prodotti naturali utilizzare e come rimuovere le principali macchie: vino, olio, colla e vomito.

Tabella dei contenuti

Pulire la moquette. 1

COME PULIRE LA MOQUETTE. 1

ASPIRAPOLVERE. 1

COME LAVARE LA MOQUETTE. 2

COME PULIRE LA MOQUETTE FAI DA TE. 2

COME PULIRE LA MOQUETTE CON PRODOTTI NATURALI 3

Cancellare i segni lasciati dai mobili 3

SMACCHIARE LA MOQUETTE. 3

PULIRE LA MOQUETTE: MACCHIE DI VINO.. 4

PULIRE LA MOQUETTE: MACCHIE DI OLIO. 4

PULIRE LA MOQUETTE: MACCHIE DI COLLA. 5

PULIRE LA MOQUETTE: MACCHIE DI VOMITO.. 5

COME RIMUOVERE MACCHIE SPECIFICHE DALLA MOQUETTE. 5

COME DISINFETTARE LA MOQUETTE. 6

COME PULIRE LA MOQUETTE

L’operazione principale, e quasi quotidiana, che occorre eseguire per pulire la moquette e mantenerla pulita il più a lungo possibile è quella che prevede il passaggio dell’aspirapolvere. Si tratta infatti dell’unico modo, su un pavimento così particolare, per togliere polvere, acari, residui, briciole e quant’altro.

ASPIRAPOLVERE

Tuttavia, occorre scegliere bene l’aspirapolvere da usare, anche perché le tipologie di moquette sono diverse e vanno trattate di conseguenza in modo differente:

  • l’aspirapolvere a spazzola solitamente è indicata per tutti i tipi di moquette
  • l’aspirapolvere battitappeto invece è più indicata per pulire la moquette a posa tesa
  • per una pulizia efficace della moquette è consigliabile scegliere un’aspirapolvere dotata di filtri efficaci, che trattengono tutte le particelle negative.

COME LAVARE LA MOQUETTE

Il lavaggio è un intervento che serve sempre a pulire la moquette, ma in maniera ben più approfondita rispetto alla semplice aspirazione della polvere. Per lavare la moquette si possono utilizzare elettrodomestici appositi chiamati appunto “Lavamoquette”, di cui esistono principalmente due tipologie:

  • la lavamoquette a iniezione-estrazione: pulisce in profondità con acqua e shampoo apposito e deve essere passata più volte sulla moquette; attenzione perché non devono rimanere residui di shampoo nelle fibre della moquette e quest’ultima non deve nemmeno rimanere inumidita troppo a lungo;
  • la lavamoquette a vapore, indicata soprattutto per moquette a pelo riccio o lungo, poiché scioglie i nodi delle fibre.

COME PULIRE LA MOQUETTE FAI DA TE

Per lavare la moquette a mano senza l’aiuto della lavamoquette, si possono utilizzare:

  • una spazzola delicata o panni bianchi puliti
  • alcuni prodotti per pulire la moquette specifici oppure un detergente realizzato con acqua e qualche goccia di detersivo per i piatti, da utilizzare su segni che non vogliono andar via
  • detersivo solido apposito o bicarbonato di sodio da far penetrare in profondità (lasciandolo agire anche una notte intera) e da aspirare successivamente con l’elettrodomestico più appropriato fra quelli sopracitati.

Periodicamente comunque occorre un lavaggio approfondito con l’utilizzo di uno shampoo apposito, per cui talvolta è necessario l’intervento di una ditta specializzata.

COME PULIRE LA MOQUETTE CON PRODOTTI NATURALI

Quali prodotti naturali per pulire la moquette? Se siete particolarmente avversi ai detersivi chimici e industriali, potete preparare delle soluzioni naturali ugualmente efficaci. Ad esempio, aceto e bicarbonato sono un’ottima miscela per pulire la moquette.

È sufficiente circa mezzo litro di acqua calda unito ad un bicchiere di aceto e due cucchiai di bicarbonato per avere la soluzione rapida ed efficace. Dopo di che bisogna utilizzare una scopa dalle setole rigide e quindi strofinare con forza sulla moquette.

Per una pulizia ancor più approfondita si può pensare ad una soluzione composta da: 1 litro d’acqua, mezzo bicchiere di alcool e un bicchiere di aceto bianco. Questo composto è più aggressivo del precedente e pertanto è da utilizzare solo in caso di pulizie straordinarie.

