estetica - articoli in archivio

  • Palestra Body Buyilding

  • Palestra Body Buyilding, cos’è Innanzitutto specifichiamo che body buyilding altri non è che il termine anglosassone per tradurre l’italianissimo culturismo: si tratta dunque di sinonimi puri e semplici. Chi non conosce affatto il  body buyilding è portato ad identificarlo con un’immagine prettamente negativa, fatta di atleti che più che allenarsi con i pesi assumono sostanze ormonali o addirittura doping vero e proprio: le cose non stanno affatto così. E’ chiaro che il fenomeno esiste, ma è marginale: il vero body buyilding al giorno d’oggi è quello natural, cioè si cerca di ottenere il massimo sviluppo del corpo in armonia con

  • Trattamenti di medicina estetica

  • Al medico estetico, o addirittura al chirurgo, estetico si rivolgono donne e uomini, persone giovani e giovanissime già insoddisfatte del loro aspetto così come individui di età matura desiderosi di trovare un nuovo slancio psicologico attraverso il recupero ‘artificiale’ di un aspetto giovanile ormai sfiorito. In sostanza, è profondamente cambiato il rapporto con il corpo, di cui si è imposto un adeguamento ai canoni di bellezza proposti dai mass-media e, per i più avanti con gli anni, dal miraggio di bellezza e gioventù.

  • Filler in medicina estetica

  • I filler sono prodotti utilizzati nell’ambito della medicina estetica per migliorare l’aspetto di labbra, zigomi, mento, riempiendo i volumi e distendendo le rughe. In questa guida sono descritte le principali tipologie di filler, le loro caratteristiche e le relative modalità di utilizzo, con una sezione dedicata anche alle controindicazioni ed agli effetti collaterali legati a questa pratica medica.

    Sono composti da sostanze che vengono iniettate nella pelle, attraverso aghi molto sottili, per correggere gli inestetismi del viso, per rallentare i segni dell’invecchiamento eliminando rughe e solchi, e per correggere i volumi del volto (ipoplasia) aumentando le dimensioni di zigomi, mento e/o labbra. I primi fillers hanno fatto la loro comparsa alla fine degli anni ’60 sotto forma di olio di silicone, una sostanza di cui poi, negli anni ’80, è stato proibito l’uso al punto che è ancora oggi vietata. Attualmente esistono vari materiali bio-compatibili che sono autorizzati e possono quindi essere iniettati con tranquillità.

    Si possono classificare essenzialmente due tipologie di riempitivi, in base alla loro composizione chimica: i fillers biologici, detti anche fillers di superficie, costituiti da molecole naturali che vanno incontro a riassorbimento cutaneo dopo un certo periodo di tempo, e i fillers sintetici, totalmente o parzialmente, definiti anche fillers di profondità.