erboristeria - articoli in archivio

  • Tè e tisane: come prepararle

  • Quando arriva la sera, magari poco prima di andare a letto, oppure il pomeriggio durante una pausa di relax non c’è niente di meglio che bere una calda tazza di tè o una tisana. Oggi queste bevande sono sempre più consumate nell’arco della giornata e sono di vario tipo: dal classico tè con il limone oppure il tè verde, alla grande offerta di tisane per rilassarsi, per tonificarsi, per depurarsi, per favorire la digestione. Scopriamo allora qual è il tè o la tisana più adatta ad ogni gusto personale o a un particolare momento della giornata e come si preparano.

  • Le tisane per dormire bene

  • Il sonno è fondamentale per la nostra salute fisica e psichica, ma spesso vari fattori, come una cena troppo ricca, stress, pensieri e preoccupazioni possono rendere difficile il momento del risposo. Per chi fa fatica ad addormentarsi la sera un aiuto può arrivare dai rimedi naturali grazie alle tisane preparate con determinati prodotti. In questa semplice guida ti spieghiamo come preparare le migliori tisane per dormire e riposare bene.

  • Come combattere l’alitosi

  • Collutori, dentifrici, inibitori della pompa protonica e clorexidina: sono questi i prodotti reperibili in farmacia che consentono di combattere l’alito pesante, intervenendo direttamente sulle cause che la provocano. Scopriamo insieme come combattere l’alitosi

  • Bacche di Goji

  • Le bacche di Goji sono un vero e proprio concentrato di antiossidanti, vitamine, sali minerali ed amminoacidi: questi frutti nutrienti e dal sapore gradevole sono ormai entrati nel panorama della medicina naturale e dei prodotti salutistici. In questa guida approfondiremo le conoscenze sulle bacche di Goji e sulle loro caratteristiche nutrizionali, dando voce anche agli studi scientifici compiuti in ambito medico.

    Le bacche sono prodotte da una pianta il cui nome scientifico è Lycium barbarum. Sono chiamate anche “Frutto della Longevità” dal momento che, da più di mille anni, vengono utilizzate dalle popolazioni asiatiche come un alimento estremamente nutriente, ricchissimo di sostanze antiossidanti ed in grado di rinforzare il sistema immunitario.

  • Rosa canina

  • La Rosa canina è una pianta conosciuta ed apprezzata sin dai tempi dell’antichità per via delle sue proprietà vitaminizzanti, astringenti e stimolanti delle difese immunitarie. Ancor oggi viene utilizzata in campo cosmetico, erboristico, farmacologico ed alimentare, e non presenta alcuna controindicazione d’uso: ecco una guida dedicata alla Rosa canina, prezioso aiuto per il benessere dell’organismo.

    La rosa canina è una specie originaria dell’Europa, dell’Africa settentrionale e dell’Asia occidentale; appartiene alla famiglia delle Rosaceae, ed il suo nome scientifico è Rosa canina. In Italia è la specie di rosa selvatica più ampiamente diffusa, e si trova frequentemente lungo le siepi, al limitare dei boschi e dei campi coltivati, ma anche in boscaglie di abeti, faggi, querce sino a quote di circa 1800 metri sul livello del mare.

  • Tè rosso

  • Il tè rosso cinese (da non confondersi con il Rooibos, arbusto di origine sudafricana talvolta detto “tè rosso”) è una pregiata particolarità di tè che in tempi recenti si è affacciata anche sul mercato occidentale. In questa guida scopriremo le origini, le modalità di produzione e come si prepara il tè rosso, detto anche Pu’er, che unisce all’unicità del suo gusto anche benefici effetti sulla salute dell’organismo.

  • Psillio

  • Lo psillio è una pianta dalla quale si ricava una sostanza utilizzata in campo alimentare e, soprattutto, medico per via delle sua capacità di assorbire acqua. Le mucillagini che così si formano sono particolarmente utili in caso di stitichezza occasionale o cronica. Ma non solo: lo psillio è anche utile per ridurre il colesterolo e la glicemia sanguigna, e rientra spesso nell’ambito dei regimi dietetici volti alla perdita di peso. In questa guida approfondiremo le conoscenze sullo psillio, evidenziandone gli effetti positivi e ricordandone le modalità e le precauzioni d’uso.

