Le diete per l’estate: come selezionarle con attenzione

L’estate è già nel pieno ma qualcuno deve ancora perdere quei 2-3 chiletti messi su nel corso della primavera. Quest’anno è ancora più ero che in passato, visto che molte persone durante il lockdown hanno amato indulgere in qualche eccesso di cibo, che ha portato inesorabilmente ad accumulare un poco di adipe, complice anche l’impossibilità ad uscire di casa.

La dieta chetogenica

Per ridurre il giro vita e perdere quei chili che sembrano più ostinati è consigliabile seguire una dieta. Se si tratta di scegliere una dieta per qualche giorno, ad esempio una o al massimo due settimane, possiamo anche farlo in nonchalance: anche dietetico del tutto sbilanciato può sortire i suoi frutti, senza portare conseguenze negative. Come ci raccontano su https://www.pianetadonne.blog/, se invece vogliamo perdere i chili in eccesso, modificando radicalmente le nostre abitudini, è consigliabile rivolgersi a un dietologo.

Le diete veloci: perdere 4 chili in 2 settimane
Questo è il sogno di chiunque si sta preparando per le ferie, o desidera perdere il grasso in eccesso accumulato durante l’inverno e la primavera. A tal proposito sono numerose le diete disponibili, alcune delle quali non così difficili da seguire. Un esempio è la dieta chetogenica, che si basa sullo stimolare la termogenesi. In sostanza si tratta di limitare al massimo l’introito di carboidrati, indulgendo in proteine e grassi. Una dieta perfetta per chi desidera utilizzarla per un ridotto periodo di tempo; se invece ci si trova in uno stato che necessita di perdere molti chili, è consigliabile rivolgersi ad un medico, che potrà non solo consigliare il regime alimentare più adatto, ma anche eventualmente qualche esame diagnostico. Un’altra dieta perfetta per l’estate è quella dell’ananas, depurativa e molto sana, perché arricchisce il nostro corpo di vitamine e Sali minerali. In questo caso si tratta di una dieta urto, da seguire per 2-3 giorni e non di più.

I carboidrati nella dieta
Molti tendono a pensare che il consumo di carboidrati sia necessariamente correlato all’aumento di peso. In effetti è il principio da cui parte la dieta chetogenica, che elimina questi alimenti, per poi reintrodurli gradualmente al termine della dieta, ma solo in dosi molto ridotte. In realtà però i carboidrati sono nutrienti importantissimi per il nostro benessere, che fanno parte anche della dieta mediterranea. Inoltre le diete a base di soli grassi e proteine possono causare seri problemi a reni e intestino, sono infatti pensate per essere seguite per brevi periodi di tempo. L’alimentazione non è uno scherzo, attraverso ciò che mangiamo passa anche la nostra salute. Se si decide di modificare in maniera sostanziale il regime alimentare che si segue è sempre bene chiedere un consiglio a un dietologo. Nel caso in cui si tratta invece di seguire una breve dieta, per al massimo 10-15 giorni, allora possiamo fare un poco come vogliamo. Una proposta che si può protrarre nel tempo è la cosiddetta dieta mima digiuno, che va però seguita in modo corretto. Per farlo rivolgiamoci al medico di famiglia, saprà indicarci tutti i passi da seguire.

(Visited 38 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.