Come fare il passaporto

Se avete pianificato le prossime vacanze all’estero o dovete viaggiare per lavoro fuori dall’Unione Europea avrete bisogno del passaporto. Vediamo come fare per ottenerlo e quali sono i vari iter burocratici da seguire.

Come fare il passaporto

Il passaporto è l’unico documento di riconoscimento che consente di viaggiare all’esterno dell’Unione Europa; ha una durata decennale e trascorsi i termini, dato che non è possibile rinnovarlo, è necessario richiedere l’emissione di un passaporto nuovo , riconsegnando il vecchio.

Per quanto riguarda la domanda di rilascio, anche nel caso siate alla prima emissione, il metodo più popolare è quello di rivolgersi direttamente ad uno dei seguenti uffici del luogo di residenza, domicilio o dimora: la Questura, l’ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza o la stazione dei Carabinieri. Per gli italiani che risiedono all’esterno la domanda andrà presentata presso le Rappresentanze diplomatico-consolari.

I tempi di attesa possono variare da 1/2 giorni fino ad un paio di settimane, specialmente in prossimità della stagione estiva e quindi delle partenze di massa.

Esiste un nuovo servizio, molto utile per diminuire i tempi d’attesa, che consente di richiede il passaporto online sul sito della Polizia di Stato, sezione passaporti online; attraverso questo servizio sarà possibile prenotare la data, il luogo e l’orario di presentazione della domanda, evitando così le lunghe file presso gli uffici.

Per poter ottenere il passaporto è necessario munirsi di una serie di documenti:

  • Il modulo stampato di “Richiesta passaporto” debitamente compilato in tutte le sue parti (è disponibile il modulo per maggiorenni e quello per minorenni);
  • Un documento di identità valido;
  • 2 foto tessere, recenti e identiche;
  • La ricevuta del pagamento di € 42.50 (passaporto ordinario). Tale versamento va effettuato esclusivamente mediante un bollettino di c/c n. 67422808 intestato al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro. La causale deve essere: “Importo per il rilascio del passaporto elettronico”;
  • Una marca da bollo del valore di € 73,50 (contributo amministrativo);
  • La stampa delle ricevuta che verrà inviata dal sistema a seguito della registrazione al sito Agenda passaporto;
  • Nel caso di richiesta di un nuovo passaporto a causa di deterioramento o scadenza del vecchio, sarà necessario presentare anche il vecchio documento per la riconsegna;
  • Nel caso di richiesta di nuovo passaporto causa furto o smarrimento, munirsi della relativa denuncia.

Sino al 24 giugno 2014 era in vigore la tassa sul passaporto ordinario che obbligava al pagamento annuale di € 40,29; essendo stata abolita a decorrere da questa data tutti i passaporti, compresi quelli già emessi, avranno validità sino alla data di scadenza riportata all’interno del documento, senza che sia necessario pagare la tassa annuale.

Se a richiedere il passaporto è un genitore di figli minori, sia che sia sposato, convivente, separato, divorziato o semplicemente genitore naturale, dovrà fornire l’assenso dell’altro genitore. Nel caso l’altro genitore sia impossibilitato a presentarsi per la firma dell’assenso davanti al Pubblico Ufficiale, che ha il compito di autenticare la firma, sarà necessario presentare una fotocopia del documento del genitore assente firmata in originale e una dichiarazione di assenso all’espatrio, anch’essa scritta e firmata in originale. Questo iter è previsto dalla legge per la tutela dei minori

A decorrere dal 27 ottobre del 2014 è disponibile per tutti i cittadini un nuovo servizio: il “Passaporto a domicilio”. Grazie a questo servizio, attuato in collaborazione con Poste Italiane, i cittadini possono richiedere la spedizione del documento a domicilio, compilando e riconsegnando una busta di Poste Italiane, fornita dalla Questura o dal commissariato, e pagando poi  € 8,20 in contrassegno al momento della consegna.

Passaporto per i minori

A partire dal 27 giugno 2012 l’iscrizione dei minori sul passaporto dei genitori non è più valida; il minore deve quindi possedere un documento di viaggio personale.

Esistono due tipologie di passaporti per i minorenni: i documenti per minori da 0 a 3 anni (con validità triennale) e quelli per minori da 3 a 18 anni (con validità quinquennale).

L’iter da seguire e la documentazione da consegnare sono uguali a quelle valide per i soggetti maggiorenni, con la differenza che per la richiesta del passaporto del minore è indispensabile l’assenso di entrambi i genitori, che dovranno firmare davanti al Pubblico Ufficiale presso l’ufficio in cui si presenta la richiesta.

Se uno dei genitori non può essere presente alla firma è necessario allegare alla richiesta una fotocopia del documento di tale genitore firmata in originale e una dichiarazione scritta che confermi l’assenso all’espatrio del minore, anch’essa con firma in originale.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *