Viaggiare con i voli di linea

Chi decide di volare al giorno d’oggi ha a disposizione più modi, e soprattutto formule, per farlo, e di conseguenza anche prezzi differenziati, che spesso variano in una forbice davvero molto ampia. Il più classico e tradizionale in assoluto resta però il volo di linea, che per molti è una scelta ragionata in quanto rappresenta il proprio stile di viaggio oppure perchè mette al riparo da brutte sorprese. La conoscenza del mondo dei voli di linea permette però di scegliere il meglio e risparmiare anche qualcosa.

Voli di linea e charter

Voli aerei di linea

Le linee di volo tradizionali (che effettuano i cosiddetti “voli di linea“) sono adibite per trasporto di persone o cose secondo orari prefissati in base a caratteristiche rese note al cliente. La caratteristica predominante sarebbe dunque la “regolarità” (sicuramente non nel senso effettivo del termine)!

La loro origine va ricercata oltre l’oceano. I primi aerei, infatti, vennero utilizzati negli States per trasportare la posta e conobbero un’ascesa notevole nel secondo dopoguerra. Il “marchio americano” si è fatto sentire a livello tecnico attraverso tecniche sempre più spaziose e confortevoli, con l’ausilio, a partire dagli anni ’70, dello stampo europeo. America e Europa sono state teatro delle compagnie più famose.

Nel primo caso parliamo di:

Mentre nel secondo di quelle che, soprattutto nell’ultimo decennio, hanno conquistato un ruolo egemone nel settore dunque:

Compagnie aeree low cost

Il settore tradizionale è stato messo duramente alla prova dall’avvento delle moderne compagnie low cost. L’aereo, come mezzo di trasporto, resta comunque il più ricercato per abbreviare i tempi di viaggio sia per quanto riguarda incontri di lavoro con partner commerciali esteri, sia per raggiungere mete di vacanze sempre più lontane.

A volte vengono preferiti anche rispetto al rapporto qualità/prezzo. Spesso, infatti, il costo si rivela essere piuttosto conveniente e competitivo, considerando le ore di viaggio da effettuare con altri mezzi di trasporto, i cui costi non sono poi così contenuti.

Tariffe dei voli aerei di linea

Le tariffe variano non solo tra alta e bassa stagione, giorni festivi e feriali, ma anche in base agli orari (mattina presto, sera, notte etc.). Esse rispondono a diverse esigenze, riassumibili in tre classi:

  • Prima classe
  • Business class
  • Classe turistica

Smarrimento dei bagagli e delle valigie

Il momento di riprendere possesso del proprio bagaglio, una volta scesi in aeroporto, rappresenta un vero e proprio incubo per molti. Fermo restando l’importanza di scrivere sui bagagli i propri estremi di identificazione, nel caso di smarrimenti o ritardi, oltre ai notevoli disagi, il passeggero avrà diritto ad un risarcimento pecuniario. Qualora dopo 24 ore il bagaglio non sia ancora pervenuto, il passeggero “fuorisede” otterrà una somma di denaro per fronteggiare le spese di prima necessità.

La cosa fondamentale è conservare tutte le fatture e gli scontrini fiscali, prova indiscutibile delle spese effettuate e rimborsabili dal vettore nel caso di mancato ritrovamento. La responsabilità dello smarrimento e della perdita saranno imputabili alla compagnia, che ne risponderà tranne nei casi di casi di forza maggiore o fortuiti. Il tetto massimo del risarcimento è di circa 200 euro, qualora il valore non fosse stato dichiarato al momento della partenza.

Nel caso in cui ci trovassimo in una di queste sventurate circostanze, dovremmo recarci all’ufficio oggetti smarriti e compilare un modulo (Rapporto di irregolarità bagaglio), da allegare poi alla richiesta di rimborso destinato alla compagnia.

Bagaglio, da stiva e a mano: scelta della valigia e precauzioni

Per le linee di volo tradizionali non dovrebbero esserci restrizioni per quanto riguarda il peso del bagaglio da stiva. E’ opportuno ad ogni modo informarsi per evitare spiacevoli equivoci. In genere, non vengono accettate somme superiori ai 158 cm, risultato dalla somma di altezza, profondità e larghezza. Fino ai 203 cm diciamo che lo “strappo alla regola” è possibile, ma non si fa niente per niente per cui…preparatevi a un salato supplemento!

E’ preferibile chiudere la valigia con un lucchetto, anche a combinazione, ma ricordate che se viaggiate per gli States il bagaglio potrebbe sempre essere ispezionabili, per cui in questo caso sarebbe vietato. I bagagli a mano, invece, devono essere rigorosamente uno per passeggero. In più è possibile portare la borsa, la borsa documenti o il portatile.  Non sono ammessi coltellini, forbici, accendini, lime, fiammiferi, termometri, rasoi, tali oggetti, considerati suscettibili di recare danno a persone o cose verranno ritirati dal personale.

Normativa sul trasporto in aereo di liquidi

Dal 6 novembre 2006 è in vigore una nuova normativa, adottata in tutti gli aeroporti dell’UE (in più Svizzera, Islanda e Norvegia) concernente gli articoli che è possibile portare con sé a bordo, quindi parliamo del solo bagaglio a mano. In seguito alle minacce terroristiche di esplosivi solubili e celati nei liquidi, infatti, la normativa è divenuta più ferrea a riguardo.

La quantità di liquidi ammessa è di un massimo di 100 ml (per una capacità complessiva inferiore ad 1 litro), da inserire in bustine trasparenti di plastica e da tener separate rispetto all’altro bagaglio a mano. Sarà consentito portare una sola bustina per ogni passeggero.

Tra i liquidi a cui si fa riferimento nella normativa ci sono:

  • acqua e bevande
  • gel, bagnoschiuma e prodotti simili per l’igiene e la cura del corpo
  • dentifricio
  • schiuma da barba
  • soluzione liquida per le lenti a contatto.

Per maggiori informazioni vedere l’aggiornamento sul sito Enac



Tags:

Una risposta

  1. Lucio Maccapani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *