Volare low cost

Quante volte un cartellone pubblicitario, uno spot televisivo, una pagina di giornale, una newsletter hanno richiamato la nostra attenzione, promettendoci di raggiungere destinazioni di vacanza, di soggiorno, a prezzi quasi irreali della serie “vola a 9 euro” Ma quanto di vero c’è in questi messaggi di voli low cost ed è sempre così facile trovare questi biglietti a prezzi così irrisori? Come è possibile che una compagnia aerea possa far volare un aereo, incassando 9 euro a persona?

voli low cost

Sono delle legittime domande e nell’articolo di oggi andremo a comprendere il meccanismo delle tariffe aeree.

E’ necessario fare un salto indietro nel tempo per parlare del fenomeno delle compagnie low cost e di come esse si siano andate affermando nel tempo, rivoluzionando il modo di viaggiare, portando sugli aerei fasce di clientela che mai avrebbero pensato di poter utilizzare questo mezzo di trasporto per i loro spostamenti.

Compagnie per voli aerei low cost

Il fenomeno delle compagnie aeree low cost si è affermato dapprima negli Stati Uniti, intorno agli anni settanta, quando per effetto della “deregulation” dei cieli americani, la compagnia aerea Soutwest fu la prima a rompere il monopolio delle grandi compagnie statunitensi come la Twa, la Pan Am per citare quelle più storiche, compagnie che oggi non esistono più.

Successivamente nei primi anni 90 il fenomeno si è diffuso in Europa con l’ingresso in campo della Ryanair, poi nel 96 in Canada con la West jet, nel 2000 in Australia con la Virgin Blue ed ora questo fenomeno si sta allargando in tutto il mondo a macchia di leopardo.

Si è ormai così consolidato al punto che le compagnie low cost hanno, in molti casi, superato, per numero di passeggeri trasportati, le compagnie di linea, collegando tra di loro centinaia di piccoli e grandi aeroporti nazionali ed internazionali.

La leva principale su cui hanno puntato per catturare l’attenzione del grande pubblico è stata ovviamente quella del prezzo, a fronte però della politica commerciale cosiddetta “no frills” che tradotto significa no fronzoli.

Pertanto il concetto di base è quello di comunicare al passeggero “io ti porto a bordo del mio velivolo e tu mi paghi per questo ma tutto il resto è un optional” e quindi se vuoi la prenotazione del posto la paghi, se vuoi o ti obbligo a fare il checkin on line lo paghi, se vuoi una bevanda la paghi.

Contestabile o meno che sia, questa politica si è rivelata per molte compagnie come la Ryanair, la Easy Jet, la Vueling, una politica vincente. Basta monitorare il riempimento dei voli per rendersene conto.

Come si diceva all’inizio si è assistito ad una vera rivoluzione perché persone che non potevano permettersi di viaggiare in aereo oggi lo possono fare.

Ci sono giovani che trascorrono il weekend in città d’Europa, spendendo alla fine quanto avrebbero speso in un fine settimana nelle loro città di residenza.

Località che erano luoghi fantasma o città che vivevano solo in brevi periodi dell’anno, hanno, oggi, un traffico indotto che ha portato dei grandi benefici a tutta la comunità, dove ha sede quel determinato aeroporto.

Un esempio è Alghero in Sardegna, un aeroporto e una città che vivevano i tre mesi dell’estate. Da quando ci si è posizionata la Ryanair questo ha significato arrivi di clienti stranieri anche nella bassa stagione e ha dato modo anche ai cittadini sardi di poter raggiungere con estrema facilità luoghi dapprima irraggiungibili.

Costo reale del biglietto low cost

Addentrarsi nel capire quale sia il costo finale del biglietto aereo e cercare di comprendere perchè ci possano essere, spesso, delle enormi differenze di costo, è come addentrarsi in una giungla.

