Vacanza fai da te

Accanto al turismo di massa che affolla i luoghi cult dell’estate e delle vacanze, ce n’è un altro, a cui molti, al di là delle aspettative, si rivolgono. Il cosiddetto viaggio fai da te, quello dei viaggiatori indipendenti e intraprendenti che girovagando su internet (principale intermediario in questi casi) sono alla ricerca delle occasioni più invitanti! Grazie al web abbiamo quindi la possibilità di evitare il cerimoniale delle agenzie e dei Tour Operator.

Vacanza fai da te

Come organizzare un viaggio senza ricorrere alle agenzie

Chi decide di optare per un viaggio fai da te è attirato molto spesso dall’idea di vivere quel viaggio, quel paese, quella cultura a 360 gradi, senza alcun tipo di vincolo, avendo semplicemente la sicurezza di un alloggio. Un viaggio “su misura” organizzato grazie anche ai racconti di esperienze attraverso blog di altri viaggiatori “tuttofare”, che sperimentano ogni forma e mezzo possibile pur di viaggiare liberamente, ad un prezzo certamente più modico e consono alle nostre tasche, spesso sempre più vuote, e fornendo inoltre preziose testimonianze.

Alloggio per la vacanza fai da te

Esistono molti siti su internet su cui reperire contatti di ostelli e alloggi economici. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta. Gli ostelli sono alloggi estremamente economici e comodi dove è possibile entrare a contatto con le persone dei posti più disparati. Si tratti, infatti, di un vero “centro nevralgico” in cui il bacino di utenza è notevole. Per questo motivo è opportuno prenotare in largo anticipo! Possono essere supervisionate da enti privati o pubblici. A seconda degli ostelli possiamo avere servizi differenti: lenzuola comprese o meno nel prezzo, bagno in camera o comune, servizi di lavanderia, cucina, armadietti, collegamento a internet, informazioni turistiche, autonomia nell’entrate e nell’uscita grazie alla chiave personale fornita al cliente.

Consigli utili per organizzare il viaggio

Il campeggio rappresenta una valida alternativa agli ostelli, quando possibile. Si tratta di un’opzione ricercata da molti. Un metodo economico e a stretto contatto con la natura. L’unico neo potrebbe essere per i più esigenti il servizio sanitario un po’ approssimativo, ma ormai quasi tutti si stanno “equipaggiando” in questo senso, offrendo acqua calda, fredda, servizi per disabili, ristorazione (negli altri casi bisogna munirsi di un fornelletto). Per organizzare un viaggio fai da te spesso ci si serve di due elementi fondamentali: la fantasia e la voglia di avventura! Molti decidono di esplorare nuove terre attraverso il loro mezzo di locomozione preferito: la moto. Un viaggio all’insegna dell’avventura totale, che richiede però alcune accortezze, facilmente reperibili a questo indirizzo (http://www.nelik.it/prima/attrezzatura.htm). Nel nostro bagaglio, ovviamente, non deve mai mancare una guida che ci consenta di esplorare le zone più caratteristiche del nostro tour, e magari un dizionario se non conosciamo la lingua del posto, così sarà più facile comunicare. Cerchiamo di portare con noi lo stretto necessario per il nostro itinerario. Scegliamo uno zaino assolutamente comodo e maneggevole in caso di trasbordi di vario tipo per spostarci da un luogo all’altro. Sono consigliati quelli con diverse tasche in modo da poter reperire velocemente ciò che cerchiamo. Una cosa che non deve mai mancare è un’etichetta contente i nostri contatti in caso di smarrimento. Nei viaggi in aereo è,ovviamente, preferito un trolley, anche questo munito di etichetta.Ricordiamoci poi i medicinali contro ogni evenienza.

Salute e rischi sanitari nei viaggi

Le località più invitanti per l’esplorazione sono anche quelle con più possibilità di contrarre malattie atipiche (per approfondimenti visita il sito http://www.vacanzefaidate.com/salute.html ). Ovviamente prima di partire informiamoci di tutti i rischi sanitari, non dimenticando mai un kit per il nostro pronto soccorso. Portiamo sempre con noi:

  • garze, cerotti, acqua ossigenata per disinfettare e curare piccole e grandi ferite;
  • termometro;
  • pasticche per i comuni disturbi da viaggio (come il mal di mare, mal di auto);
  • tachipirina, antidolorifici, analgesici;
  • spray contro gli insetti;
  • se si usano abitualmente medicinali, ricordatevi di farne una scorta perché potrebbe essere difficile reperirli sul posto;
  • ovviamente fare vaccini specifici e obbligatori in alcuni casi. Ad esempio quelli per il tifo, il colera, la malaria (approfondisci sul sito del Ministero della Salute http://www.salute.gov.it/).

Per queste questioni pratiche rivolgiamoci sempre all’Ufficio Sanitario della nostra regione, A.S.L. o Uffici di Igiene in grado di fornire tutte le informazioni desiderate per tutelare la nostra salute e non correre alcun rischio durante il nostro soggiorno.

Documenti necessari

Indispensabili, ovviamente, i nostri documenti (facciamo anche delle fotocopie se necessario e utilizziamo quelle, tenendo al sicuro l’originale!). Quindi:

  • passaporto (vedi approfondimento su http://www.barcelona-tourist-guide.com/it/informazioni-turistiche-barcellona.html)
  • carta d’identità
  • informazioni medico-sanitarie (ricordiamo di scaricare il modello E 111, che consentirà prestazioni mediche urgenti nel paese in cui ci troviamo)
  • vouchers
  • carte di credito
  • contanti in valuta estera

Soldi

Il problema dei soldi e dei contanti è un chiodo fisso per molti, per il timore di furti e smarrimenti. Sarebbe opportuno portare con sé un marsupio facile da nascondere sotto gli indumenti col minimo indispensabile, lasciando gli altri al sicuro nel nostro alloggio. Evitiamo di portare con noi troppo contanti. Una volta giunti sul posto cerchiamo di capire la questione dei cambi e regolarci opportunamente secondo le nostre previsioni, quanto ci occorrerà, di quanto avremo bisogno. Se la nostra meta non rientra nel bacino europeo dovremmo informarci su alcune questioni pratiche per non ricevere brutte sorprese. In alcuni paesi molto poveri (esempio Africa) dimentichiamoci bancomat o cose simili. In questi paesi non ci saranno mai tali meccanismi di pagamento e soprattutto molti richiederanno solo i contanti. Per il cambio di valute particolari, all’aeroporto di arrivo ci sarà probabilmente un ufficio per tali transizioni. Mentre per quelle più comuni possiamo farlo direttamente in Italia. Nella maggior parte dei paesi extraeuropei comunque accanto alla valuta locale è ben accetto il dollaro, facilmente utilizzabile nei cambi. Se vogliamo andare sul sicuro muniamoci dunque di dollari, carte di credito (facilmente utilizzabile) e travel cheques. Si tratta di un buona “cassetta di sicurezza”, in quanto occorre una controfirma, da verificare con quella del passaporto, affinché avvenga il cambio. Di norma le banche li accettano per cambi in valuta locale o particolari pagamenti.

Web, viaggi “fai da te” e rischio truffe on line alle vostre vacanze

Abbiamo visto come il Web abbia un ruolo fondamentale nell’organizzazione di una vacanza fai da te. Anche in questo caso però dobbiamo fare attenzioni alle possibili “sorprese” dietro l’angolo. Vediamo qualche suggerimento per evitare truffe on-line. La ricerca su Internet non solo deve essere in anticipo per riuscire ad acquistare voli e offerte a prezzi stracciati, ma soprattutto accurata e intelligente. Molti infatti, una volta prenotato il viaggio dei loro sogni, rischiano di non metterci mai piede. Bisogna prestare molta attenzione alle descrizioni dell’offerta, ai prezzi, le condizioni, i diritti, eventuali oneri, scartando a priori le proposte assolutamente surreali. Fatevi venire dei dubbi quando vedete prezzi super scontati per mete molto gettonate. Soprattutto leggete sempre tutto per bene, specie le clausole scritte a caratteri microscopi perché molto spesso è lì che si nasconde la magagna. Ad esempio potremmo scoprire che il nostro alloggio non è direttamente sul mare ma a un bel po’ di km di distanza. Quando acquistiamo su Internet accertiamoci che si tratti di un’azienda seria e affidabile. Viceversa se entriamo direttamente in contatto con un albergo, abbiamo il diritto di venire a conoscenza dei dettagli della stanza, dei servizi compresi nella quota e di quelli offerti (esempio baby-sitting, presenza di animali). E’ molto importante farsi recapitare la ricevuta dell’avvenuto pagamento, per evitare spiacevoli episodi. Qualora l’albergatore fosse inadempiente, il cliente avrà diritto al doppio della caparra. Se ci dovessero essere casi di furto, la responsabilità sarà imputabile all’albergatore, sia nella camera che nei dintorni. Nel caso la nostra dimora fosse un campeggio, il gestore (figura equivalente all’albergatore) ha l’obbligo di custodire costantemente e di risarcire in caso di furto il campeggiatore. Ad ogni modo, quando decidiamo di metterci in viaggio, ricordiamoci di dare un’occhiata al sito del Ministero degli Affari Esteri (http://www.esteri.it/MAE/IT ). Nella sezione “Viaggiare Sicuri” si possono trovare tutte le informazioni utili per evitare le località soggette a calamità naturali, rivolgimenti civili o con pericolo di attacchi terroristici, fenomeni che, ovviamente, potrebbero pregiudicare l’incolumità del viaggiatore.

Siti web e approfondimento per il viaggiatore “fai da te”

  • Vagabondo Sito doc per tutti i viaggiatori “vagabondi”
  • Turisti per caso Uno dei siti più famosi per tutti i turisti
  • Turisti non per caso Consigli e testimonianze sui viaggi nel mondo
  • Fai da te – Viaggi su misura Proposte per ogni tipo di viaggio
  • Camping.it Il portale dei campeggi in Italia
  • Consigli per viaggiare Sito con ottimi consigli sul viaggiare fai da te
  • Ciao! Shopping IntelligenceSito on line per trovare il nostro Tour Operator preferito


Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *