Depuratore: a cosa serve?

Le caratteristiche organolettiche dell’acqua del rubinetto, sono ben precise: essa deve essere inodore, priva di sapore e di colore. Tali caratteristiche sono sancite dalla legge, poiché esiste una normativa concernente la “qualità dell’acqua destinata al consumo umano” contenuta nel decreto legislativo n. 31 del 2001 che recepisce la direttiva europea 98/83/CE. Tuttavia, la legge non precisa nulla riguardo la durezza dell’acqua, in quanto la presenza di sali solubili nell’acqua non provoca un danno alla salute ma è solo una questione di gusto. Molte persone, per ovviare al problema dell’acqua “sgradevole”, preferiscono acquistare l’acqua imbottigliata.

depuratore acqua casa

Infatti, l’Italia rientra nel novero dei primi Paesi per il consumo di acqua in bottiglia, si parla in media di 224 litri a testa all’anno, ovvero di un consumo di più di 13 miliardi di bottiglie di plastica, e di conseguenza un enorme impatto ambientale. Pertanto, l’acqua in bottiglie usa e getta non è la soluzione migliore, ma non solo per l’ambiente. Acquistare molte casse d’acqua richiede un enorme spreco di spazio nella propria casa, trasportare le casse per le scale o nel tragitto supermercato-macchina-casa può essere faticoso e stancante. Inoltre, non viene considerato un altro fattore importante: a volte le sostanze nocive potrebbero migrare dall’imballaggio in PET (polietilene tereftalato) delle bottiglie all’acqua stessa.

Come si può, quindi, bere un’acqua dal sapore più gradevole senza utilizzare le bottiglie usa e getta? Semplice, si può installare un depuratore acqua casa,  facendo una scelta ecologica e pratica. Infatti, i depuratori d’acqua servono a migliorare l’acqua domestica che potrebbe presentarsi ricca di nitrati o metalli che la contaminano e ne alterano il gusto.

In commercio ne esistono di diversi tipi, a seconda delle esigenze. La maggior parte dei modelli in commercio, si istalla sotto al lavello della cucina, e si collega direttamente al rubinetto, ma esistono anche depuratori portatili più comodi e maneggevoli, oltre agli erogatori “da banco” che, con un design moderno e minimal, consentono anche di arricchire l’arredamento della propria cucina. Per chi preferisce l’acqua frizzante, inoltre, esistono dei depuratori che sono in grado di generare anche acqua gassata partendo dall’acqua del rubinetto, semplicemente addizionandola di anidride carbonica. Inoltre, per evitare di dover tenere le bottiglie in frigorifero, è possibile acquistare impianti che producono direttamente acqua fresca per dissetarsi in estate o acqua calda per preparare direttamente the e tisane.

Come funziona un depuratore

Il depuratore d’acqua domestica, generalmente funziona attraverso il meccanismo dell’osmosi inversa, ovvero l’acqua da trattare viene spinta attraverso una membrana da una pompa, che esercita una pressione superiore a quella osmotica, così da ottenere due flussi in uscita: la parte di acqua in ingresso che attraversa la membrana costituisce il permeato (povero di sali) che va all’utilizzo, mentre la rimanente parte fuoriesce con un’elevata concentrazione salina, dovuta all’accumulo di tutti i sali che non hanno attraversato la membrana, il concentrato (ricco di sali) che va scartato.

iò significa, spiegando in modo semplice, che con tale apparecchio è possibile bere acqua buona, e quindi, priva di elementi potenzialmente nocivi per la salute, direttamente dal proprio rubinetto provvedendo così al fabbisogno idrico di tutta la famiglia senza dover acquistare acqua in bottiglia. Parlare di osmosi inversa, però, non equivale a parlare di microfiltrazione, i due termini non sono sinonimi. La microfiltrazione, infatti, consiste nel trattenere le sostanze presenti nell’acqua (generalmente il cloro) attraverso un filtro, ma non diminuisce la quantità di sali disciolti nell’acqua e non abbassa il residuo fisso. Pertanto, si tratta di una soluzione maggiormente indicata per l’acqua già leggera, come ad esempio l’acqua di montagna.

(Visited 51 times, 1 visits today)
Milena Talento
Classe 1985, una laurea in Filosofia e una passione per il web nata ai tempi dei convegni universitari su Merleau-Ponty e i neuroni specchio. Autodidatta dalla A alla Z, comprende le potenzialità lavorative ma soprattutto economiche delle emergenti professioni tecnologiche e decide di sfruttare le proprie abilità letterarie e logiche applicandole ad un ambito nuovo. Da qui si affaccia alla professione di copywriter che coltiva per diversi anni. Scrive per alcuni e-commerce emergenti (tra cui Dalani e Zalando), si appassiona alla programmazione dei siti web, ma soprattutto agli algoritmi di Google. Circa 10 anni fa apre una web agency con cui si occupa di comunicazione a 360°. Guidaconsumatore.com viene acquistato nel 2018, dopo anni passati a lavorare in redazione come copy e seo. Tra i suoi blog più importanti: www.guidaconsumatore.com www.faidatecreativo.com www.coltivarefacile.it www.guidapet.com
Milena Talento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.