Buoni, cattivi e redenti. Altri dettagli sul regno di Once upon a time

Personaggi maschili Dopo la disamina dei principali personaggi femminili di Once upon a time, con le loro versioni funko pop, vi propongo ora un articolo sui caratteri maschili che hanno segnato lo show e di cui si trovano in commercio miniature da collezione e altri oggetti da collezione di cui scriverò dopo questo lungo viaggio nel mondo dei bobbleheads. Il principe azzurro aka David Nolan Eroe per antonomasia, il principe azzurro da generazioni incarna genericamente tutto il panorama delle figure positive Disney, o almeno quelle dei film d’animazione più datati. Avremmo chiamato principe azzurro quello di Cenerentola, quello di Aurora,

Personaggi maschili

Dopo la disamina dei principali personaggi femminili di Once upon a time, con le loro versioni funko pop, vi propongo ora un articolo sui caratteri maschili che hanno segnato lo show e di cui si trovano in commercio miniature da collezione e altri oggetti da collezione di cui scriverò dopo questo lungo viaggio nel mondo dei bobbleheads.

Il principe azzurro aka David Nolan

Eroe per antonomasia, il principe azzurro da generazioni incarna genericamente tutto il panorama delle figure positive Disney, o almeno quelle dei film d’animazione più datati. Avremmo chiamato principe azzurro quello di Cenerentola, quello di Aurora, oltre che quello di Biancaneve. E’ più del nostro secolo la caratterizzazione che esce dal prototipo e abbandona anche l’idea del principe e dell’eroe predestinato come protagonisti delle favole contemporanee.

David, prima di diventare un principe, era di umili origini. Lui e il suo gemello James, molto piccoli, si erano ammalati e per garantirne la guarigione il padre aveva praticamente offerto James a Tremotino. James era diventato principe, mentre David e sua mamma, dopo la scomparsa del padre, avevano vissuto come pastori.

Qualche anno dopo, nuovamente per intercessione del Signore Oscuro, David aveva preso il posto di James, fingendosi il fratello. Avrebbe dovuto sposare la figlia di Re Mida, ma poco prima delle nozze incontrò Biancaneve, che intanto viveva da ricercata a causa della Regina.

Il loro primo incontro è uno dei momenti più amati dai fans di Once. Biancaneve ruba l’anello di nozze e David la insegue per capire chi sia il ladro. Di qui nasce un intreccio che li conduce a ritrovarsi sempre e a innamorarsi l’uno dell’altra. In un viaggio di nella foresta incantata in quegli anni, Emma e Uncino, cambiano un pò la storia, senza volerlo, ma alla fine si adoperano perché tutto ritorni com’era e riappaia sul libro magico ogni avvenimento, compresa la nascita di Emma.

L’esperienza serve alla salvatrice a rendersi conto di quanto ami la sua famiglia e ad ammettere di provare dei sentimenti per Uncino, col quale il rapporto inizia con le stesse premesse, potremmo dire, di quello di Biancaneve e David, cioè da “nemici” a ritrovarsi compagni d’avventura e poi di vita.

Emma, infatti, proprio come i genitori, nella quinta stagione, quando Uncino si sacrifica per salvare tutti dall’Oscurità a cui aveva momentaneamente ceduto, lei intraprende un viaggio nell’Ade e pronuncia le parole: “I’ll find you Hook, I’ll always find you”. La salvatrice, insomma, fa promessa di ritrovare il suo amore, con la fiducia che sarà sempre così perché sa di aver trovato l’uomo della sua vita, non un principe azzurro, ma un pirata redento dalla sua sete di vendetta.

Tremotino e le sue mille facce

Tremotino è il personaggio più ricco di sfaccettature del regno di C’era una volta. Figlio di un imbroglione, che in seguito grazie a un fagiolo magico arriva sull’Isola che non c’è, un luogo che aveva sempre immaginato da piccolo, e ritornato giovane diventa Peter Pan. Tremotino, dunque, viene abbandonato dal padre, che di crescere e smettere di commettere errori proprio non vuole saperne.

Da adulto Tremotino sposa Milah, dalla quale ha un figlio Baelfire, ma il loro matrimonio è infelice. Milan vede in lui un codardo e quando conosce Killian Jones, ossia Uncino, si invaghisce di lui e abbandona il marito e il figlio. Tremotino, per vendetta, uccide Milah e da allora Killian gli darà la caccia. Per il pirata, a cui Tremotino porta via anche la mano, egli rappresenta il coccodrillo.

Tremotino, dopo l’abbandono di Milah, è diventato il Signore Oscuro a seguito del ritrovamento di un pugnale magico, col quale appunto uccide il suo padrone e ne prende il posto assorbendone poteri e malvagità.