Partiamo dal presupposto che tutte le tariffe aeree proposte ed in particolar modo quelle più interessanti dal punto di vista dell’economicità, sono sempre soggette a determinate condizioni. Sono contingentate, nel senso che verrà venduto solo una parte dei posti disponibili al prezzo minimo, prezzo che andrà salendo man mano che si va verso il riempimento del volo.

Quindi, la prima considerazione da fare è il dimenticarsi il last minute nell’acquisto di un biglietto aereo, perchè le compagnie aeree hanno tutto l’interesse a premiare chi prenota con largo anticipo, soprattutto per le date più richieste, come possono essere le festività o date particolari come per esempio giornate in cui tifosi partono al seguito della squadra del cuore per una trasferta all’estero.

Ci sono delle tariffe che possono essere acquistate solo in determinati periodi, se non addirittura solo per alcuni giorni, per partenze solo in determinati periodi.

Oltre a farsi catturare dal messaggio pubblicitario, è necessario leggere bene tutte quelle condizioni di vendita che il più delle volte sono messe in caratteri piccoli. Solo andando sul sito della compagnia aerea che propone la promozione si ha modo di capirne di più.

Anche qualora trovaste la tariffa in linea con le vostre aspettative di spesa e di orario (le tariffe cambiano anche in considerazione di questo perché gli orari meno comodi sono anche quelli più economici), non potrete fermarvi al primo passaggio. Il più delle volte avrete bisogno di andare avanti nel processo di acquisto per capire soltanto all’ultima fase, quella che precede l’inserimento della forma di pagamento, quale sarà il reale costo finale del biglietto.

Infatti una volta scelto la compagnia, l’orario di andata e ritorno, inserito il numero dei passeggeri, indicato la presenza di eventuali bambini e della loro età, sarete sottoposti ad una serie di domande, sotto forma di caselle da spuntare o non spuntare per accettare o rifiutare, servizi e optionals accessori al biglietto aereo.

Optional a pagamento nei voli low cost

Quali sono questi optional che spesso hanno dei costi anche rilevanti?

bagaglio

Se viaggiate con il vostro bagaglio a mano e rispettate le condizioni indicate dalla compagnia aerea, generalmente massimo 10 kg. a persona non pagherete nulla, ma se avete bisogno di portare un bagaglio più pesante dovrete pagare un sovraprezzo che mediamente incide per circa 25/30 euro a bagaglio. Attenzione perché in aeroporto i controlli al checkin sono molto scrupolosi e se non rispettate il peso e le misure standard, sarete costretti a pagare in aeroporto l’eccedenza bagaglio con costi molto elevati.

Nel caso viaggiaste con una compagnia di linea, per esempio Alitalia, Air France, Iberia ecc. nel costo del biglietto è sempre compresa la cosiddetta franchigia bagaglio che vi dà la possibilità di portare, oltre al bagaglio a mano, un bagaglio massimo di 23 kg che andrà in stiva e questo può fare, in molti casi la differenza nella scelta di una compagnia amzichè un’altra.

Assegnazione del posto

Quasi tutte le compagnie low cost richiedono un supplemento per la preassegnazione del posto in quanto per molte di loro i posti vengono assegnati, casualmente, una volta saliti a bordo.

Se invece volete evitare di dover lottare per il posto e soprattutto, viaggiando con altre persone desiderate essere sicuri di potervi sedere vicin,i oppure se volete avere l’imbarco prioritario e quindi tutta quella serie di optionals che possono rendere più comodo il volo, dovrete pagare un sovraprezzo che può andare dalle 5 alle 20 euro. Dipende dalla compagnia, dal tipo di posto, dal tipo di servizio richiesto.

Assicurazione

Tutte queste compagnie vi proporranno varie formule assicurative. Ci sarà chi vi offrirà un pacchetto tutto compreso di garanzie: rimborso del biglietto per annullamento da parte vostra del viaggio, indennità per ritardo del volo, l’assistenza medica in corso di viaggio e di permanenza all’estero, oppure polizze parziali con costi che possono andare dalle 10 euro per la polizza più semplice alle 30 per quelle più complete a persona.