Cancellare i segni lasciati dai mobili

Uno dei pericoli in agguato per la moquette è quello dei segni lasciati dai mobili pesanti, che ogni tanto andrebbero spostati, proprio per eliminare le macchie che ne sono derivate e per togliere polvere e residui annidati laddove i mobili li coprono. Non si tratta propriamente di una operazione per pulire la moquette, ma serve comunque a tenerla bene in ordine.

Per rimediare ai segni dei mobili, ci sono due metodi fai-da-te principali:

  • il primo consiste nell’utilizzare un cubetto di ghiaccio da sistemare sui segni e da lasciar sciogliere; appena sciolto passare una spazzola morbida
  • il secondo consiste nel sistemare sopra i segni un panno umido e nel passare successivamente sopra al panno il ferro da stiro (attenzione il ferro non deve andare direttamente a contatto con la moquette!), per poi spazzolare.

SMACCHIARE LA MOQUETTE

Anche la moquette teme le macchie, come altri tipi di pavimento delicati. Esistono però dei rimedi per pulire la moquette smacchiandola efficacemente. Le regole generali per la pulizia della moquette sono le seguenti:

  • utilizzare un cucchiaino per togliere le parti solide
  • assorbire i liquidi con carta assorbente o asciugamani, a cui aggiungere oggetti pesanti per far assorbire l’umidità in profondità
  • con un panno imbevuto di solvente (per macchie di grasso) o di shampoo specifico (per macchie a base d’acqua) umidificare la macchia
  • lavare la moquette una volta asciutta, per farle uniformare nuovamente il colore.

PULIRE LA MOQUETTE: MACCHIE DI VINO

Eliminare le macchie di vino dalla moquette richiede un intervento tempestivo, lasciar depositare il liquido, infatti, rende particolarmente difficile rimuoverlo.

Per eliminare la macchia nella maggior parte dei casi è sufficiente acqua tiepida unita ad un po’ di sapone di Marsiglia. Nel frattempo, può essere una buona idea cospargere la macchia con del sale grosso o dell’amido di mais. Questi ultimi infatti cominceranno ad assorbire il liquido.

Altri rimedi efficaci prevedono di mischiare un po’ di sapone liquido con dell’acqua ossigenata quindi strofinare vigorosamente.

Quando la macchia di vino non è più fresca allora si possono pensare ad altri rimedi naturali.

Il succo di limone unito ad un po’ di sapone liquido è particolarmente efficace. In alternativa, soprattutto quando la macchia di vino è particolarmente estesa, è indicato pretrattare la superficie con del dentifricio. Quest’ultimo è bene lasciarlo agire per qualche ora prima di pulire con un panno imbevuto di sapone liquido e acqua ossigenata.

Se proprio la macchia di vino non scompare dalla moquette, allora l’ultima soluzione è acquistare un prodotto specifico. In commercio si trovano numerosi smacchiatori professionali per moquette e tappeti realizzati appositamente per rimuovere ogni tipo di macchia.

PULIRE LA MOQUETTE: MACCHIE DI OLIO

Esistono vari tipi di composti oleosi: l’olio da cucina, i lubrificanti o gli olii utilizzati in cosmetica e sono tutti molto difficili da rimuovere dalla moquette.

Come nel caso delle macchie di vino, agire tempestivamente è la soluzione migliore.

Il consiglio è di tamponare subito la chiazza di olio con un panno oppure con della carta assorbente. È assolutamente sconsigliato strofinare, ciò non farebbe altro che spingere la macchia sul fondo.

Le macchie di olio, se ancora fresche, possono essere rimosse dalla moquette in vari modi.

Il metodo più efficace prevede l’uso dell’alcool denaturato il quale per via della sua composizione chimica scompone l’olio. Anche in questo caso non bisogna strofinare, ma tamponare la macchia con un panno.

In alternativa, cospargere la macchia con abbondante bicarbonato di sodio è un altro rimedio efficace. Potete far agire in composto per un’ora prima di trattare con un panno la superficie.

PULIRE LA MOQUETTE: MACCHIE DI COLLA

Se accidentalmente dovesse cadere della colla sulla moquette non bisogna farsi prendere dal panico. Prima d’ogni cosa si dovrebbe rimuovere la colla ancora fresca con un foglio di carta.

Successivamente si può rimuovere il residuo con un solvente a base di acetone imbevuto in un po’ di cotone. Può altresì usare un panno imbevuto in una soluzione fatta da acqua calda e un cucchiaio di ammoniaca.

Probabilmente per rimuovere la colla dalla moquette è necessario ripetere tale operazione più di una volta.

PULIRE LA MOQUETTE: MACCHIE DI VOMITO

Non è piacevole, ma quando succede è bene non farsi trovare impreparati. Se il vomito colpisce un normale pavimento in piastrelle o marmo (https://www.guidaconsumatore.com/casa/pavimento-in-marmo.html)non c’è alcun problema ma quando è coinvolta la moquette le cose cambiano.

Prima d’ogni cosa bisogna indossare dei guanti ed aprire le finestre. Subito dopo è bene rimuovere ogni materiale solido con un panno o un tovagliolo di carta.

Rimosso il grosso, per pulire il vomito dalla moquette si deve ricoprire la macchia con il bicarbonato o il sale grosso o l’amido di mais. Successivamente è necessario utilizzare uno smacchiatore professionale, cospargere nuovamente la superficie e tamponare la macchia.

Il suddetto metodo potrebbe non funzionare al 100%, l’odore potrebbe rimanere e in questo caso è necessario ripetere l’operazione e successivamente pulire nuovamente la moquette con un getto di vapore. Infine, spruzzare un po’ di deodorante sulla zona colpita dal vomito permette di riportare definitivamente la superficie allo stato originale.

COME RIMUOVERE MACCHIE SPECIFICHE DALLA MOQUETTE

Ecco qualche altro consiglio utile per rimuovere macchie specifiche dalla moquette:

  • macchie di smalto: tamponare la macchia con cotone imbevuto di acetone, senza intaccare anche il resto della moquette
  • macchie di alcolici: asciugare con carta assorbente, tamponare con un panno inumidito di acqua tiepida e lavare la moquette con lo shampoo apposito
  • macchie di cera: grattare la superficie della macchia con un cucchiaio; coprire la macchia con carta assorbente e passare il ferro da stiro (attenzione il ferro non deve andare direttamente a contatto con la moquette!); ripetere l’operazione finché la cera non risulterà totalmente assorbita dalla carta
  • macchie dovute a gomme da masticare: circondare la gomma da masticare con del ghiaccio in sacchetti di plastica; quando la gomma sarà congelata, frantumarla e raccoglierne i pezzi (non con l’aspirapolvere); questo metodo vale per altri tipi di macchie “solide”
  • macchie di inchiostro: assorbire la macchia con carta assorbente e poi passare un panno imbevuto di acqua calda; ripetere l’operazione finchè la macchia sarà cancellata.

Ammoniaca e detergente possono essere aggiunti ai panni umidificati nel caso in cui le macchie siano particolarmente ostili.

È necessario comunque non strofinare mai la moquette, bensì tamponarla con gesti pacati e regolari, altrimenti le macchie finiranno per espandersi ancora di più.

COME DISINFETTARE LA MOQUETTE

Elegante, comoda ma anche difficile da pulire e da disinfettare. È importante disinfettare la moquette periodicamente, soprattutto quando in casa ci sono bambini e animali domestici (https://guidaconsumatore.com/bambini/un-animale-domestico-per-il-bambino).

Per sua natura all’interno della moquette si possono annidare molti batteri, oltre che sporcizia e polvere. Dopo aver pulito la moquette con i metodi fin ora riportata si può pensare di igienizzarla pulendo la superficie mediante un lavaggio a secco.

Il lavaggio a secco è l’ideale per la moquette in quanto non prevede l’uso di acqua né di detergenti particolarmente invasivi.

In alternativa, si può disinfettare e igienizzare la moquette mediante il vapore. Le alte temperature, infatti, permettono di rimuovere la quasi totalità di batteri e acari. In commercio esistono molteplici strumenti in grado di emettere un getto di calore sufficiente per pulire la moquette.

Talvolta può essere necessario rivolgersi ad una ditta specializzata. Annualmente o ogni due anni, rivolgersi a dei professionisti permette di rimuovere ogni macchia, germi e, in generale, lo sporco più ostinato.

Il servizio ha un costo tutto sommato accessibile. Per pulire la moquette le aziende specializzate sono solite chiedere un prezzo variabile a seconda della metratura. Con circa 150 euro è in genere possibile pulire intorno i 100 mq di appartamento.

(Visited 5.052 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.