Gioco d’azzardo: uscire dal vizio

Il vizio del gioco d’azzardo è una vera e propria patologia psicologia che ha portato tante persone a rovinarsi e a perdere tutto, dai soldi alle relazioni alla famiglia. Per saperne di più su come abbandonare il vizio del gioco e a chi rivolgersi per chiedere aiuto continua a leggere questa guida. Dal vizio del gioco di azzardo si può uscire, ma sono necessari aiuto esterno da parte di specialisti e conoscenza del problema.

Il vizio del gioco d’azzardo: come smettere?

Giocare insegna fin da piccoli a stare bene con gli altri e a sviluppare la creatività. Ma quando diventa un vizio produce una dipendenza che deve essere curata.

Giocano tutti, piccoli e grandi ma in modo e con finalità diverse; il gioco è molto importante nella vita delle persone perché insegna a vivere meglio e con allegria.
Nel bambino il gioco è l’attività principale e avviene in maniera del tutto spontaneo, frutto di una straordinaria elaborazione immaginativa influenzata dall’ambiente socio famigliare in cui si vive.

I piccoli giocano per apprendere e attraverso questo mezzo crescono.

Nell’adulto invece, è un atto volontario, che ha spesso uno scopo ben preciso e si svolge sotto la guida dell’intelligenza; solitamente nel gioco i grandi esprimono i sentimenti e tendono a dare un fine all’attività.

Si può giocare in mille modi, con la fantasia, le parole, i sentimenti e i soldi; si può usare il gioco per ottenere dei risultati, oppure per sfidare qualcuno e ancora per scaricare lo stress quotidiano, superare i problemi e per ritrovare il bambino che c’è in tutti noi.
Senza rendercene conto si gioca sempre e ognuno ha il suo gioco preferito, ma con motivazioni differenti che dipendono dal carattere, dalle abitudini famigliari, sociali, dall’educazione e dall’autostima che abbiamo di noi.

Ma attenzione: non bisogna mai fidarsi di chi nega il gioco perché nasconde le proprie paure e incapacità a relazionarsi in maniera ironica con il mondo; ma anche di chi lo ama troppo perché corre il rischio di rifugiarsi in un mondo fantastico, perdendo il contatto con la realtà oppure sfida se stesso e gli altri in un turbine compulsivo dove la ragione diventa schiava del vizio, unica realtà nella quale trova il benessere.

come combattere il vizio del gioco

Il gioco sano

Giocare bene è fondamentale perché aiuta a sperimentare situazioni nuove, a vivere meglio ed è sinonimo di immaginazione creativa. La fantasia e il gioco hanno anche funzione terapeutica, insegnano a stare bene con gli altri, ad affrontare situazioni nuove, aiutano a compensare le frustrazioni e a difenderci da ansia e insicurezze. Sono un’ottima cura per i disturbi del carattere e le conflittualità.

Il giocatore sano inventa nuovi giochi, si sperimenta in varie situazioni, gioca da solo ma anche in gruppo e l’unico scopo che ha è rilassarsi. Non ha importanza se vince o perde, perché l’importante è distrarsi e trascorrere in maniera piacevole del tempo libero.

Il dramma del gioco d’azzardo

Il gioco d’azzardo nasce sulla base della propensione umana che spinge ad associare il gioco al rischio dei propri soldi e beni.Nella storia si sono sviluppate numerose tipologie di giochi a rischio che si associano alla casualità, le cui tracce sono riscontrabili sia nei reperti archeologici sia nei vecchi manoscritti provenienti dalla Cina, Giappone, Grecia ed Egitto.

Anche nell’antica Roma non erano rare le scommesse sui combattimenti dei gladiatori, le cui puntate erano chiamate “munera”.La parola azzardo deriva dal francese “hasard” e dall’arabo “azzahr” che significava dado, uno degli oggetti più vecchi legati alla tradizione ludica (del gioco). Il gioco di azzardo si diffonde poi con la vasta gamma di tipologie di giochi, sempre più legalizzati, così che i giocatori si dividono tra slot machine nei casinò, videogiochi reperibili nei bar e negli esercizi pubblici e lotterie popolari.

Il giocatore d’azzardo solitamente è una persona che usa il gioco come passatempo occasionale o abituale senza mai perdere il controllo e non necessariamente si trasforma in “dipendente”.

Tipologie di giocatori d’azzardo

Sono molte le motivazioni che possono spingere una persona a giocare d’azzardo, tanto che sono state distinte quattro tipologie di giocatori:

  • giocatore sociale
    che sa governare gli impulsi distruttivi, usa il gioco come attività ricreativa e modalità di socializzazione
  • giocatore problematico
    usa il gioco per sfuggire ai problemi
  • giocatore patologico
    a causa di problemi psichici usa il gioco per distruggere inconsciamente se stesso e gli altri
  • giocatore patologico impulsivo/dipendente
    è mosso da impulsi irrefrenabili nell’attività del gioco.

Il giocatore patologico ha uno stato mentale diverso da quello non patologico perché vive episodi simili alla sbornia, con modificazioni della percezione temporale e stati di estasi ipnotica.

La dipendenza da gioco, caratterizzata dalla perdita di controllo si differenzia dal vizio del gioco che invece può essere controllato e interrotto senza conseguenze negative per la mente ed il fisico.

Fattori di rischio

Sono molti gli studi che hanno cercato di individuare i fattori che predispongono una persona a divenire patologica rispetto ad un’altra. I ricercatori hanno individuato tre aspetti importanti che se messi in relazione gli uni con gli altri possono innescare nelle persone una dipendenza:

  • aspetti biologici
    sembra che i giocatori patologici abbiano un livello di serotonina più basso rispetto alla media
  • aspetti ambientali e educativi
    persone cresciute in famiglie con particolari problemi economici o con problemi di disoccupazione dove si cercava di racimolare del denaro attraverso il gioco
  • aspetti psicologici
    spesso si tratta di persone che vogliono dimostrare agli altri e a se stessi di riuscire ad avere un controllo sul fato e sulla casualità

Quando il gioco diventa “patologico”

Negli ultimi vent’anni, accanto alle problematiche relative all’uso e abuso di sostanze stupefacenti, si è manifestata anche la proliferazione di dipendenze non chimiche, che però con il trascorrere del tempo sono diventate rappresentanti di disturbi psichici moderni. Dal 1980 la letteratura psichiatrica ha riconosciuto la dipendenza da gioco come patologia psichiatrica.

Una persona soffre di questo disturbo se, quando cerca di interrompere il gioco, diventa particolarmente irritabile e irrequieta, se ha bisogno di giocare sempre di più, se incomincia a raccontare bugie in famiglia e agli altri e se arriva a commettere azioni illegali pur di giocare mettendo a rischio anche il proprio lavoro.

Il processo per diventare giocatori patologici è piuttosto lento, pericoloso e costituito da varie fasi.

Inizialmente il gioco è occasionale, un passatempo in compagnia di amici e famigliari e il giocatore vince più spesso delle volte che perde; di solito vince grosse somme così che in lui si instilla l’idea di essere più abile rispetto agli altri. La persona a questo punto inizia a dedicare sempre più tempo e denaro nel gioco e passa alla fase successiva, caratterizzata da un numero superiore di perdite rispetto alle vincite. Il giocatore viene a questo punto spinto da un turbinio, che lo invoglia a scommettere sempre di più nel tentativo di recuperare il denaro perduto; comincia a chiedere prestiti, a indebitarsi e entra in uno stato di disperazione, con conseguente esaurimento emotivo.

Alla fine perde la speranza, si susseguono liti e crisi famigliari, e molto spesso iniziano i guai con la giustizia. Dalla prima all’ultima fase possono trascorrere anche più di dieci anni.

Chi è il giocatore a rischio Vizio?

È possibile capire se si è dei giocatori a rischio di dipendenza perché ci sono determinati fattori che rendono alcune persone più vulnerabili di altre.

