I parti gemellari

Negli ultimi trent’anni i parti plurimi sono diventati oltre il doppio. In effetti, se in passato nascevano due gemelli ogni cento parti; oggi, invece, nascono quattro gemelli ogni cento parti. Questo fenomeno va associato ad una serie di cause: da una parte, infatti, il merito è delle nuove – e ottime – tecniche di fecondazione assistita; dall’altro, invece, è legato all’aumento delle donne over 40 che decidono di mettere alla luce un figlio.

i parti gemellari

Come allattare i gemelli

Dopo una certa età, in effetti, ci sono maggiori probabilità di concepire figli gemelli. Nonostante, la felicità per una mamma sia doppia è pur vero che le difficoltà e i problemi legati all’arrivo di ben due bambini non sono pochi. Tra le maggiori difficoltà di un parto gemellare c’è sicuramente l’allattamento ma anche la riorganizzazione della propria vita che – nel caso dell’arrivo dei gemelli – è inevitabilmente più complicata per una mamma. Per quanto riguarda l’allattamento dei gemelli è sicuramente possibile avviare e proseguire con successo questa fase. Estrarre il latte, infatti, è fondamentale se l’attacco al seno non avviene in maniera immediata ed è sempre consigliabile non somministrare il latte materno con il biberon ma optando, ad esempio, per la siringa per evitare che, in futuro, i bambini riscontrino difficoltà nella suzione al seno. In linea di massima, ci sono almeno sei fattori da conoscere per allattare i gemelli con successo.

In primo luogo, è bene sapere che il latte viene prodotto in base alla suzione del bambino. Quando si mettono al mondo due gemelli, quindi, il seno riceve una duplice stimolazione e – di conseguenza – anche la produzione del latte sarà maggiore e quindi sufficiente per i due bambini. In passato, in effetti, le balie allattavano seza difficoltà fino a sei bambini e il latte era assolutamente naturale. Per realizzare un buon allattamento con i gemelli, poi, è fondamentale riposare bene. Per questo motivo, quando i bambini dormono, la mamma deve approfittare di questo riposo per addormentarsi a sua volta per recuperare le giuste energie da riservare all’allattamento. Inoltre, è molto importante bere spesso o, almeno, tutte le volte che si avverte la sensazione di sete. Per questo motivo, tutte le mamme – non solo quelle che mettono al mondo dei gemelli – devono ricordarsi di avere sempre a portata di mano una bottiglietta d’acqua per soddisfare lo stimolo della sete ogni qual volta esso si presenta. Per quanto riguarda il ritmo con cui allattare i gemelli, invece, non ci sono delle regole precise da rispettare. Ogni mamma, dopo qualche giorno, acquista un suo ritmo. In particolare, nelle fasi iniziali dell’allattamento, la mamma non si pone degli orari e delle abitudini fisse proprio per imparare a conoscere bene i suoi piccoli e le loro esigenze. Ad esempio, se uno dei due gemelli mostra di avere maggiori difficoltà ad attaccarsi al seno e a succhiare il latte materno, in un primo momento potrebbe essere preferibile allattare il piccolo da solo per farlo abituare.

In un secondo momento, poi, il bambino potrà essere allattato contemporaneamente al suo fratello gemello. In questo caso, la posizione a rugby potrebbe essere quella più comoda magari accompagnando la seduta della mamma con un cuscino dietro la schiena per evitare di affaticare i muscoli del collo. Alcune mamme, invece, si trovano meglio ad allattare i gemelli in una posizione classica, con i due bambini che si incrociano sulla pancia. Tra le cose che la mamma di due gemelli deve sapere prima di allattarli c’è sicuramente un aspetto che riguarda le dimensioni dei seni. I due seni, infatti, non sono mai completamente uguali e – di conseguenza – può succedere che un seno produrrà più latte rispetto all’altro. In questo caso, potrebbe essere utile scambiare i bambini nel caso in cui ci si accorga che durante la poppata siano troppo irrequieti. In linea di massima, è comunque preferibile alternare l’allattamento dei gemelli da un seno all’altro poiché, avendo appetiti differenti, possono anche stimolare il seno in modo più equilibrato. Infine, nel caso in cui la mamma di due gemelli debba ricorrere ad un allattamento misto, è importante prima attaccare i due gemelli al seno e successivamente somministrare loro il latte formulato. In questo modo, il seno completamente svuotato manterrà comunque la sua produzione di latte.

 

Come prepararsi all’arrivo di un figlio al quadrato

Quando una donna è incinta di due gemelli è molto importante che, già nella fase di gestazione, inizi ad accettare nella sua mente che i bambini in arrivo sono due. La mamma di due gemelli, insomma, deve prepararsi a fare ogni cosa al doppio: perché doppie saranno le emozioni ma doppi saranno anche i sacrifici. La difficoltà di ritagliare nella propria vita di donna e mamma un duplice spazio è alla base dei problemi comuni che queste mamme al quadrato si trovano ad affrontare dopo il parto. Con il progredire della gravidanza sicuramente la presenza futura dei due bambini diventa più nitida. Le fantasie materne, infatti, vengono stimolate dai movimenti fetali e dalle immagini delle ecografie al punto tale che la futura mamma comincerà ad attribuire ai suoi piccoli le prime differenze anche caratteriali e in questo modo si tende ad identificare il gemello tranquillo da quello vivace, il bambino più forte da quello più debole e così via.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.