additivi alimentari - articoli in archivio

  • Additivi alimentari minori: gas, esaltatori, agenti

  • Nella vasta gamma degli additivi alimentari, oltre alle categorie principali alle quali il nostro sito dedica intere guide specialistiche, esistono anche numerose tipologie che potremo definire “minori”, ma non certo per importanza o diffusione, bensì perchè ciascuna di esse contiene solo poche sostanze. Parliamo, ad esempio, dei vari tipi di “agenti”, dagli antischiumogenia quelli di rivestimento, così come degli antiagglomeranti o degli esaltatori di sapidità, fino a gas e propellenti. Vediamoli insieme e scopriamo quali di essi possono essere pericolosi per la nostra salute.

  • Additivi alimentari: antiossidanti e regolatori di acidità

  • Gli antiossidanti sono additivi alimentari che, aggiunti al prodotto, impediscono l’ossidazione di diverse molecole contenute nel cibo, ossidandosi essi stessi oppure inibendo le stesse reazioni chimiche di ossidazione. I regolatori di acidità sono invece sostanze il cui scopo è mantenere l’alimento entro certi limiti di pH, ottimali per la sua conservazione: si può dunque trattare di molecole che rendono più acido o più basico l’alimento cui vengono aggiunte.

  • Coloranti alimentari da evitare

  • I coloranti alimentari sono sostanze utilizzate per conferire una particolare tonalità di colore al prodotto, rendendolo perciò più attraente e appetibile per il consumatore. Sfortunatamente, come per i conservanti non si tratta di sostanze del tutto innocue, soprattutto perchè la maggior parte di esse proviene dalla chimica di sintesi e non dalla natura. Se è impossibile evitare di assumerle, dato che sono praticamente ovunque nei cibi confezionati, è almeno possibile sapere cosa sono, a dispetto del fatto che sulle confezioni vengono indicati solo con delle sigle.

  • Conservanti alimentari da evitare e rischi per la salute

  • I conservanti sono additivi alimentari che, aggiunti al prodotto, ne permettono una migliore conservazione nel tempo, mantenendone le caratteristiche inalterate ed impedendo lo sviluppo di microorganismi e muffe. Naturalmente, come tutti i prodotti della chimica hanno benefici e ma anche effetti collaterali sulla salute dell’uomo.