Bealfire nutre rancore per il padre e fugge via. Tremotino non si dà pace e persegue una lunga strada, densa di scelte sbagliate, per ritrovarlo. Una profezia gli rivela che sarà proprio un ragazzino (il nostro Henry, figlio di Emma e Neal) la chiave per ritrovare Baelfire (Neal), ma quel ragazzino determinerà anche la sua fine.

Rimasto solo nel suo castello Tremotino a un certo punto prende come custode Belle, la figlia di Maurice, al quale promette di proteggere il regno in cambio. Per la ragazza lui rappresenta la Bestia, il mostro oltre il quale andare per scoprire che c’è del buono nel suo cuore. Belle ha ragione, ma l’immensa oscurità di Tremotino lo porta per lungo tempo a preferire sempre il potere all’amore.

Solo alla fine della sesta stagione i due trovano la felicità e hanno un figlio, che conoscono prima da adulto nella sua apparizione a Storybrooke come villain. Gideon, infatti, è stato allevato dalla Fata Nera, ma grazie all’aiuto di Emma e gli altri il bene trionfa e Gideon ritorna bambino e viene allevato dai suo genitori.

Nel corso della settima stagione Tremotino cerca insieme a Belle un modo per distruggere l’Oscurità, mentre vivono insieme anni felici. E’ proprio il tempo a dividerli, perché con l’incombere della vecchiaia Belle muore.

Tremotino, nell’ambito del nuovo sortilegio, scagliato stavolta da Genoveffa, trova la sua strada di redenzione, dando la sua vita per la versione di Hook del regno dei desideri, e sua figlia Alice, consentendone così il ricongiungimento. I due non potevano, infatti, stare insieme a causa della magia del cuore avvelenato, ma la fine dell’Oscurità consentirà a tutti il lieto fine, anche allo stesso Tremotino che trapassando si ricongiunge alla sua Belle.

Tremotino negli anni è stato anche l’insegnante di Regina, grazie al quale coltiva il suo potenziale, ma allo stesso tempo intraprende con più facilità la strada del male. Ma tutto è bene quel che finisce bene in Once e solo i veri cattivi soccombono o comunque si rendono protagonisti di sacrifici che li rendono meno invisi al pubblico, come il sacrificio di Lady Tremaine, in questa settima stagione anche Rapunzel, che dà la sua vita per Genoveffa, la quale invece non credeva di essere amata dalla madre. Dall’esempio della famosa matrigna, anche sua figlia imbocca un nuovo cammino di riscatto.

Il funko pop di Tremotino è stato prodotto in due versioni. La classica rappresenta Tremotino nella sua pelle luminosa, caratteristica dei Signori Oscuri, e col pugnale che contiene tutto il suo potere. L’altro funko è identico, ma il bobblehead è tutto dorato, a richiamare la capacità di Tremotino di trasformare la paglia in oro e che gli vale anche il nome di Mr Gold al momento del sortilegio.

Capitan Uncino, ma anche Killian Jones

Il titolo del paragrafo potrebbe indurre a pensare che Capitan Uncino e Killian Jones siano due identità separate, ma non è così. Sono la stessa persona, ma è importante rimarcarne la differenza perché Killian Jones rappresenta in un certo qual modo quanto di buono c’è sempre stato in Uncino, sia nel passato che nelle scelte che lo hanno portato alla riconversione.

Prima di diventare un pirata Killian lavorava insieme a suo fratello per la marina inglese e dopo aver perso Liam, a causa del Rubus Noctis, un veleno che il re aveva comandato di andare a requisire sull’Isola che non c’è, Killian si ribella e sceglie di vivere insieme a tutto l’equipaggio nella pirateria. Il suo cuore di riempie di tristezza e rancore, ma è solo dopo la perdita di Milah, il suo primo amore, che Killian cede al “male”.

Quando, ormai noto con la fama di Uncino, incontra Emma la sua vita muta nuovamente. Il loro primo atto è la scalata di una pianta di fagioli, per recuperarne uno che con la sua magia possa riportare Emma e Biancaneve a Storybrooke. I due scoprono di formare subito un ottimo team, ma Emma è restia a fidarsi e così inganna Uncino per darsi un vantaggio nel suo tentativo di tornare a casa.

Il pirata, alle dipendenze di Cora, madre di Regina, a quel punto decide di fare lo stesso, di continuare a inseguire la sua vendetta e non appena gli viene servita l’occasione riserva ad Emma lo stesso trattamento. Sembra che il loro capitolo sia chiuso, ma quando anche Uncino arriva a Storybrooke, dove cerca Tremotino per ucciderlo, varie dinamiche li portano a stare dalla stessa parte.

