Cosa sapere se si vuol acquistare hashish legale

Come occorre muoversi se si vuol acquistare dell’hashish legale? Prima di rispondere a questa domanda è utile chiarire alcuni aspetti, vista la particolare natura dell’argomento. Anzitutto, quindi, chiediamoci cos’è l’hashish tradizionalmente intesa e cos’è, invece, l’hashish legale.

Hashish legale: cosa sapere

La differenza tra l’hashish legale e lo stupefacente

L’hashish tradizionalmente intesa, come noto, è una sostanza stupefacente, che in quanto tale è considerata illegale nel nostro ordinamento proprio come nella grande maggioranza delle nazioni straniere e soprattutto può avere degli effetti deleteri sull’organismo.

L’hashish legale, invece, è un prodotto del tutto differente: per via delle sue particolari caratteristiche, infatti, esso è considerato privo di effetti psicotropi e proprio per questo motivo può essere venduto e consumato liberamente.

In generale, il mercato di cannabis e hashish legale sta crescendo in modo importante negli ultimi tempi al punto da divenire una sorta di “new economy”, soprattutto dopo che la legge italiana ha stabilito dei criteri più chiari sulla base di cui distinguere ciò che è legale da ciò che non lo è, scopriamo dunque come ci si deve muovere per acquistare dell’hashish legale in piena sicurezza.

Al momento, la legge di riferimento che disciplina tale tematica è la n.242 del 2 dicembre 2016, entrata in vigore nel 2017, una legge che ha trovato ulteriore conferma da parte di alcune sentenze della Cassazione.

Il parametro da tenere in considerazione

Il parametro di riferimento sulla base di cui viene distinta l’hashish legale da quella illegale riguarda le quantità di THC, acronimo con cui si indica il delta-9-tetraidrocannabinolo.

Questo principio attivo, laddove presente in determinate quantità, ha degli effetti psicotropi, dunque dona quella sensazione di “sballo” o comunque un’alterazione dello stato psichico tipica delle sostanze stupefacenti.

La legge in questione ha tuttavia stabilito che se l’hashish presenta livelli di THC esigui, nello specifico inferiori allo 0,6%, gli effetti psicotropi sono esclusi, di conseguenza il prodotto diviene privo di effetti stupefacenti e può quindi essere venduto e consumato liberamente.

Perché consumare hashish priva di effetti psicotropi?

A questo punto, verrebbe da chiedersi: ma se il prodotto è privo di effetti, per quale motivo dovrebbe essere consumato?

L’hashish legale può comunque offrire determinati effetti a chi ne fa uso, effetti che non sono psicotropi, come detto, ma che possono comunque rivelarsi funzionali a determinate esigenze, come ad esempio quelli di natura ansiolitica.

La distinzione tra l’hashish come sostanza stupefacente e quella legale, dunque, è netta: mentre la prima offre una sensazione di sballo, o comunque tipica delle sostanze stupefacenti, la seconda altro non è che un prodotto naturale rilassante.

Alla luce di quanto detto, dunque, la linea di demarcazione è proprio il livello di THC: se inferiore a 0,6%, si tratta di un prodotto che la legge reputa legale in quanto privo di azioni psicotrope.

I canali autorizzati sono una garanzia

Al di là di questo, ad ogni modo, si può fare una riflessione: dal momento che tutti i prodotti venduti da aziende specializzate, sia presso punti vendita che in e-commerce che trattano hashish legale come Prodotti-Cannabis.it, devono obbligatoriamente rientrare nei parametri indicati, possono senz’altro essere acquistati in tranquillità.

Per il consumatore, ovviamente, è comunque una buona prassi quella di verificare le quantità di THC presenti in ciò che sta acquistando, ma il principio è quello esposto: se un’azienda vende un prodotto tramite dei canali ufficiali, esso sarà sicuramente in linea con le caratteristiche biologiche che la legge reputa necessarie.

Al contrario, ovviamente, nessun canale illecito può offrire garanzie di alcun genere: se si pensa di acquistare dell’hashish illegale evitando di rivolgersi a negozi o e-commerce del settore, infatti, è assolutamente impossibile conoscere in modo certo le caratteristiche biologiche del prodotto.

In questo caso, dunque, ci si esporrebbe a rischi molteplici: quello più rilevante è senz’altro il fatto di consumare un prodotto che potrebbe essere uno stupefacente e che, in quanto tale, potrebbe essere molto pericoloso per la salute, ma non va trascurato neppure l’aspetto legale.

Dal momento che l’hashish non legale, quindi quella con livelli di THC superiori allo 0,6%, è considerata a tutti gli effetti uno stupefacente, con un comportamento simile si commetterebbe a tutti gli effetti un reato e bisogna guardarsi bene anche da questo.

 

(Visited 91 times, 1 visits today)
Milena Talento
Classe 1985, una laurea in Filosofia e una passione per il web nata ai tempi dei convegni universitari su Merleau-Ponty e i neuroni specchio. Autodidatta dalla A alla Z, comprende le potenzialità lavorative ma soprattutto economiche delle emergenti professioni tecnologiche e decide di sfruttare le proprie abilità letterarie e logiche applicandole ad un ambito nuovo. Da qui si affaccia alla professione di copywriter che coltiva per diversi anni. Scrive per alcuni e-commerce emergenti (tra cui Dalani e Zalando), si appassiona alla programmazione dei siti web, ma soprattutto agli algoritmi di Google. Circa 10 anni fa apre una web agency con cui si occupa di comunicazione a 360°. Guidaconsumatore.com viene acquistato nel 2018, dopo anni passati a lavorare in redazione come copy e seo.
Milena Talento
Milena Talento

Latest posts by Milena Talento (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.