Come scegliere lo scooter

Scegliere un nuovo scooter può non essere così facile come si può pensare, soprattutto se non si è esperti del settore e non si conoscono le molte alternative proposte dal mercato. Scopriamo cosa considerare prima dell’acquisto e quali parametri valutare per essere certi di arrivare a possedere lo scooter giusto per noi.

Come scegliere lo scooter

Come scegliere lo scooter

Esiste sul mercato una vasta gamma di modelli differenti di scooter; se si vuole evitare di fare l’investimento sbagliato e ritrovarsi delusi è necessario, quindi, conoscere alcuni parametri basilari sui quali basare la propria decisione prima di procedere all’acquisto.
Il primo e più importante aspetto da considerare, nella delicata fase di analisi dei vari modelli, è relativo all’utilizzo che faremo del nuovo scooter, ovvero se si cerca la comodità, le prestazione o un buon compromesso tra le due cose.
Inoltre, dato che guidare un motociclo implica sempre e comunque anche specifiche capacità e caratteristiche fisiche bisognerà tenere conto anche dell’impostazione dello scooter
In generale, se state cercando in primis la comodità del mezzo è consigliato optare per un modello basso, con un sotto sella capiente, pedana piatta e eventualmente alcuni optional come parabrezza, bauletto e ganci porta borse.
Se, al contrario, siete maggiormente orientati verso uno scooter che vi assicuri buone prestazioni di guida è preferibile scegliere un modello più alto che dia la possibilità di piagare in curva; in questo caso però vi troverete ad avere poco spazio sulla padana.

La cilindrata

Il primo aspetto da prendere in considerazione in merito alla cilindrata è relativo ai costi di manutenzione e di consumo di carburante. Se puntate su un 400, ad esempio, è consigliabile scegliere uno scooter bicilindrico, che offre buone prestazioni e alta affidabilità con costi piuttosto contenuti.
Scooter URBANO
Adatto a coloro che utilizzeranno il motociclo esclusivamente in ambito urbano o, al massimo, per brevi tragitti extraurbani. In questo caso la cilindrata ideale può essere 125cc, ricordando che in città la velocità massima consentita è di 50km/h.
Lo scooter ideale da guidare in città deve avere le giuste caratteristiche per muoversi agevolmente:

  • Leggero e compatto, per non diventare stanante nei parcheggi o nelle manovre a motore spento;
  • Scattante, per essere in grado di reagire nel traffico cittadino;
  • Con ampio raggio di sterzo, per far zig zag nel traffico e per le inversioni di marcia;
  • Capiente;
  • Protettivo, per potersi riparare dal freddo e dalla pioggia;
  • Confortevole, con sella ben imbottita e sospensioni poco rigide;
  • Sicuro

Scooter NON SOLO URBANO
Per chi si sposta prevalentemente in ambito urbano ma necessita di accedere anche a tangenziali e autostrade.
Non c’è molta differenza rispetto alle caratteristiche degli scooter urbani; si consiglia una cilindrata leggermente maggiore, per guadagnare in potenza e velocità massima.
Scooter TUTTOFARE
Ideale per chi lo utilizza ugualmente sia in città che su tangenziali e autostrade.
La cilindrata ideale va dai 200cc ai 300cc e le caratteristiche di questi modelli sono:
Prestazioni adeguate anche in tangenziali e autostrade, con velocità chi si aggira intorno ai limiti di legge con il motore a massimo regime;
Dimensioni intermedie tra i modelli urbani ed extraurbani;
Sicuri; questi modelli vantano un’offerta più articolata in merito alla sicurezza, con versioni a tre ruote o ABS.
Scooter EXTRAURBANO
Si tratta di modelli dedicati agli scooteristi più “evoluti”, ovvero coloro che utilizzano il mezzo sia per i tragitti quotidiani che per gite o escursioni più impegnative che prevedono anche lunghi trasferimenti autostradali.
Se questo è l’utilizzo che farete dello scooter dovrete considerare sia le prestazioni che il comfort; la fascia di cilindrata adatta supera i 300c e si ferma ai 400.
Le caratteristiche:

  1. Più confortevole dello scooter TUTTOFARE, con più spazio per pilota, bagaglio e passeggero;
  2. Offre prestazioni turistiche che mirano alla velocità di crociera più che allo scatto in accelerata;
  3. Può viaggiare al limite massimo senza sforzare il motore e senza richiedere frequenti soste per il rifornimento di carburante;
  4. I vani sottosella sono capienti per poter ospitare due caschi integrali;
  5. Quasi tutti i modelli extraurbani sono disponibili sul mercato sia in versione base che con ABS.
(Visited 147 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.