Le possibilità di incorrere nella dipendenza aumenta se si è di sesso maschile, con un livello di istruzione basso e se nella famiglia d’origine ci sono altri casi di giocatori dipendenti. Tra le donne invece casalinghe e lavoratrici autonome hanno un rischio maggiore di incorrere nella patologia da gioco rispetto a quelle impegnate in varie attività. Negli ultimi tempi la nascita di video poker, slot machine, bingo e giochi on line hanno aumentato le possibilità di perdere il controllo, perché si tratta di giochi accessibili ovunque.

Si è a rischio se si risponde affermativamente a molte delle seguenti domande:

  • – se perdi al gioco, ritorni spesso a tentare la fortuna?
  • – hai affermato di aver vinto dei soldi anche se in realtà avevi perso?
  • – ritieni di aver avuto problemi con il gioco d’azzardo?
  • – hai giocato più di quanto ti eri prefissato?
  • – sei stato criticato per aver giocato d’azzardo?
  • – ti sei sentito colpevole per aver giocato?
  • – hai sentito di voler smettere di giocare ma non ce l’hai fatta?
  • – hai nascosto ricevute di scommesse o biglietti del casinò?
  • – hai discusso con la tua famiglia per motivi legati al gioco?
  • – hai chiesto prestiti per giocare?
  • – hai sottratto tempo al lavoro per andare a giocare?

Sintomi del giocatore d’azzardo “patologico”

Premesso quindi che si tratta di una malattia, le persone affette dal disturbo del gioco d’azzardo patologico presentano una serie di sintomi suddivisibili in:

  • sintomi fisici
    disturbi alimentari, mal di testa, insonnia, ansia, palpitazioni e tremori
  • sintomi psichici
    ossessione, nervosismo, sensi di colpa, impulsività
  • sintomi sociali
    isolamento, incapacità a gestire il denaro, liti famigliari, problemi lavorativi

Il giocatore d’azzardo patologico presenta spesso la tendenza ad avere idee suicide e ad associare il gioco ad altre forme di abuso come il ricorrere a droghe e alcol.

Come intervenire nel disturbo da gioco d’azzardo

Oggi le misure di intervento nei confronti di questa forma di dipendenza sono varie. Innanzi tutto si può intervenire con una terapia individuale, spesso ad indirizzo cognitivo-comportamentale. Oppure con una cura farmacologica a base di antidepressivi e stabilizzanti dell’umore, per ridurre le crisi di astinenza. Esistono anche programmi di terapia all’interno di comunità, residenziali e semiresidenziali, che hanno il compito di disintossicare dalla dipendenza.

Tutte le cure da gioco d’azzardo patologico prevedono l’intervento di equipe specializzate composte da medici psichiatri e psicologi che cercano di ristabilire una situazione di normalità. Gli aspetti essenziali della terapia sono rappresentati da colloqui di motivazione al cambiamento e alla gestione della resistenza cercando di rafforzare l’impegno al cambiamento. Sono fondamentali anche i programmi d tutoraggio economico e le consulenze legali, laddove la patologia ha innescato problemi con la legge.

Così come per i gruppi di alcolisti e tossicodipendenti, si stanno diffondendo non solo in America ma anche in Italia i gruppi di giocatori anonimi e i gruppi di sostegno per i famigliari

Tra i giocatori d’azzardo compulsivi anche qualche vip

Il gioco d’azzardo è una malattia da cui nessuno è immune, neppure i personaggi dello spettacolo. Per loro il gioco è un modo di sfidare se stessi, per sentirsi invincibili, ma poi sa bene che questa passione si trasforma in qualcosa di malsano. Il gioco spesso dà ciò che la vita toglie; quando si vivono dei fallimenti nella vita privata e lavorativa il gioco diviene un mezzo per reagire. Solo con il tempo si capisce che il gioco fatto in questa maniera, ti isola dal mondo, facendoti dimenticare le cose semplici ma belle della vita.

Indirizzi utili per chi vuole liberarsi dal vizio del gioco d’azzardo

Lazio

  • Studio Krisis – Roma – http://www.studiokrisis.it

Puglia

Attualmente in Puglia sono attivi i seguenti gruppi dell’Associazione Giocatori Anonimi – giocatorianonimi:

  • Taranto – Viale Magna Grecia c/o Chiesa San Lorenzo da Brindisi Tel. 340 12 14 014 e-mail giocatorianonimitaranto@yahoo.it
  • Bari – Viale Einaudi,2 c/o Chiesa del Buon Pastore tel 333 65 13 285 e-mail giocatorianonimibari@yahoo.it
  • Bari – Via Caduti 25 Luglio c/o Chiesa San Sabino tel. 346 66 25 542 e-mail giocatorianonimisansabino2008@yahoo.it
  • Triggiano (Bari) –  Viale A. Cramsci c/o Parrocchia di San Giuseppe Moscati tel. 345 61 52 146 e-mail triggianoga@yahoo.it
  • Brindisi –  S/S 379 uscita Contrata Jaddico c/o Santuario Santa Maria Madre della Chiesa Madonna di Jaddico tel. 327 28 90 500 e-mail gaanonimibrindisi@yahoo.it
  • Brindisi Sant’Elia – c/o parrocchia S.Lorenzo da Brindisi q.re S.Elia, Viale Caravaggio snc., email: brindisi.s.elia@giocatorianonimi.org, aperto sabato 18,00- 20,00, www.giocatorianonimi.org/puglia.html

Sardegna

  • S.E.R.T. Cagliari, presso ASL 8 Sardegna, Cagliari, tel. 070 / 6096310 oppure  6096322

Toscana

  • Il Dipartimento delle Dipendenze di Arezzo, c/o il Ser.T. di Arezzo, Via Fonte Veneziana 17, 52100 Arezzo, tel. 0575 / 255943 e fax 0575 / 255942
  •  A.L.E.A (Associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio) – http://www.gambling.it
  • Associazione Orthos – (Siena, Milano, Trieste e Roma) – http://www.orthos.biz

Trentino Alto Adige

  • SIIPAC (societa’ italiana intervento patologie compulsive), Via Siemens 29,  39100 – BOLZANO, Email: info@siipac.it, Tel. 0471 300 498, (no numero verde.) – http://www.siipac.it

Veneto

  • Ser.T. di Mestre, via Calabria 17, 30170 MESTRE (VE), tel. 041 / 5440526 oppure finale 31
  • Ser.T. di Castelfranco Veneto, Via Ospedale 18 c/o Ospedale, 31033 CASTELFRANCO VENETO (TV), tel. 0423 / 732736
  • La Bussola, piazza Niello 1, 37045 Legnago (VR), tel. 349 / 5826279

Siti utili per smettere con il vizio del gioco

Sos azzardo
portale dell’Associazione Agita, per il recupero di giocatori d’azzardo. Sono presenti notizie e indicazioni di aiuto.

Giocatori anonimi
portale dell’associazione creata da uomini e donne che hanno messo in comune la loro esperienza, forza e speranza per risolvere il problema del gioco compulsivo.

