Come coltivare le bacche di Goji in casa

Negli ultimi tempi si è diffusa una nuova tendenza in fatto di prodotti biologici; si tratta del consumo delle ormai famose bacche di Goji, alimenti ricchi di principi attivi benefici che si trovano comunemente in commercio nella loro variante essiccata, ma anche fresche, piuttosto che sotto forma di preparati quali infusi e oli essenziali. Scopriamo come coltivare questi “super-frutti” in casa.

Come si coltivano le bacche di goji

Coltivare le bacche di Goji

Affollano l’web e gli scaffali di erboristerie e supermercati, molti le chiamano le “bacche della giovinezza”; si tratta di frutti provenienti da due differenti varietà di piante: il Lycium barbarum e il Lycium chinese, entrambe appartenenti alla vasta famiglia delle solanacee e originarie della Cina, Tibet, Mongolia e Hymalaia.
Si tratta di un prodotto di grande tendenza, molto richiesto da una larga fetta della popolazione, ovvero da quelle persone che prediligono le cure naturali e la medicina alternativa per contrastare patologie, prevenire disturbi di varia natura e curare l’aspetto del proprio corpo.

Le bacche di Goji possono essere acquistate fresche, essiccate, si trovano come ingredienti in alcune tipologie di cereali, ma anche nella cioccolata e negli infusi; inoltre sono utilizzare nella preparazione di cosmetici e integratori naturali. La loro coltivazione sembra offrire al momento un ottimo investimento, sia in termini personali che commerciali; soprattutto perché si tratta di piante rustiche, in grado di adattarsi molto bene a diversi ambienti, con caratteristiche climatiche differenti.

Queste preziose bacche, con le loro comprovate proprietà antiage e benefiche per il miglioramento del sistema immunitario, possono essere coltivate sia in vaso che direttamente a terra in tutto il nostro Paese.

Come aprire una coltivazione di bacche di Goji

Volete diventare imprenditori nel settore della coltivazione e produzione di bacche di Goji? Nulla di più facile se vi affidate a un kit per l’imprenditoria fatto davvero bene e che vi darà tutte le informazioni necessarie per partire con il piede giusto a avere successo in poco tempo.

Le proprietà delle bacche di Goji

Nella tradizione della medicina cinese le Bacche di Goji godono da sempre della nomea di “elisir di lunga vita”, le molte proprietà benefiche possedute da questi piccoli frutti rossi sono oggi note anche alla scienza internazionale, tanto che il loro impiego è in continua crescita in molti paesi. La loro diffusione si deve alle note proprietà antiossidanti, che svolgono un ruolo importantissimo nel contrasto dei radicali liberi, con un effetto diretto sui tessuti dell’organismo, nonché sulla prevenzione dei tumori legati alla pelle. Diverse ricerche hanno attestato la capacità di questi frutti di rallentare il decorso di gravi malattie.

Inoltre le Bacche di Goji offrono un grande apporto di fibre, vitamine, calcio e minerali, indispensabili per un buono stato di salute generale e per il miglioramento delle difese immunitarie, e possiedono, in aggiunta, elevate proprietà antinfiammatorie. Grazie ai molti benefici che questi frutti sono in grado di offrire riescono di conseguenza a stimolare l’organismo favorendo il dimagrimento e migliorando lo stato del sonno agendo come rilassanti naturali.

Come coltivare le Bacche di Goji

Coltivando le Bacche di Goji direttamente in casa propria, nel giardino piuttosto che in vaso sul balcone o sulla terrazza, sarà possibile avere a disposizione questi frutti miracolosi risparmiando denaro; inoltre appare evidente un possibile successo nella loro commercializzazione. La coltivazione può essere avviata partendo dalle sementi o dalle piantine già nate; la semina all’aperto deve essere effettuata in primavera oppure, sfruttando gli spazi indoor, anche durante i mesi più freddi.

Se si decide di partire dalle piantine, sarà necessario rinvasarle avendo cura che le radici siano ben umide e fare in modo che il tasso di umidità permanga ricoprendo il fondo del vaso con palline di argilla espansa. In ogni caso, sia che si decida di piantarle in contenitore o direttamente a terra, queste piante non sopportano i ristagni idrici, è dunque consigliato un terreno ben drenante, ottenuto con l’aggiunta di una parte di sabbia.

L’esposizione deve essere in pieno sole o comunque in una zona che non riceva meno di 6/8 ore di illuminazione diretta al giorno. Le annaffiature devono essere costanti e frequenti, soprattutto durante i mesi estivi, e a fine primavera è possibile eseguire una leggera potatura per ottenere frutti di maggiori dimensioni. La racconta deve essere effettuata una volta sopraggiunta la completa maturazione dei frutti, solitamente a fine estate.

Le Bacche di Goji possono essere coltivate anche in casa, avendo cura di trasferirle all’aperto durante il periodo della fioritura, in maniera tale da favorire la fecondazione da parte degli insetti e aumentare il raccolto; la collocazione all’aperto favorisce la maturazione dei frutti e la concentrazione delle sostanze benefiche.

(Visited 13 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.