Parco zoo di Poppi: cos’è

Nel cuore della Valle del Casentino il Parco zoo di Poppi costituisce un’area naturale dove è possibile scoprire la bellezza dell’ambiente e del mondo animale. Grazie a numerosi laboratori rivolti a bambini a partire dalla scuola dell’infanzia, l’intento è quello di sensibilizzare l’uomo nel rispetto delle altre specie animali e dell’ambiente in cui vive.

Il parco di pioppi

Il Parco zoo di Poppi è stato creato nel 1973 ed è situato nella Valle del Casentino, tra la Toscana e l’Emilia Romagna. La bellezza naturale di questo territorio è sottolineata anche dal Parco nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna che si trova proprio in questa zona. Il Parco zoo di Poppi occupa una superficie di circa 50 ettari e resta aperto tutto l’anno con orario continuato.

L’esplorazione dell’ambiente del parco permette di stimolare la capacità di osservazione dei bambini tramite la manipolazione, il gioco, l’osservazione di impronte lasciate dagli animali o delle varie specie vegetali presenti.

Il Parco zoo di Poppi organizza numerosi progetti didattici con laboratori rivolti a bambini di varie età per stimolare il loro desiderio di conoscenza della natura e del mondo degli animali in un cammino volto anche alla scoperta di se stessi.

Visita al parco

Il parco è visitabile a piedi ed è facilmente percorribile sia con i passeggini sia per visitatori diversamente abili. Il percorso è lungo circa 2 km ed è immerso nella vegetazione all’ombra di castagni, querce e pini ed è attrezzato anche con 30 pannelli didattici ricchi di tante informazioni sugli animali e sulla biologia.

Tante le specie animali che si possono osservare nel parco come: allocco, barbagianni, aquila rapax, castoro, bertuccia, cane procione, cinghiale, cervo, cicogna, cavalli pony, camoscio delle Alpi, civetta, coniglio selvatico, falco pellegrino, gallo cedrone, genetta, gufo reale, lepre italica, lontra, marmotta, lupo europeo, nutria, orso bruno, pavone, poiana, somarello dell’Amiata, stambecco delle Alpi, tasso, tartaruga di hermann, procione lavatore, visone, volpe rossa, volpe azzurra, volpe bianca polare, volpe argentata.

Nel parco, inoltre, c’è anche un laghetto dove poter ammirare anche alcune specie dell’avifauna acquatica come: cigno, carolinam, casarca, germano reale, codone, granaiola, mandarina, fischione turco, moretta, tabaccata, volpoca, oca selvatica, oca lombardella.

Presso il parco è disponibile un grande parcheggio gratuito per auto e pullman e all’interno della struttura ci sono bar, ristorante, area pic-nic, parco giochi per bambini.

Nei giorni festivi è inoltre possibile salire a bordo di un trenino per fare un giro nel parco o far cavalcare ai bambini un pony per una passeggiata.

Laboratori didattici

All’interno del parco sono organizzati numerosi laboratori per la scuola dell’infanzia, per le scuole primaria e secondaria di primo e secondo grado.

Tanti gli argomenti affrontati come:

  • Le impronte. I bambini sono guidati alla scoperta delle impronte lasciate a terra dai vari animali.
  • La rete alimentare. L’osservazione di borre e pigne rosicchiate e di altri elementi vegetali permetterà di capire quali sono alcune abitudini alimentari di certi animali.
  • Predatori e prede. L’esplorazione in prima persona del terreno e dell’ambiente naturale in cui vivono gli animali permetterà al bambino di familiarizzare con l’ambiente esterno e di stimolare il suo desiderio di conoscenza.
  • Adattamenti degli animali all’ambiente. Osservando la muta dei rettili o le penne degli uccelli si può capire alcune caratteristiche fisiche di certi animali e la loro capacità di adattamento all’ambiente che li circonda.
  • Sociale-solitario. Conoscere le abitudini degli animali in fatto di socializzazione e relazione e riguardo alla capacità di crescita dei cuccioli.
  • Armonia del bosco. Scoprire i tanti volti della natura che ci circonda a seconda della stagione in cui ci si trova.
  • Rapporto uomo-natura. Si tratta di un rapporto complesso ma ricco di emozioni e stimolante pertanto i bambini vanno guidati alla scoperta del significato di questo rapporto che nasce già in età preistorica.
  • Ecosistema. Cos’è un ecosistema? Quale è il ruolo dell’uomo all’interno di esso? Scoperta del mondo e dell’ambiente e analisi della differenza tra gli ecosistemi.
  • Flora e fauna delle Foreste Casentinesi. Il parco zoo di Poppi si trova in un ambiente naturale di grande bellezza e quindi rappresenta un’occasione per scoprire anche gli animali e le specie vegetali che costituiscono il Parco nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna.

Le lezioni che si svolgono con i bambini prevedono vari tipi di attività come discussioni e confronti collettivi, lavori individuali e di gruppo, realizzazione di un poster di gruppo e di lavori singoli come schede sulle varie specie animali e vegetali presenti nel parco.

All’interno del parco è possibile inoltre prenotare visite guidate per gruppi di persone.

Per arrivare al parco in auto per chi proviene dall’Autostrada A1 è necessario uscire al casello di Arezzo e proseguire per Bibbiena-Poppi e seguire poi le indicazioni per parco zoo di Poppi. Per chi sopraggiunge invece dalla Superstrada E45 l’uscita è quella di Bagno di Romagna e bisogna poi proseguire per Badia Prataglia-Poppi e seguire le indicazioni per il parco.

Parco Zoo di Poppi

Via del Parco Zoo 16

52014 Poppi (Arezzo)

www.parcozoopoppi.it

info@parcozoopoppi.it

Per laboratori didattici:

tel. 0575 50 45 41; 0575 52 90 79



Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *