Che cos’è Airbnb?

Airbn è una community che consente di affittare camere della propria abitazione, o alloggi, a viaggiatori di passaggio che si trovano vicino alla vostra città. È un modo per viaggiare alternativo alla classica sistemazione in hotel, è decisamente social e permette inoltre di risparmiare a chi è solito viaggiare spesso.

Che cos'è Airbnb?

Che cos’è Airbnb

L’idea di questo servizio è nata nel 2007 grazie a un’idea di tre studenti americani che, a San Francisco, hanno deciso di affittare tre air-bed and breakfast, cioè tre materassini con colazione, da cui il servizio prenderà il nome, per guadagnare qualche soldo. L’affitto, proposto a soli 5 euro, è stato il primo passo verso un’idea redditizia e di grande successo che ha permesso a molte persone di viaggiare in modo diverso risparmiando laddove possibile.

Così, nel 2008 Airbnb è stato ufficialmente inaugurato, anche se in Italia il successo è arrivato qualche tempo dopo, con svariati annunci provenienti da tutto il mondo e un giro d’affare notevole e di grande impatto economico.

Viaggiando usufruendo di questo servizio è possibile venire a contatto inevitabilmente con persone del luogo e ricevere direttamente consigli da loro sulle mete più interessanti da visitare e i luoghi più caratteristici del posto in cui vi trovate. La soluzione è particolarmente vantaggiosa perché permette inoltre di soggiornare in luoghi di città piuttosto centrali, in cui il normale affitto di una camera o di una stanza d’albergo costerebbe parecchio.

Per iniziare a utilizzare Airbnb è necessario per prima cosa iscriversi al sito, anche tramite il proprio account Facebook, e compilare tutti i campi richiesti, compreso l’indirizzo mail. Una volta che sarete registrati, potrete cominciare ad esplorare il sito cercando la soluzione migliore e più consona alle vostre esigenze.

Facciamo un esempio pratico. Cliccando nel motore di ricerca la meta “Barcellona” potrete consultare un elenco di appartamenti e stanze disponibili per il periodo di tempo selezionato. In fase di ricerca, non dimenticate di leggere le recensioni degli utenti, così da fare una prima scrematura anche in base alla collocazione esatta dell’alloggio rispetto ai luoghi che volete visitare.

Veniamo ora ai pagamenti, che variano da paese a paese con diverse modalità. In Italia è possibile pagare con carta di credito e Airbnb addebiterà il costo del soggiorno prenotato solo dopo che la vostra richiesta sarà stata accettata e confermata. Saprete se la vostra richiesta è stata accettata se vi arriverà una mail con tutti i contatti, anche telefonici, di chi vi dovrà ospitare.

Airbnn non solo permette di scegliere un alloggio, ma vi permette di diventare voi stessi, sull’altro fronte, gli ospitanti per turisti e viaggiatori. Farlo è molto semplice. Una volta che vi sarete registrati al sito, basta andare alla sezione “pubblica annuncio” e selezionare quale spazio avete intenzione di affittare; un appartamento, una villa e persino un loft.

Non ci sono limiti al tipo di struttura che volete mettere a disposizione, basta solo indicare quanti posti letto state offrendo e corredare l’annuncio con una descrizione, il più possibile precisa, del luogo che volete mettere in affitto.

È necessario poi inserire delle fotografie, in modo che i viaggiatori possano prendere visione preventivamente del luogo in cui andranno a stare. Per questo, Airbnb mette a disposizione anche un fotografo professionista a titolo gratuito.

Detto questo, entriamo maggiormente nel dettaglio di questo servizio, che a detta di molti viaggiatori si è rivelato conveniente, alla portata di tutti e in grado di fare risparmiare di molto rispetto a un tradizionale albergo.

La prima cosa da sottolineare è che chi affitta un appartamento, o altro, può scegliere liberamente se accettare o meno la richiesta dell’ospite, controllare il suo profilo e contattarlo anche via mail per porgli tutte le domande che si desidera.

Le tariffe sono libere, così come i termini di cancellazione. Il pagamento, invece, può avvenire tramite paypal, assegno o bonifico e sarà emesso 24 ore dopo il check in del cliente con il 3% dell’importo trattenuto.

Quando si accetta una prenotazione con Airbnb, la proprietà è coperta per furti e atti vandalici mediante assicurazione fino a 35000 euro e, in ogni caso, sarà possibile contattare il numero dell’assistenza, attivo 24 ore su 24, che troverete sul sito.

È doveroso, infine, soprattutto nei confronti di chi non conosce il servizio di Airbnb o si appresta a utilizzarlo per la prima volta come viaggiatore, fare alcune precisazioni e dispensare qualche consiglio per evitare truffe o spiacevoli inconvenienti.

Leggete sempre le recensioni. Attraverso la recensione potrete fare una prima scrematura e valutare se il luogo in cui state per recarvi è ben tenuto, pulito e conforme alle vostre esigenze.

Contattate il padrone di casa. Questa è la prima cosa fare prima di concludere il vostro affare. In caso di dubbi o incertezza, contattate il padrone di casa per chiarimenti.

Contattate gli affittuari. E, cosa molto importante, per essere sicuri al 100% contattate i precedenti affittuari. Parlare con chi, prima di voi, ha soggiornato in quel luogo sarà la vostra prova del nove. Potrete così capire se le fotografie sul sito corrispondono alla realtà e se gli standard di comodità e pulizia inseriti nell’annuncio sono veritieri.

(Visited 358 times, 3 visits today)

Una risposta

  1. Marta80

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.