Sarebbe opportuno leggere le condizioni, le procedure per attivare le garanzie assicurative, gli scoperti che verranno trattenuti e valutarne l’effettiva convenienza. Piccolo problema: mentre voi vi leggete circa 10 pagine di condizioni di assicurazione, qualcuno nel frattempo vi potrebbe prendere i posti che avevate trovato!

Servizi speciali

Se avete bisogno di portare con voi il vostro animale, la vostra tavola di surf, il vostro strumento musicale, oppure avete necessità di viaggiare con la sedia a rotelle, fate molta attenzione perché i costi richiesti per questi servizi sono veramente molto alti e poco competitivi in confronto alle normali compagnie di linea.

Check on line

Diverse compagnie offrono questo servizio gratuitamente e ce ne sono altre che invece vi richiederanno dei supplementi che possono diventare molto onerosi qualora tale operazione venga svolta in aeroporto.E’ bene, pertanto, prestare attenzione anche a questo fattore.

Forma di pagamento

Come fase conclusiva vi troverete a dover scegliere quale forma di pagamento usare per poter concludere l’acquisto del biglietto ed anche qui potreste andare incontro a delle spiacevoli sorprese. Il sovraprezzo cambia in funzione del tipo di carta di credito o di debito usata e va da un minimo di euro 5 ad un massimo anche di 20 euro, soprattutto se usate l’American Express.

Sempre nel corso della procedura di acquisto del biglietto vi verranno proposti anche una serie di servizi accessori come per esempio la possibilità di prenotare l’albergo a destinazione, oppure l’auto a noleggio, oppure il servizio di collegamento dall’aeroporto alla città.

Tutti servizi che potete accettare o rifiutare.

Colgo l’occasione per consigliarvi di valutare, nella scelta della compagnia aerea e del costo propostovi, anche l’aeroporto di partenza e di arrivo. Spesso, e soprattutto nel caso della Ryanair, gli aeroporti sono decentrati e distanti dalla città di riferimento. Questo fattore va, quindi, ponderato per l’analisi dei costi finali, per la comodità dei collegamenti e dell’aeroporto stesso.

Faccio un esempio: un conto è atterrare a Parigi nei due aeroporti principali di Charles De Gaulle o di Orly, con collegamenti metro e bus per il centro città ed un conto è atterrare a Beauvais (Ryanair) distante quasi due ore di pullman da Parigi.

Altra considerazione importante da fare è sull’assistenza post vendita.

Quasi tutte queste compagnie aeree hanno, nella migliore delle ipotesi, un call center ma, putroppo, spesso questi numeri sono a pagamento e costano molto. Il personale risponde non sempre nella lingua italiana e non sono sempre disponibili 24 ore su 24. Questo può diventare un handicap nel caso vi trovaste in aeroporto con un problema, oppure avete bisogno di informazioni supplementari o comunque in tutti i casi in cui si rende necessario un contatto umano.

Come stare sicuri con i voli low cost

Il mio consiglio è innanzitutto di prendere tutti questi messaggi pubblicitari nel giusto modo, non dando per scontato nulla, andando a verificare, direttamente sul sito delle compagnie aeree, o servendosi di siti come volagratis.it, expedia, edreams, i quali vi offrono una immediata comparazione di centinaia di combinazioni aeree.

Non dimenticate di verificare anche le tariffe applicate dalla compagnie di bandiera le quali, spesso, e soprattutto dove esiste la concorrenza, hanno tariffe il più delle volte convenienti, facili da acquistare, non soggette a troppi optionals.

Rivolgendosi ad agenzie di viaggio qualificate troverete sempre del personale preparato che avrà l’accortezza di aiutarvi a scegliere la migliore combinazione di volo.

Principali compagnie aeree low cost

  • Ryanair
  • Easy Jet
  • Vueling
  • Wizz Air
  • Blu Express

Infine vi suggeriamo uno dei principali motori di ricerca di voli low cost per l’Europa e il mondo: Volagratis



Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *