Mondo Disney: storia e curiosità su Topolino e i suoi amici

Il Disney universe è uno dei più corposi per il numero di personaggi che contempla e delle storie rappresentate sia in più episodi che in live action dei classici più famosi. La distinzione coi live action per un vero Disney addicted, come si dice in gergo, è obbligatoria, poiché dopo i film d’animazione che sono per noi l’edizione canon delle favole, molti produttori hanno rielaborato i film d’animazione, inventando prequel o sequel o semplicemente riproponendo una versione “più moderna” delle storie di Walt. Non sempre i disneyani hanno apprezzato questo tipo di lavoro, poiché spesso si messo mano a dettagli

Il Disney universe è uno dei più corposi per il numero di personaggi che contempla e delle storie rappresentate sia in più episodi che in live action dei classici più famosi. La distinzione coi live action per un vero Disney addicted, come si dice in gergo, è obbligatoria, poiché dopo i film d’animazione che sono per noi l’edizione canon delle favole, molti produttori hanno rielaborato i film d’animazione, inventando prequel o sequel o semplicemente riproponendo una versione “più moderna” delle storie di Walt.

Non sempre i disneyani hanno apprezzato questo tipo di lavoro, poiché spesso si messo mano a dettagli considerati intoccabili. Un esempio? Le canzoni dei nostri classici. Per alcuni di noi è stato un vero turbamento cantare in sala i motivetti di una vita e scoprire che qualche strofa era stata completamente modificata.

Walter Elias Disney è per noi un secondo padre, una guida, un riferimento senza tempo. Il suo lavoro ha dato vita a un mondo che non conosce tramonto, perché generazione dopo generazione, nonostante tanta tv spazzatura, i suoi film restano un rito di passaggio, capaci di attrarre grandi e piccini, anche molte volte dopo la prima visione. Il suo primo personaggio, come tutti ben sanno, è considerato Topolino, anche se la sua carriera era cominciata con Oswald il coniglio fortunato.

Mortimer Mouse, poi ribattezzato Mickey Mouse, è il personaggio che dà il via al grande successo di Walt e intorno al quale gravitano numerose produzioni cinematografiche e fumettistiche. Anche i funko pop della serie Disney, chiaramente, cominciano con Topolino e gli altri protagonisti del suo universe, come Minnie, Pippo e Paperino.

Topolino: il personaggio che continua a rubare il cuore di milioni di fan

Topolino resta un personaggio intramontabile, mascotte di grandi e piccini, anche nel merchandising, fra gadget e abbigliamento, è il più forte di tutti i tempi. Sarà che generazioni intere sono cresciute coi fumetti di Mickey Mouse e dei suoi amici e che le sue avventure sono numerose e sconfinano in un prodotto che non è solo cinematografico o commerciale, ma Topolino  si può definire certamente un’icona per la vita.

Walt e il suo socio, Ub Iwerks, lo disegnarono su ispirazione di Walt che per qualche tempo aveva avuto un topo “domestico” e fu un gran successo.

Topolino ha delle grandi orecchie, dei pantaloncini rossi e delle grandi scarpe gialle. Inoltre indossa guanti bianchi. Il primo della serie porta appunto il numero 01 ed è chiaramente per i collezionisti, fan del mondo Disney, il primo pezzo da acquistare se si vuol far le cose con una pignoleria che nel caso dei nerd non è una caratteristica così fastidiosa. Porta lo stesso numero il Topolino metallico, edizione limitata del San Diego Comic Con.

Mickey Mouse è un topo genuino, carico di nobili sentimenti, talvolta timido e impacciato, altre volte estroverso e determinato. Ovviamente le sue mille sfaccettature si possono cogliere nelle molteplici storie in cui compare (perciò è un personaggio che non si può capire a pieno senza la lettura dei fumetti), anche se non sempre è protagonista, ma la sua presenza è preziosa per i suoi amici e soprattutto per Minnie, la topolina di cui si innamora e che lo ricambia.

Minnie Mouse: Non c’è Topolino senza Topolina

Minnie Mouse è la compagna di Mickey, una topolina forte e coraggiosa che qualche volta riprende Topolino di fronte ad ingenuità e leggerezze. Insomma Topolina è il primo personaggio Disney che assume tutti i connotati dell’essere umano e nella fattispecie della donna. Come altri personaggi femminili incarna anche il sogno, il desiderio della favola e del romanticismo, la dolcezza. Anche lei come Mickey è un’amica su cui contare per gli altri personaggi che gravitano nel loro mondo e soprattutto per Paperina.

Come Topolino ha grandi orecchie e i guanti bianchi. Sul capo porta un gran fiocco rosa a pois bianchi a cui si abbina il suo vestito, della stessa trama e degli stessi colori. Ai piedi porta grandi scarpe rossa con un accenno di tacco, che insieme ai colori ne marcano la femminilità. Nel merchandising di Mickey e Minnie sono moltissimi i copricapo con le orecchie che, appunto, si distinguono per il dettaglio del fiocco.

 

Steamboat Willie: Topolino sul battello a vapore

Steamboat Willie non è altro che un’edizione di Topolino, la terza se vogliamo essere fiscali, di cui sia stato realizzato un cortometraggio. Il nome vien fuori dalla canzone che fischia Mickey mentre è al timone “Steamboat Bill“. Nel breve film d’animazione compaiono anche Gambadilegno, proprietario dell’imbarcazione, e Minnie che si deve imbarcare e ce la fa proprio grazie a Topolino, che utilizza una gru per recuperarla.

Il colore del funko è dovuto al fatto che il cortometraggio fosse chiaramente in bianco e nero e per rispettare quell’atmosfera anche la miniatura è stata riprodotta allo stesso modo. Le differenze con il Topolino canonico sono sostanzialmente la posizione della braccia, che nel funko basico sono aperte, mentre qui sono appoggiate ai fianchi, e il cappello che ricorda più quello di un macchinista, ma del resto è perfetto se si considera che si tratta di un aspirante marinaio su un battello a vapore. Quella fessura sul cappello ricorda proprio l’assetto delle macchine a vapore.

Con lo stesso numero, il 24, esiste anche la versione metallica che si differenza sostanzialmente per il grigio più scuro e lucido.

Donald Duck: il papero sfortunato

Donald Duck, per noi Paperino, è fra i caratteri Disney più affascinanti dell’universe. Non si esprime comprensibilmente come gli altri personaggi e la sua originalità deriva dal carattere onomatopeico che riprende il suo verso di animale nell’espressione linguistica. Talvolta sembra borbottare frasi del tutto incomprensibili per chi non ha un orecchio attento e allenato ma in realtà è solo quando Donald Duck si scalda e si infastidisce, molto molto spesso, che si accentua quel “qua qua” un po’ sguaiato che si direbbe tipico delle papere.

Paperino è piuttosto sfortunato, gli capitano spesso disavventure, soprattutto quando programma di fare qualcosa che desidera, che sia anche consumare del cibo andando a fare un pic-nic, spunta sempre quell’intoppo che tira fuori il suo aspetto quasi caricaturale. Donald Duck, però, è molto più che iracondo e sfortunato, ha i suoi slanci d’affetto e tenerezza, soprattutto quando si invaghisce di Paperina ed è un vero amico per Topolino e Pippo.

Indossa un cappello e una divisa alla marinara con un papillon rosso. Non porta scarpe perché chiaramente ha i piedi palmati.

Pippo: Il  goffo cane antropomorfo

In lingua inglese Pippo è conosciuto come Goofy, che significa sciocco e in un certo senso ne descrive l’aspetto saliente. Pippo è un cane smemorato, che combina diversi pasticci. Agisce sempre in maniera spontanea e irrazionale, ma ha un cuore gigantesco. In effetti è l’esatto opposto di Topolino e proprio per questo potremmo dire il suo migliore amico e colui che ne bilancia l’indole. Famosissima è la sua risata (“Ah-hyuck”), una delle più imitate dagli amanti del doppiaggio.

Il suo abbigliamento ricorda quello di un contadino o comunque di una persona umile, spesso trasandata. Ha tutti gli elementi distintivi del cane e due dentoni che fuoriescono dal muso, marcando anche nell’aspetto il suo essere goffo e “diverso” dagli altri. Come Topolino e Minnie ha i guanti bianchi e le scarpe, che nel suo caso assomigliano più a quelle di un clown. La sproporzione della sua altezza e dei suoi piedi sono sempre finalizzate alla costruzione dell’immagine di uno svampito sgraziato.

 

(Visited 5 times, 1 visits today)

3 Commenti

  1. Miriana Minardi
  2. Mary
  3. Nikky

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.