Medjugorje: verità o menzogna?

Medjugorje: una piccola località di un cantone dell’Erzegovina dal 1981 è diventata meta di pellegrinaggio di fedeli che da tutto il mondo vengono a visitare la collina delle apparizioni mariane e a fare visita ai veggenti che sostengono di ricevere le apparizioni sin da quando sono bambini. Ma come inizia la storia di questo luogo? Cosa ne pensa la Chiesa? E soprattutto: sarà vero?

Medjugorje: verità o menzogna?

Medjugorje: verità o menzogna?

Prima del 1981 nessuno, o quasi, conosceva Medjugorje, una piccola località dell’Erzegovina. In quell’anno sei persone, all’epoca di età compresa tra i 6 e i 10 anni, affermano di ricevere apparizioni della Vergine Maria, che si presenterebbe loro ancora oggi con il nome di “Regina della Pace” per confidare loro messaggi e prescrizioni.

Da quel momento fedeli da tutto il mondo accorrono ogni anno per visitare la collina delle apparizioni, per pregare, per attendere l’apparizione mensile e per ascoltarne il messaggio. Tutti e sei i veggenti sostengono che la Vergine abbia affidato loro alcuni segreti, che è loro compito tenere nascosti fino al momento opportuno.

Medjugorje, un luogo di pace e di preghiera per i fedeli e un luogo ambiguo, pieno di contraddizioni e punti di domanda per chi invece è più scettico. Quello che certo è che Medjugorje è un luogo che fa discutere anche la Chiesa, che recentemente ha preso in merito una decisa presa di posizione.

Cardinali e vescovi incaricati dal Papa hanno fatto visita al luogo e hanno redatto studi e relazioni che svelano qual è la posizione ufficiale della Chiesa: a Medjugorje non c’è nulla. In altre parole, secondo il Papa, la Madonna non può essere un postino che recapita messaggi con regolarità.

Ma non c’è solo la posizione ufficiale del Vaticano a gettare ombre su Medjugorje. Da tempo, infatti, si parla di lati oscuri dei veggenti stessi, spesso accusati di volersi arricchire e di gestire in prima persona l’accoglienza dei pellegrini per trarne profitto. Sin dall’inizio delle apparizioni, infatti, Medjugorje ha dovuto supplire alla grande richiesta di prenotazione di stanze che i fedeli richiedono per la loro sosta. E sono proprio i veggenti a gestire queste strutture di pellegrinaggio.

C’è chi li accusa di essere bugiardi, pazzi o esaltati e chi li ha sottoposti a esami medici e neurologici per verificare cosa davvero avviene durante quelle che loro sostengono siano apparizioni. Ma i misteri sui veggenti di Medjugorje non finiscono qui. Qualche tempo fa, a casa di una dei veggenti alcuni fedeli hanno raccontato un fatto alquanto anomalo; una delle statue della Madonna di Lourdes presente in casa della donna si è illuminata, fenomeno che ha subito fatto gridare al miracolo i presenti.

Ma gli scettici, ancora una volta, non ci stanno e hanno seguito attentamente il percorso della statua che, prelevata dalle autorità ecclesiastiche, è stata portata in un centro per essere esaminata. Da quel momento, tutto tace. Gli esami non sono mai stati divulgati e la statua sembra scomparsa nel nulla. Alcuni sostengono che, in realtà, la statua fosse stata dipinta con una pittura fosforescente, altri continuano a gridare al miracolo. Sarà vero? E soprattutto: perché non se ne parla più?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *