Offerte luce per la casa: ecco come scegliere quella più adatta a te

Tutti noi siamo sempre alla ricerca del miglior risparmio, soprattutto se si tratta di bollette e forniture di luce o gas. Non è facile destreggiarsi nel mondo dell’energia proprio perché, con l’apertura del mercato libero, sono nate molte aziende in grado di offrire servizi al cittadino rapidi ed efficienti a prezzi interessantissimi.

offerte luce casa

Come si scelgono le offerte luce per la casa? Quali sono le informazioni da controllare per l’attivazione di un contratto? Come risparmiare sulla bolletta luce? Ecco qui tutte le risposte.

Prima di scegliere, qualche raccomandazione

Risparmiare sulle offerte luce non significa essere avari ma attenti alle proprie finanze e all’ambiente, quindi non c’è motivo per cui ci si debba sentire in imbarazzo chiedendo all’operatore quali sono le migliori possibilità o tariffe di risparmio. È vero anche che per risparmiare bisogna prendere consapevolezza dei propri consumi, ovvero imparare a capire quanta corrente usiamo. Questa informazione ci dirà anche se possiamo fare di meglio, ottimizzando i nostri consumi e quindi anche i costi. Un buon gestore energetico è in grado di rispondere a tutte le domande sul risparmio perché ti aiuta anche ad essere responsabile nei confronti del Pianeta.

Come leggere una bolletta luce?

Sulla bolletta luce, così come su quella del gas, ci sono alcune voci elencate che conteggiate assieme ti danno l’importo complessivo da pagare. Saper leggere queste voci ci aiuta a capire quali sono le componenti fisse e quali variano a seconda del gestore, individuando velocemente dove si risparmia di più. Per esempio troverai sempre la voce “Spesa per la materia energia” che, indipendentemente da quanto consumi, ha un costo fisso ed un costo variabile. La spesa fissa ha un costo annuale mentre la quota energia è espressa in euro per chilowatt ora, cioè €/kWh e corrisponde una serie di valori che sono diversi da gestore a gestore grazie al mercato libero. In questa quota troverai il costo di acquisto dell’energia e le perdite di rete, il dispacciamento e la perequazione. Le perdite di rete nel mercato libero sono fatturate separatamente mentre se opti per il Servizio di Tutela sono incluse nel prezzo dell’energia. Esse sono le dispersioni di energia che avvengono durante il trasporto e sono convenzionalmente fissate al 10,4% dall’Autorità vigilante. Quindi il dispacciamento è il servizio di utilizzo dell’energia immessa alla tua abitazione che viene prelevata. La perequazione, invece, è una componente che livella ciò che paghi rispetto a ciò che il fornitore spende per fornirti il servizio.

Altre quote sulla bolletta luce

Inoltre è prevista la spesa di trasporto e la gestione del contatore che viene determinata da una quota fissa, da una quota potenza e da una quota energia. Inoltre nella bolletta sono incluse le spese per gli oneri di sistema che vanno a coprire i servizi generali con prezzi convenzionali. Devi considerare anche che le tariffe per i residenti e non residenti possono essere soggette a detrazioni e maggiorazioni. Infatti le abitazioni residenti pagano circa il 35% in meno dei non residenti. A queste spese, infine, si aggiungono le imposte che sono costituite da accise applicate sull’energia consumata con l’IVA al 10% sul costo totale in fattura. Per risparmiare sulle offerte luce conviene controllare tutte queste voci e affidarsi al RID come metodo di pagamento rispetto al bollettino.

(Visited 34 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.