  • Eleuterococco

  • Entrato solo in anni recenti nel panorama della medicina naturale, l’eleuterococco si fa apprezzare per via delle sue proprietà toniche, energizzanti ed antistress. Si tratta di una pianta originaria del lontano oriente e che per secoli è stata sfruttata dalla medicina cinese: ora anche noi possiamo giovarci dei suoi effetti benefici, ai quali non si accompagna alcun effetto collaterale. Ecco una guida approfondita sull’eleuterococco, con informazioni sulle caratteristiche del prodotto, sulle sue applicazioni mediche e sulle sue precauzioni d’impiego.

  • Bardana

  • La bardana è una pianta ben conosciuta dalla medicina tradizionale e dall’erboristeria, dalle quali viene ampiamente utilizzata per via delle sue proprietà drenanti ed antibatteriche, ed in particolar modo per l’azione estremamente benefica sulla pelle e su numerose delle sue manifestazioni patologiche. In questa guida sulla bardana sono presentate le caratteristiche della pianta, le sue diverse applicazioni terapeutiche, gli utilizzi culinari e le precauzioni da osservare prima dell’uso.

  • Spirulina

  • La spirulina è un prodotto che deriva da alghe originarie di aree tropicali e subtropicali, e che da secoli viene utilizzata come alimento dalle popolazioni delle zone di origine. Grazie al suo elevato contenuto in proteine, amminoacidi essenziali, antiossidanti, sali minerali e vitamine, la spirulina è un integratore utile e molto apprezzato anche in occidente. In questa guida scopriremo le origini della spirulina, le sue caratteristiche distintive e i suoi numerosi benefici sulla salute, discutendo anche di alcuni punti controversi che riguardano questa fonte alimentare.

    Con il termine “Spirulina” si identifica un prodotto che deriva da microalghe appartenenti al gruppo delle alghe azzurre (cianobatteri), ovvero la Arthrospira platensis e la Arthrospira maxima. Molti fonte attribuiscono queste alghe ancora ad una vecchia classificazione, che le vedeva come appartenenti al genere Spirulina (e quindi riportate come Spirulina platensis e Spirulina maxima), ma è bene specificare che ci si riferisce agli stessi organismi.

  • Fucus

  • Il fucus è un’alga che cresce nei mari freddi di tutto l’emisfero boreale, e che viene ampiamente impiegata dall’uomo da moltissimo tempo. Essa viene coltivata e raccolta come una qualsiasi coltura agraria, seppur con metodi ovviamente differenti.

    Trova un ampio utilizzo nel campo dell’industria alimentare come addensante, ma anche come integratore di iodio e rimedio naturale nei confronti di obesità, stitichezza, cellulite. In questa guida sul fucus scopriremo le sue origini, quali sono le sue caratteristiche e quali effetti benefici la sua assunzione è in grado di determinare a livello dell’organismo.

  • Valeriana

  • Conosciuta sin dai tempi antichi, la valeriana è una preziosa erba officinale ad azione ipnoinducente, tranquillante e neurotonica. Essa viene impiegata con successo nel campo della fitoterapia e della medicina naturale come rimedio per ansia e stress, ma anche per migliorare il sonno e trattare alcuni tipi di manifestazioni dolorose. In questa guida sulla valeriana approfondiremo le conoscenze riguardo alle caratteristiche di questa pianta, alle sue interessanti applicazioni terapeutiche con un doveroso accenno alle precauzioni d’uso.

  • Malva

  • Preziosa pianta officinale molto comune in tutta Italia, la malva si fa apprezzare per le sue proprietà lenitive, calmanti ed emollienti. Sin dai tempi antichi essa è utilizzata come rimedio tradizionale nei confronti di affezioni dell’apparato respiratorio, stitichezza, infiammazioni delle mucose, ma anche per il trattamento di punture d’insetto, ipersensibilità della cute e molte altre applicazioni ancora. In questa guida approfondiremo le conoscenze sulla malva, scoprendo le sue caratteristiche distintive e le sue interessanti applicazioni terapeutiche.

