Minio

Il minio è un minerale, nello specifico un ossido formato essenzialmente da piombo. Si presenta composto da una polvere pesante. Non ha una simmetria ben definita se si osservano le sua caratteristiche mineralogiche. Dal punto di vista dell’etimologia del termine possiamo dire che il nome minio derivi molto probabilmente dal fiume “Minius”, un corso d’acqua che si trova soprattutto nella parte Settentrionale della Spagna. Il suo utilizzo risale addirittura all’antichità. Sembra, infatti, che in passato venisse adoperato per produrre colori e articoli cosmetici. Le donne romane, specie quelle più in vista ed importanti all’interno della società, lo impiegavano come rossetto. In realtà, sapevano poco o nulla, a quel tempo, della tossicità di questo minerale, data proprio dalla presenza del piombo.

Caratteristiche fisiche del minio

Partiamo innanzitutto da considerazioni relative all’aspetto cristallino. Il minio appartiene al gruppo dimetrico e cristallizza nel sistema tetragonale. L’abito cristallino può essere massivo ma anche granuale. I cristalli si presentano, spesso, molto simili a scaglie dalle dimensioni davvero limitate. Non è raro trovare anche dei cristalli riuniti in aggregati polverulenti. E’ solubile nell’acido cloridrico.

Sotto l’aspetto fisico, invece, il minio presenta una densità di 8,2 g/cm3 mentre ha valori molto bassi (tra 2 e 3 sulla scala Mohs) per quanto concerne la durezza. La sfaldatura avviene in maniera perfetta lungo le due direzioni, l’indice di rifrazione è di 2,4 mentre la lucentezza è adamantina. Volendo dare un’occhiata al colore si nota che quello principale è senza dubbio il rosso, anche se sono presenti diverse tonalità che si avvicinano al giallo, all’arancio, al bruno e ad altri colori.

Una delle caratteristiche principali del minio è quella di avere una frattura terrosa. Ciò vuol dire che si disintegra abbastanza facilmente, come avviene anche per l’argilla. Dal punto di vista del pleocroismo possiamo dire che si verifica un dicroismo medio. I colori che compaiono al dicroscopio sono il rosso mentre è presente anche la varietà incolore. Chiudiamo con una considerazione sulla trasparenza. Per quanto concerne il minio, essa può essere subtrasparente o opaca.

Genesi e giacimenti di minio

Il minio si origina nelle zone di ossidazione dei giacimenti di piombo. In realtà, la sua è un’origine secondaria. La paragenesi avviene con la galena e la cerussite. I principali giacimenti di minio si trovano in California, Colorado e Arizona, nonché in Australia, Russia, Francia, Grecia e Scozia. In Spagna il minio si trova lungo il fiume Minius che, come abbiamo visto, dà il nome al minerale. In Italia alcuni giacimenti si trovano ad Iglesias ed in provincia di Cagliari. Nel Settentrione sono ubicati a Zuccarello, in provincia di Savona.

Curiosità ed utilizzo del minio

Già da diverso tempo, ormai, il minio viene prodotto a livello industriale tramite l’ossidazione del piombo fuso che avviene attraverso una corrente d’aria. Un tempo veniva impiegato nella fabbricazione di vernici antiruggine nonché come pigmento pittorico. Oggi, viene utilizzato nella preparazione di smalti e vernici ad olio per il rivestimento di manufatti di ferro, acciaio e ghisa. A volte, viene lavorato con varie sostanze colorate con gli ossidi di ferro.

(Visited 358 times, 1 visits today)
Milena Talento
Classe 1985, una laurea in Filosofia e una passione per il web nata ai tempi dei convegni universitari su Merleau-Ponty e i neuroni specchio. Autodidatta dalla A alla Z, comprende le potenzialità lavorative ma soprattutto economiche delle emergenti professioni tecnologiche e decide di sfruttare le proprie abilità letterarie e logiche applicandole ad un ambito nuovo. Da qui si affaccia alla professione di copywriter che coltiva per diversi anni. Scrive per alcuni e-commerce emergenti (tra cui Dalani e Zalando), si appassiona alla programmazione dei siti web, ma soprattutto agli algoritmi di Google. Circa 10 anni fa apre una web agency con cui si occupa di comunicazione a 360°. Guidaconsumatore.com viene acquistato nel 2018, dopo anni passati a lavorare in redazione come copy e seo. Tra i suoi blog più importanti: www.guidaconsumatore.com www.faidatecreativo.com www.coltivarefacile.it www.guidapet.com
Milena Talento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.