Emma e Uncino instaurano un rapporto di reciproco abbattimento di muri e in un viaggio intrapreso a Neverland (l’Isola che non c’è) per salvare Henry da Peter Pan, nonostante anche Neal sia tornato nella vita di Emma e si sia rivelato il padre di Henry, tra i due scatta innegabilmente la scintilla. Il primo ad ammetterlo è Uncino, che dopo un bacio di ringraziamento datogli da Emma per aver salvato David, capisce di provare per lei un sentimento che lo porterà in seguito ad abbandonare la strada della vendetta.

Emma impiega più tempo a fare i conti coi suoi sentimenti, perché dopo la morte di Neal, vorrebbe solo tornare con Henry a una vita normale a New York, finché non capisce che la sua è solo paura di essere davvero felice dopo tanto tempo. Dopo il viaggio nella Foresta incantata, che ho menzionato a proposito di Emma e Uncino che cambiano in parte gli eventi dell’incontro di Biancaneve e David, i due una volta tornati a Storybrooke si baciano.

Uncino per riportare Emma a Storybrooke a salvare i suoi da un ennesimo sortilegio ha barattato in precedenza la Jolly Roger, ossia la sua nave. Emma sa quanto quella nave rappresenti per lui e quell’ulteriore gesto la aiuta a comprendere che nel suo cuore c’è un eroe, che lei ama, e che merita il suo lieto fine.

Prima di sentir pronunciare a Emma le parole “ti amo” trascorre un’intera quarta stagione, in cui lei e Killian hanno una relazione, ma non tutti i muri sono ancora pronti a cadere. E’ quando Emma pensa di perdere Uncino, diventando la Signora Oscura, che gli dice cosa prova, anche se noi fan sappiamo di questa sua volontà di farlo in un precedente episodio. Sempre la perdita temporanea di Killian, durante il nuovo sortilegio, l’aveva portata a spiegare a Regina di aver gettato l’occasione di svelare i suoi sentimenti all’uomo che amava.

L’oscurità a cui Emma cede prima per salvare Regina, diventa in seguito il mezzo per salvare Killian dal suo destino di morte a Camelot, dove viene ferito. Per non perderlo Emma lega la sua vita a quella del pugnale e così entrambi diventano signori oscuri. Tuttavia Emma, temendo che Killian non sia in grado di accettare quella scelta e di affrontare altra oscurità, gli tiene celata la verità scagliando un sortilegio che riporta tutti a Storybrooke senza memoria.

Quando Killian scopre la verità si sente tradito dalla donna che ama e riprende temporaneamente un percorso di vendetta, ma prima di giungere a compiere un malefico piano che possa dare vita a tutti i Signori Oscuri del passato, il pirata ricorda grazie a Regina che tipo di uomo avrebbe voluto essere, specie dopo l’abbandono del padre e l’esempio ricevuto dal fratello. Killian si fa uccidere da Emma, che così crede di liberare tutti dall’oscurità.

Purtroppo Tremotino vanifica il sacrificio e torna ad essere il possessore del pugnale. Emma allora non riesce ad accettare la sorte che è toccata al suo amato e decide di andare nell’Oltretomba per riportarlo indietro. Dopo varie vicissitudini e una prova di  vero amore superata, purtroppo Emma e Killian sono costretti a dirsi di nuovo addio. E’ Zeus, che volendo ricompensare Killian per aver contribuito a sventare il malvagio disegno di Ade, lo restituisce alla vita e lo fa riapparire a Storybrooke.

La strada con Emma è tutta in discesa, nonostante qualche altro momento di suspence e tensione introdotto dagli autori, e i due nella sesta stagione si sposano. Nella settima stagione, Jennifer Morrison, l’attrice che interpreta Emma, ha abbandonato la scena, firmando solo per due episodi, per cui del suo personaggio e di Killian sappiamo che hanno avuto una figlia di nome Hope e che quel “felici e contenti” non è andato smarrito, come qualcuno ha temuto, quando Colin O’ Donoghue ha deciso di continuare a interpretare Hook.

Gli autori hanno scritto per lui la storia della sua versione del Regno dei desideri e allo stesso tempo hanno regalato ai fans qualche scorcio di quello che alcune chiamano il Killian “originale”. In realtà sono due personaggi, che muovendo da una storia di partenza comune, arrivano entrambi al lieto fine grazie all’amore. Nel caso dell’altro Uncino, l’amore è quello per sua figlia Alice, avuta dalla perfida Gothel che intanto si era finta Rapunzel per sedurlo.

Di Uncino ci sono tre versioni funko pop: la prima in cui è presentato appunto come Capitan Uncino e veste i panni del pirata, con l’uncino al posto della mano sinistra. Nel secondo compare come Killian Jones, con riferimento alla sua back story, e ha entrambe le mani. Nella terza proposta è Uncino con Excalibur, ossia la spada da cui discende il pugnale dell’Oscuro, ed è appunto la sua versione dark.

(Visited 35 times, 1 visits today)

Una risposta

  1. Nikky

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.