Cyclette ellittica

La cyclette ellittica è un particolare attrezzo a metà strada fra il tapis roulant e la tradizionale cyclette, che permette di tonificare sia le gambe che la muscolatura della parte superiore del corpo. Va conosciuta bene perchè, a differenza di quello che si potrebbe pensare, è uno strumento ottimo per i principianti e per quelli che si avvicinano al mondo del fitness, ma è invece del tutto inutile a chi pratica già sport da tempo, in quanto aggiunge ben poco alla preparazione fisica.

Cyclette ellittica

Cos’è la cyclette ellittica

La cyclette ellittica, talvolta semplicemente definita come ellittica o ellittico, è un particolare attrezzo utilizzato per l’allenamento cardiovascolare che viene utilizzato per simulare la camminata o la corsa senza tuttavia causare un eccessivo stress a livello delle articolazioni. Per questo motivo, l’ellittica viene consigliata alle persone che soffrono di problemi articolari o sono in fase di riabilitazione in seguito a traumi o operazioni chirurgiche.

Ma come funziona esattamente l’ellittica? Tipicamente, essa è costituita da due appoggi per i piedi situati su due aste collegate con la ruota magnetica della cyclette. A questo sistema di movimento sono incernierate, a loro volta, due lunghe aste verticali mobili che terminano con maniglie che l’utilizzatore afferra. A differenza delle tradizionali cyclette non esiste un sellino: durante l’utilizzo dell’ellittica si rimane in piedi e questo rappresenta un grande vantaggio perché non si ha la compressione della zona lombare e dell’osso sacro, che spesso risentono del sellino della cyclette tradizionale. A conti fatti, dunque, l’ellittica può essere considerata come una sorta di “via di mezzo” fra una comune cyclette ed un tapis roulant.

Attraverso l’esercizio combinato delle falcate delle gambe e del movimento avanti e indietro delle braccia, che si muovono alternativamente (esattamente come accade durante una camminata o una corsa) si realizza un’attività fisica tutto sommato completa che coinvolge diverse parti del corpo. Naturalmente a lavorare di più sono le gambe, ma anche le braccia fanno la loro parte e non bisogna trascurare gli effetti benefici dell’ellittica sui glutei, sui pettorali e sulla zona dorsale.

Usare in modo corretto la cyclette ellittica

Attraverso un sistema di regolazione è possibile scegliere l’intensità dell’allenamento: si consiglia di partire all’inizio con ritmi lenti e resistenze basse, per poi aumentare progressivamente tempi, ritmi ed intensità di sforzo. Poiché si tratta di un attrezzo completo e fisicamente abbastanza impegnativo, è consigliabile (soprattutto se non si è abituati a fare molto sport) iniziare con sessioni di allenamento di non oltre 15-20 minuti, eseguite ad un ritmo blando.

Mentre le prime sessioni devono essere di durata limitata, con il passare del tempo è possibile aumentare anche a 40 minuti o un’ora la loro durata. Una volta terminata la sessione, non bisogna interrompere di colpo il movimento ma rallentare gradualmente per uno o due minuti, in modo tale da poter dare tempo all’organismo di abituarsi.

L’ellittica inoltre offre un’opzione che le normali cyclette non prevedono, ovvero la pedalata all’indietro. Si tratta di un movimento certamente non comune che, tuttavia, si consiglia di alternare alla classica pedalata in avanti per tonificare ancor meglio l’intera muscolatura.

Effetti benefici della cyclette ellittica

Grazie all’ellittica è possibile tonificare le diverse parti del corpo, ed in particolare braccia, gambe e glutei. Trattandosi di uno sforzo prolungato, attraverso l’utilizzo di questo attrezzo è possibile allenare efficacemente la resistenza aerobica in un modo molto simile a quanto avviene con la camminata veloce o la corsa, con la differenza che le braccia risultano maggiormente coinvolte. L’ellittica risulta particolarmente adatta ad esempio chi, quando le condizioni meteorologiche sono sfavorevoli, non ha voglia di uscire per una salutare camminata.

Proprio perché si tratta di uno sforzo aerobico di media intensità che si può prolungare in sessioni anche di una certa durata, l’ellittica è un valido aiuto per le persone che intendono liberarsi di qualche chilo di troppo. Le condizioni ideali per il dimagrimento sono infatti rappresentate da sforzi di intensità non eccessivamente elevata (in pratica, avere il “fiatone” non fa dimagrire) e basse frequenze cardiache, che vengono protratti per almeno 25 minuti. Trascorso questo tempo, infatti, l’organismo inizia a metabolizzare i grassi di riserva per la produzione di energia.

Consigli degli esperti su tonificazione e dimagrimento

A detta di molti, la cyclette ellittica presenta indubbi vantaggi ma non può essere considerata, ovviamente, come la panacea per tutti i mali. Se è infatti vero che il suo utilizzo può regalare grandi benefici all’organismo e in particolare al sistema cardiovascolare, è altrettanto vero che il corpo ha bisogno anche di altre tipologie di attività fisica. Come, ad esempio, esercizi a corpo libero, con i pesi oppure attività dinamiche che stimolano la prontezza di riflessi. Lo stesso discorso vale per le persone in riabilitazione o che devono fare fisioterapia: l’ellittica va bene, ma non a tempo indefinito.

L’ellittica, da questo punto di vista, è ottima per i principianti o per coloro che si stanno avvicinando al mondo del fitness, ma è assolutamente inutile per chi pratica già sport perché non “aggiunge” nulla alla preparazione fisica. Infatti, nessun professionista utilizza l’ellittica (o altre macchine simili) per il proprio allenamento, ad eccezione magari di un breve riscaldamento iniziale.

Approfondire la cyclette ellittica

Siti internet

DKN Italia – Guida all’acquisto di una ellittica

Wellness Vincente – Allenarsi in casa con la cyclette ellittica

Albanesi.it – L’ellittica

Video

Ellittica – Programma manuale

Ellittiche PROFORM PF695



Una risposta

  1. Dario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *