Erbe in pratica - articoli in archivio

  • Rosmarino: come coltivarlo

  • Hai sempre desiderato un orto dove poter piantare le tue erbe preferite? Vuoi conoscere ogni segreto sul rosmarino? Leggi l’articolo e scopri come coltivare il rosmarino.  

  • Aglio

  • Pianta: erbacea, perenne, alta fino a 50 cm
    Fusto: sotterraneo (bulbo composto) formato da bulbilli (spicchi), rivestiti da un involucro cartilagineo di colore roseo, racchiusi tutti in un involucro comune, più esterno, di colore biancastro.
    Foglie: nastriformi, con apice acuminato, larghe da 30 a 50 cm, di colore verde pallido
    Fiori: bianchi, riuniti in un’ombrella portata da un asse floreale alto fino a 80 cm
    Frutti: capsule con 1 o 2 semi per ogni loggia.
    Dove nasce e come si coltiva: originario dell’Asia, l’aglio è coltivato in tutte le zone temperate. Si riproduce interrando i bulbilli a circa 30 cm di distanza l’uno dall’altro, da gennaio a marzo, in terreno ben concimato, molto soffice, arenoso e ben permeabile, poiché un’eccessiva quantità di acqua, specialmente se stagnante, ne provocherebbe la marcescenza.
    Parti da utilizzare: i bulbi (a maturità), la pianta intera (se consumata molto giovane).
    Quando si raccoglie: alla fine della stagione vegetativa, quando tutte le parti aeree della pianta sono secche.
    Come si conserva: si estraggono dal terreno i bulbi senza togliere le foglie che intrecciate fra loro formeranno delle reste che verranno poi conservate appese.