investire - articoli in archivio

  • Investire in conti deposito

  • I conti deposito sono tra i prodotti che hanno innovato il mercato bancario e del risparmio negli ultimi anni. Con la loro formula a zero servizi, zero spese e buoni rendimenti hanno consentito di remunerare piccoli e grandi capitali pur non vincolandoli strettamente. Nel corso del 2013 si sono però verificate due condizioni che hanno reso questo tipo di conto meno conveniente:

  • Fondo previdenza complementare

  • La crisi economica sempre più incombente e la precarietà del lavoro hanno privato molti contribuenti dei requisiti per accedere alla previdenza, creando l’esigenza di crearsi una piccola rendita supplementare eventualmente ad integrazione dell’importo della pensione tradizionale.

  • Investire sicuro in borsa

  • Al risparmiatore serve una bussola per orientarsi nel mondo degli investimenti in borsa, per essere in grado di navigare nelle acqua agitate del mondo delle azioni senza correre troppi rischi. I consigli pratici di questa piccola guida possono spiegare al risparmiatore principiante le mosse meno avventate e quali siano le scelte da calibrare, poche e semplici, senza termini astrusi, ma chiari, utili e soprattutto essenziali.

  • Guida ai termini dell’economia: BTP, Spred, default, Bund

  • Le famiglie italiane sono tempestate quotidianamente dalle notizie economico-finanziare che giungono dalla televisione e attraverso tutti gli altri strumenti di informazione; anche nei social network si aggirano termini economico-finanziari che ormai ci risultano famigliari, ma più che altro a livello uditivo piuttosto che a livello comprensivo. Come capire quindi cosa significhino davvero parole come spread, bund, default o BTP? Ecco un facile vocabolario per capire i termini di borsa ed economia.

  • Come investire i risparmi

  • La crisi morde, il nervosismo serpeggia nei mercati finanziari, la stampa ci allarma ogni giorno con nuovi problemi: ecco quindi che il cittadino e le famiglie che hanno una certa somam di risparmi contanti e desiderano investirli, sia per tenerli al sicuro dall’inflazione, sia per incrementare la somma, si trovano in difficoltà nello scegliere nella jungla di prodotti finanziari esistenti. Il timore diffuso aumenta l’incertezza e frena e scelte. Ecco quindi una guida che suggerisce vie sicure da percorrere per scoprire comeinvestire i risparmi, ipotizzando tre somme standard: 10, 50 e 100 mila euro.

  • Contratto di mutuo

  • La nozione e la natura giuridica del contratto di mutuo sono date dal codice civile all’art.1813, e si specifica appunto che si tratta di un contratto con il quale una parte conferisce all’altra un determinata quantità di denaro o comunque di cose fungibili e l’altra parte, ossia la ricevente, si obbliga a restituire a scadenza altrettanto dello stesso genere e quantità. La specificazione del contratto di mutuo lo fa collocare tra i contratti reali proprio perchè si perfeziona con la consegna delle cose o del denaro e tra i contratti con effetto traslativo, in quanto esso stesso trasferisce la proprietà delle cose oggetto del contratto.

  • Mutuo: tassi e calcolo degli interessi

  • Nel mutuo oneroso, forse la forma più comune o comunque la più nota, il mutuatario è obbligato a restituire altrettante cose dello stesso genere di quelle ricevute dal mutuante e a pagare degli interessi preventivamente convenuti, mentre come ovvio nel mutuo gratuito gli interessi non sono dovuti ed è sufficiente la restituzione.

  • Mutuo bancario

  • Il mutuo bancario presenta delle caratteristiche e connotati ben precisi che lo distinguono da ogni forma di altro tipo di prestito. Abiamo deciso di specificare dettagliatamente questo tipo di mutuo in quanto, oltre ad esso, esistono numerose altre forme di prestito a medio e lungo termine che vengono solitamente concesse dagli istituti di credito, ma il mutuo bancario se ne distingue per determinati aspetti che possono essere critici in alcune situazioni.

  • Assicurazione vita

  • L’assicurazione sulla vita (detta anche “polizza vita”) è un contratto con il quale l’assicuratore, in relazione a una serie di parametri dipendenti dagli eventi e dal corso della vita dell’assicurato (per stimare le probabilità morte o sopravvivenza a determinate età), assume l’obbligo di pagare un capitale, o di corrispondere una rendita al contraente o ad un terzo, come corrispettivo del premio versato. Le assicurazioni sulla vita possono essere stipulate sulla propria persona o anche su un terzo.

    A differenza dell’assicurazione sulla proprietà, per quanto riguarda questa, l’evento di riferimento, ossia la dipartita o perdita della persona è una certezza, e non una probabilità come per il sinistro. L’unico punto di incertezza è relativo al momento in cui si verificherà il lutto.

  • Investire in oro e metalli preziosi

  • Gli investimenti in oro e metalli preziosi (come ad esempio l’argento o il platino) possono essere molto redditizi ma possono anche nascondere brutte sorprese soprattutto per i non addetti ai lavori. Per investire in tutta sicurezza nell’oro e negli altri metalli preziosi, ma soprattutto per saperne di più sui vantaggi e i rischi propri di questo particolare settore, continua a leggere la nostra guida gratuita e imparziale.

  • Investire in Ungheria

  • Investire in Ungheria può essere una buona scelta per far fruttare i propri risparmi ma trattandosi di un paese straniero è bene conoscere quello a cui si può andare incontro per evitare inconvenienti e sorprese. Per saperne di più su come investire in Ungheria continua a leggere. Investire in Ungheria è una interessante opportunità, ma va gestita con cura e attenzione, conoscendo bene in anticipo cosa fare e soprattutto cosa non fare.

  • Mergers & Acquisitions

  • “M&A” è una sigla derivante dall’inglese che sta per “mergers and acquisitions”, in italiano “fusioni ed acquisizioni”, e designa il mercato delle operazioni di finanza straordinaria che riguardano le aziende. In questo periodo di storici sconvolgimenti economici e finanziari, la redazione di MergersAlert ha deciso di investire in un settore di portata strategica per l’assetto economico italiano e per le sorti di milioni di lavoratori.

    Leggendo le prime pagine dei giornali, infatti, si coglie l’ampiezza di una crisi che è partita dalla finanza con i fallimenti a catena negli USA (le prestigiose banche d’affari Bear Stearns e Lehman Brothers, e il salvataggio della Merrill Lynch ad opera di Bank of America), e improvvisi e drammatici crolli azionari anche nel nostro Paese, come successo alla principale banca italiana, Unicredit, nelle prime settimane di ottobre.

  • Cosa sono i titoli di credito

  • I titoli di credito possono essere sia assegni che cambiali che azioni di società e sono un mezzo di pagamento molto diffuso che non prevede scambio di denaro contante. Proprio per questo bisogna usare una grande cautela quando si tratta con i titoli di credito. Usare i titoli di credito è facil e e comodo ma bisogna essere informati sulle loro caratteristiche e sulle precauzioni da adottare.