  • Betulla

  • La betulla è una pianta largamente utilizzata in ambito erboristico e fitoterapico per via delle sue interessanti proprietà diuretiche, drenanti e depurative, ma è anche impiegata per la cura di affezioni della cute, del meteorismo e di molti altri disturbi. In questa guida dedicata alla betulla scopriremo in maniera approfondita le caratteristiche di questa pianta, i suoi numerosi impieghi terapeutici ed i consigli per il suo utilizzo in tutta tranquillità e sicurezza.

  • Artiglio del diavolo

  • Originaria dell’Africa meridionale, l’artiglio del diavolo è una pianta ben conosciuta dalla medicina tradizionale del continente nero per via della sua capacità curativa delle affezioni reumatiche e dolorose, nonché come coadiuvante dei processi digestivi. Da circa un secolo questa pianta è arrivata in occidente entrando di diritto nella lista di prodotti erboristici dalla riconosciuta efficacia, con il vantaggio di presentare effetti collaterali praticamente nulli. Ecco una guida sull’artiglio del diavolo, prezioso alleato naturale per la salute umana.

  • Papaya fermentata

  • Fra gli ultimi prodotti entrati nel panorama erboristico, la papaya fermentata è diventata una delle preparazioni salutistiche più ricercate. Se ne declamano le proprietà antiossidanti ed immunostimolanti, utili al benessere ed alla salute dell’organismo ed in grado di allontanare lo spettro del Morbo del Parkinson, dell’Alzheimer e di altre gravi malattie dovute all’età. A differenza di altri prodotti di storico utilizzo e di comprovata efficacia, la papaya fermentata deve essere considerata soprattutto come un “fenomeno di costume”: ecco dunque una guida che ne rivela le caratteristiche, le proprietà e il parere della scienza a riguardo.

  • Alga Wakame

  • L’alga Wakame proviene dall’estremo oriente dove, da secoli, viene utilizzata come ingrediente alimentare ma anche come rimedio tradizionale per la cura di diversi disturbi. Da qualche anno, sull’onda della popolarità vissuta dai prodotti naturali, macrobiotici ed alternativi, così pure dei ristoranti cinesi e giapponesi, anche in occidente si è diffuso il consumo dell’alga Wakame. Ecco una guida sull’alga Wakame, contenente utili informazioni sulle sue caratteristiche e sulle sue diverse modalità di utilizzo in campo alimentare, terapeutico e cosmetico.

  • Amaro Svedese

  • L’amaro svedese è una soluzione, generalmente alcolica, preparata con erbe medicinali in grado di curare diversi disturbi e malattie, soprattutto legate all’apparato gastrointestinale e respiratorio. Negli ultimi anni si sta diffondendo il suo consumo, ma quali sono le reali applicazioni dell’amaro svedese? È veramente efficace? Ecco una guida su questo preparato di erbe tanto popolare nella medicina naturale ed alternativa, contenente indicazioni riguardo al suo consumo e le doverose precisazioni.

  • Polline d’api

  • Il polline d’api, insieme alla pappa reale ed al propoli, è un prodotto delle api che viene grandemente apprezzato dalla medicina naturale per via delle sue proprietà stimolanti, energizzanti e tonificanti sull’organismo. Esistono diversi tipi di polline d’api, e numerosi sono gli studi scientifici che ne dimostrano la validità per la cura di diverse patologie; ecco dunque svelate in questa guida le caratteristiche del polline d’api, come viene prodotto, come si assume, le sue proprietà benefiche e le necessarie precauzioni d’uso.

  • Arnica

  • L’Arnica montana è una preziosa pianta che da sempre viene utilizzata nell’ambito della medicina tradizionale per via delle sue proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche ed analgesiche. Detta, e non a caso, anche “panacea dei caduti”, l’arnica trova un grande impiego non solo nella fitoterapia, ma i suoi principi attivi sono sfruttati anche dalla moderna farmacologia. Ecco una guida sull’arnica, vero e proprio tesoro della natura, contenente informazioni sui suoi numerosi utilizzi terapeutici e sulle precauzioni d’uso.