Coloranti alimentari da evitare

I coloranti alimentari sono sostanze utilizzate per conferire una particolare tonalità di colore al prodotto, rendendolo perciò più attraente e appetibile per il consumatore. Sfortunatamente, come per i conservanti non si tratta di sostanze del tutto innocue, soprattutto perchè la maggior parte di esse proviene dalla chimica di sintesi e non dalla natura. Se è impossibile evitare di assumerle, dato che sono praticamente ovunque nei cibi confezionati, è almeno possibile sapere cosa sono, a dispetto del fatto che sulle confezioni vengono indicati solo con delle sigle.

I coloranti alimentari da evitare

Gli additivi chimici detti “coloranti alimentari” vengono impiegati per aumentare la colorazione naturale dei prodotti e dei cibi, ma possono essere anche utilizzati in maniera truffaldina per mascherare colori legati ad una scarsa qualità del prodotto, inducendo perciò il consumatore in errore. Fondamentale quindi sapere se sono contenuti nei prodotti che acquistiamo, anche perchè ci sono dei coloranti alimentari da evitare in quanto pericolosi per la salute.

coloranti alimentari da evitare

Infatti, come tutti i prodotti chimici, possono avere effetti collaterali sulla salute dell’uomo, a volte anche gravi, ma soprattutto subdoli perchè spesso agiscono lentamente. Purtroppo, come avviene anche per conservanti e altri additivi alimentari, sulle etichette dei prodotti che acquistiamo essi non vengono indicati con il loro vero nome (e questo non sarebbe comunque neppure un grosso aiuto al consumatore, dato che non tutti siamo esperti chimici), ma con una sigla alfanumerica che va dalla E100 alla E180.

Ecco il motivo di questo nostro articolo di aprofondimento su questi prodotti e in particolare sui coloranti alimentari da evitare: vederli nel dettaglio e scoprire quali sono le corrispondenze con le sigle e quali i possibili effetti collaterali, soprattutto sui bambini e sulle donne in gravidanza.

Sigle e corrispondenze dei coloranti alimentari da evitare

Sigla Nome esteso Possibili effetti collaterali
E100 Curcumina
E101 Riboflavina; Riboflavina-5’-fosfato
E102 Tartrazina Allergie, ipersensibilità
E104 Giallo di chinolina Allergie, ipersensibilità
E110 Giallo tramonto FCF, Giallo Arancio S Allergie, ipersensibilità
E120 Cocciniglia, Acido carminico, vari tipi di Carminio Allergie, ipersensibilità
E122 Azorubina, Carmoisina Allergie, ipersensibilità
E123 Amaranto Allergie, ipersensibilità
E124 Ponceau 4R, Rosso cocciniglia A Allergie, ipersensibilità
E127 Eritrosina Allergie, ipersensibilità
E129 Rosso allura AC Allergie, ipersensibilità
E131 Blu patentato V Allergie, ipersensibilità
E132 Indigotina, Carminio d’Indaco Allergie, ipersensibilità
E133 Blu brillante FCF
E140 Clorofille e Clorofilline
E141 Complessi delle clorofille e delle clorofilline con rame
E142 Verde S Allergie, ipersensibilità
E150a Caramello semplice
E150b Caramello solfito-caustico
E150c Caramello ammoniacale
E150d Caramello solfito-ammoniacale
E151 Nero brillante BN, Nero PN Allergie, ipersensibilità
E153 Carbone vegetale
E154 Bruno FK Allergie, ipersensibilità
E155 Bruno HT
E160a Caroteni (Caroteni misti, Beta-carotene)
E160b Annatto, Bissina, Norbissina Allergie, ipersensibilità
E160c Estratto di paprica, Capsantina, Capsorubina
E160d Licopina
E160e Beta-apo-8’-carotenale (C30)
E160f Estere etilico dell’acido beta-apo-8’-carotenico (C30)
E161b Luteina
E161g Cantaxantina Allergie, ipersensibilità
E162 Rosso di barbabietola, betanina
E163 Antociani
E170 Carbonato di calcio
E171 Biossido di titanio
E172 Ossidi e idrossidi di ferro
E173 Alluminio
E174 Argento
E175 Oro
E180 Litolrubina BK Allergie, ipersensibilità

Rischi per la salute dai coloranti alimentari da evitare

Una considerazione, prima di tutto, è che volendo ben vedere qualsiasi colorante alimentare può essere ritenuto “inutile”: si tratta infatti di sostanze che servono solo a migliorare l’aspetto di un prodotto e ad aumentarne l’attrattività nei confronti del consumatore.

Mentre alcuni sono innocui, per altri coloranti alimentari è bene prestare le dovute precauzioni, cercando di evitare i cibi e le bevande che li contengono.

I coloranti alimentari da evitare assolutamente sono:

  • E102 (Tartrazina)
  • E104 (Giallo di chinolina)
  • E110 (Giallo tramonto FCF, Giallo Arancio S)
  • E122 (Azorubina, Carmoisina)
  • E123 (Amaranto)
  • E124 (Ponceau 4R, Rosso cocciniglia A)
  • E127 (Eritrosina)
  • E129 (Rosso allura AC)
  • E131 (Blu patentato V)
  • E133 (Blu brillante FCF)
  • E142 (Verde S)
  • E150c (Caramello ammoniacale)
  • E155 (Bruno HT)
  • E154 (Bruno FK),
  • E153 (Carbone vegetale)
  • E151 (Nero brillante BN, Nero PN)
  • E160b (Annatto, Bissina, Norbissina)
  • E171 (Biossido di titanio)
  • E173 (Alluminio)
  • E180 (Litolrubina BK)

essi sono fortemente sconsigliati poiché tossici per l’organismo a prescindere dalle eventuali reazioni allergiche o di ipersensibilità che essi possono provocare.

Per alcuni di essi, inoltre, non sono ancora state determinate le esatte DGA (Dose Giornaliera Accettabile), quindi in un’ottica cautelativa è bene evitarne il consumo e considerarli tra i coloranti alimentari da evitare sempre e comunque.

Una risposta

  1. Claudio 3485844156

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.