Idropittura: cosa sapere

Sei in procinto di ritinteggiare casa? Cerchi qualcosa di funzionale e allo stesso tempo pratico da utilizzare? Leggi l’articolo e scopri come utilizzare al meglio l’idropittura.

Che cos'è l'idropittura

Soluzione pratica ed efficace, l’idropittura è sempre più scelta da chi decide di ristrutturare la propria casa. Grazie alle mille tipologie in commercio e la sua facile stesura, rende questo prodotto molto utilizzato sia da chi è del mestiere ma anche da chi preferisce pitturare da sé la propria casa.

L’idropittura, particolare vernice a base di acqua, è un prodotto molto funzionale per la pittura dalle pareti di casa. Donano un tocco di originalità agli spazi senza danneggiare l’ambiente. Infatti, proprio per la loro particolare composizione, è maggiormente indicata per rinnovare le superfici in gesso, in cemento e in mattone.

Leggi l’articolo per scoprire i vantaggi delle idropitture.

CARATTERISTICHE DELL’IDROPITTURA

Chi decide di ridare nuova vita alle proprie pareti di casa, con una nuova tinteggiata, spesso si pone il problema su quale tipo di pittura scegliere. L’idropittura o la classica tempera?

Nata come alternativa alla comunissima pittura, oggi l’idropittura è sempre più richiesta da chi desidera ritinteggiare le proprie pareti di casa, stando anche attenti al rispetto della natura. Ma anche al proprio budget dato che è un prodotto conveniente ma, soprattutto, facile da usare.

Facciamo un po’ di chiarezza in merito alle varie tipologie di pitture che si possono trovare in commercio.

Infatti, solitamente le pitture, a differenza delle vernici che sono composte dà due soli componenti, sono formate da 3 sostanze:

  • un legante,
  • un diluente,
  • un pigmento colorato.

Tra le pitture possiamo distinguere le tempere e le idropitture. Quest’ultime, in base all’ambiente in cui si decide di applicarle, possono essere:

traspiranti utili a fa “respirare” la parete in cui viene applicata, evitando la formazione di condensa. Particolarmente adatte per cucine, bagni e soffitti. Questa tipologia conferisce non solo protezione ma anche un’elevata permeabilità al vapore.
– lavabili, a pori chiusi, ideali in posti in cui più facilmente si potrebbero sporcare. Infatti sono facilmente pulibili, resistenti all’abrasione dovuta agli strofinamenti e trattengono meno le macchie rispetto ad altre idropitture. E’ idropellente ed è composta da battericidi, resine acriliche e pigmenti pregiati;

– super lavabili, simile alla precedente, ma molto più resistente e coprente. Viene scelta per le pareti soggette ad agenti atmosferici;

-igienizzanti con resine acriliche utilizzata soprattutto per luoghi pubblici. E’ ideale, inoltre, per coloro che soffrono di allergie,

–  termoisolanti, ( idropittura termica) ideali per ambienti esposti a nor o angoli della casa in cui è facilmente riscontrabile la temuta muffa. Mantiene calde le pareti favorendo anche un maggiore risparmio energetico.

Tutte le tipologie sopra descritte hanno un’ottima resistenza alle muffe, all’umidità e ai funghi. E proprio per questo motivo che le idropitture sono sempre più richieste alle aziende. Anche se non hanno un costo molto economico ma, certamente, garantiscono maggiori vantaggi alle mura di casa

L’ampia gamma di scelta di colore, presenti sul mercato, offre la possibilità di individuare soluzioni ad hoc per ogni tipo di esigenza e di ambienti. Infatti, realizzare la tonalità che si preferisce è davvero semplice: basta semplicemente dosare i pigmenti necessari per la sfumatura di colore desiderata.

Al momento dell’acquisto, inoltre, è importante controllare sempre, sul retro della confezione, la quantità necessaria di acqua per la diluizione. Infatti, questa varia da prodotto a prodotto. Ed inoltre, è importante valutare in fase preliminare la quantità di idropittura da acquistare. Questo perché la pittura diluita deve essere utilizzata nel breve periodo, dato che è preferibile non utilizzarla a distanza di tempo.Applicazione dell'idropittura

COME UTILIZZARE L’IDROPITTURA?

Grazie alle sua facile stesura, l’idropittura è maggiormente utilizzata da chi decide di non rivolgersi ad un professionista per la tinteggiatura della propria casa.

Ecco le varie fasi:

  1. Prepara le pareti da tinteggiare. Se necessario, lisciare e trattare le pareti adeguatamente lo spazio. E in presenza di muffa, è importante disinfettare con candeggina almeno qualche giorno prima.
  2. Rivesti con attenzione le prese della luce con nastro adesivo, e i pavimenti. Utilizzare del nastro-carta su telai di porte, finestre e battiscopa.
  3. Diluisci con la quantità di acqua indicata sul retro del barattolo, il prodotto seguendo accuratamente le indicazioni fornite dall’azienda produttrice;
  4. Crea la tonalità desiderata. Basta semplicemente miscelare i pigmenti colorati scelti con la vernice bianca, colore base dell’idropittura, fino ad ottenere un composto uniforme. Un consiglio da seguire è quello di acquistare piccoli barattoli così da non lasciarne aperti.
  5. Dopo aver preparato la pittura, procedi con l’applicazione sulle pareti dopo aver accuratamente coperto mobili con teli protettivi in plastica e posti, per praticità al centro della stanza.
  6. Valuta la tonalità di colore dopo la prima passata. Se il colore ottenuto è soddisfacente, attendere per 24 ore. Se, invece, si vuole ottenere una tonalità un po’ più forte, passare un’altra mano di idropittura.
(Visited 92 times, 2 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.