260 Commenti

  1. Marco
  2. illi
  3. illi
  4. Piui
  5. Luisa
  6. Tony 39
  7. Piui
  8. Tony 39
  9. Carlo
  10. oskar
  11. Piui
  12. Erika
  13. amerigo
  14. dario
  15. Piui
  16. antonio
  17. toto
  18. Fabri
  19. Massimiliano
  20. Massimiliano
  21. Fabri
  22. Piui
  23. andryy
  24. Disperato
  25. Roberto
  26. Piui
  27. dany
  28. Piui
  29. mattia
  30. Piui
  31. Tony 39
  32. Sara
  33. nello
  34. Romeo
  35. pat
  36. Piui
  37. nello
  38. pat
  39. nello
  40. Romeo
  41. Romeo
  42. chiara
  43. nello
  44. nello
  45. Piui
  46. nello
  47. nello
  48. nello
  49. Tony 39
  50. Piui
  51. Piui
  52. nello
  53. nello
  54. nello
  55. Romeo
  56. Piui
  57. nello
  58. Piui
  59. Romeo
  60. alex
  61. nello
  62. Edoardo
  63. Romeo
  64. Romeo
  65. Romeo
  66. Romeo
  67. Romeo
  68. Tony 39
  69. Tony 39
  70. nello
  71. Piui
  72. Tony 39
  73. Romeo
  74. Romeo
  75. Romeo
  76. Tony 39
  77. Romeo
  78. Alex
  79. Romeo
  80. nello
  81. Piui
  82. Romeo
  83. gianluca
  84. MARIAGRAZIA
  85. Piui
  86. Tony 39
  87. nello
  88. luca
  89. nello
  90. Gegè
  91. nello
  92. nello
  93. Giovanni
  94. GIANPIERO
  95. antonio
  96. Dario
  97. Francesco
  98. andrea
  99. massimiliano
  100. miki75
  101. umberto
  102. Cesare87
  103. daniele
  104. miky
  105. luca 39
  106. francesco
  107. daniela
  108. Salvatore
  109. giovanni
  110. Alban
  111. Caterina
  112. Stefano Verona
  113. marco
  114. paolo
  115. Emilio
  116. Frà
  117. antonio, siracusa
  118. hemingzeroazzardo
  119. Fabio78
  120. claudio
  121. ciprian
  122. Rosario
  123. Psicologo, psicoterapeuta Taranto/Palagiano
  124. marzio
  125. Rita
  126. marco
  127. francesco
  128. andrea92
  129. gianpy
  130. Luciano
  131. Maurizio
  132. valeria
  133. Giovanni Lattanzi
  134. armando
  135. armabdo
  136. Giovanni Lattanzi
  137. armando
  138. gianpy
  139. Andrea
  140. ugo. Napoli
  141. Cristiano
  142. voronin
  143. andrea
  144. andrea
  145. gianpy
  146. Bruno
  147. Miro
  148. Elena
  149. kristiana
  150. andrea
  151. enzo
  152. sony
  153. medici nicola
  154. pasquale
  155. Marco
  156. Nico
  157. gianpiero
  158. Vincenzo
  159. sancho perez
  160. Nico
  161. Simona
  162. Vito
  163. mariagrazia
  164. mario
  165. gianpiero
  166. Riccardo
  167. Mariarosa
  168. Gianni
  169. Mile
  170. gianpiero
  171. Gabriella
  172. antonio
  173. antonio
  174. Claudia
  175. erminia
  176. mario cestaro
  177. salvatore
  178. francesco
  179. Adel
  180. Roberto
  181. maria
  182. angelo
  183. giovanny
  184. Andrea
  185. micaela
  186. micaela
  187. ROBERTO
  188. gianluca
  189. carmelo
  190. sami brescia.
  191. Alfonso
  192. max
  193. luccas
  194. felice sarno
  195. nadia
  196. walter
  197. rosi
  198. ramona broscoi
  199. geco
  200. rajendra bhandari
  201. Antonio
  202. marco
  203. alessio
  204. giuseppe
  205. MARGHERITA
  206. samy
  207. MARGHERITA
  208. ciro
  209. pedro
  210. hiciola
  211. salvatore
  212. mauri
  213. Amalin
  214. antonio
  215. Donato Catarinella
  216. Giampiero
  217. vincenzo
  218. pino yonata
  219. mery
  220. stefano
  221. damiano
  222. B.B
  223. antonio
  224. Angel
  225. remzi
  226. Nando
  227. Cont
  228. danilo
  229. mario
  230. giovanni
  231. ruby
  232. verio
  233. GIUSEPPE
  234. loredana
  235. paolino
  236. veronica
  237. wally
  238. Miky
  239. Miky
  240. Miky
  241. Alessandro
  242. redazione
  243. dino
  244. eli
  245. vincenzo correnti
  246. Marco
  247. savino da barletta
  248. elisa
  249. andrea
  250. emilio
  251. michele
  252. michele
  253. omy
  254. alessandro
  255. alfredo
  256. italia!!!!!!!
  257. Toni
  258. mariano
  259. leo
  260. omar

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *