Come scegliere la bicicletta

Siete in procinto di acquistare una bicicletta ma non sapete da dove partire? La prima cosa da fare è quella di informarsi al meglio perché sì, anche le bicilette hanno una taglia, diverse grandezze e non è vero che sono tutte uguale. Quindi che vi serva un modello da corsa, da città o di una bicicletta per le gite fuori porta, ecco tutto quello che dovete sapere per scegliere la bicicletta.

Come scegliere la bicicletta

Come scegliere la bicicletta

Andare in bicicletta fa bene alla salute, questo lo sanno tutti, ma forse non tutti sanno che per pedalare bene e fare una corretta attività fisica è anche necessario affidarsi al giusto modello e scegliere la bicicletta di una misura idonea e con le giuste caratteristiche. In questo modo nessun muscolo del corpo, e nemmeno la schiena, si sentiranno affaticati facendo movimenti scorretti e voi potrete godere dei tanti benefici che andare in bicicletta offre, sia che decidiate di usare la bici per sport, sia che la utilizziate come mezzo di trasporto a tutti gli effetti.

Se è vero che tutte le biciclette, o quasi, pedalano allo stesso, non vale lo stesso per il modello. Ne esistono infatti diversi modelli; grande o piccola, da corsa o da città, non importa, in ogni caso la bicicletta va scelta per bene, seguendo criteri ben precisi e prestando cura e attenzione.

Ma quale bici comprare? Questa è la domanda più difficile per chi deve fare questo acquisto, magari per la prima volta. Bicicletta da corsa, bicicletta ibrida o Mountain Bike? Rispondere a questa domanda è relativamente semplice: basta sapere che tipo di utilizzo volete fare della bicicletta.

Se usate la bicicletta per percorrere strade battute, è inutile affidarvi a una Mountain Bike; la soluzione migliore in questo caso è una bici da strada, ibrida o con un telaio leggero, che abbia magari delle ruote sufficientemente larghe per poter viaggiare in tranquillità su strade sterrate. Se invece il vostro obiettivo è utilizzare la bicicletta per fare attività sportiva la scelta ideale è un Mountain Bike oppure una bici da corsa. Ma vediamo questi modelli più da vicino.

Mountain Bike

Questo modello nasce come bicicletta da montagna ed è dotata di telaio, ruote, manubrio e larghi copertoni. A seconda dei modelli può avere sei cambi posteriori e tre anteriori ed è venduta, in genere, accompagnata da diversi accessori come la pompa per gonfiarla e la leva necessaria per smontare il copertone.

È vero che nasce come bicicletta da montagna, ma la Mountain Bike può anche essere usata per pedalare in città come una normalissima bicicletta sportiva. Ciò che conta è aggiungere, come da norma del codice della strada, i segnalatori luminosi e i catarifrangenti sui pedali.

Se volete usare la Mountain Bike per fare attività fisica su percorsi ben precisi, è bene aggiungere anche luci e parafanghi, per evitare che il fango possa inserirsi tra catena e carter, o tra la ruota e il parafango, bloccando e ostacolando i movimenti.

Bicicletta da città

Questa bicicletta ha un telaio robusto, una sella molleggiata, parafanghi e un manubrio sufficientemente alto che permette di guidare in posizione eretta. Queste biciclette sono in genere corredate da portapacchi e cestini contenitori, molto utili se usate la bicicletta per spostarvi e fare la spesa in città.

Questo tipo di bicicletta in genere è usata per spostamenti quotidiani brevi e non è fornita di cambi come la Mountain Bike. La bicicletta da città può anche essere utilizzata per brevi escursioni sportivi, purché però siano brevi. Dal momento che mancano i cambi, su questa bicicletta è impossibile calibrare sforzo e rendimento tramite le salite e le discese.

La bicicletta da città è anche quella maggiormente modificabile a seconda delle vostre esigenze, soprattutto se dovete affrontare, di tanto in tanto, piccole escursioni o gite. Su questi modelli è possibile aggiungere il portapacchi, sia nella parte anteriore, sia nella parte posteriore, a seconda delle esigenze, oppure delle borse anteriori o posteriori per eventuali bagagli.

In genere le bicilette da città sono anche attrezzate per poter contenere una seconda borraccia e, alcuni modelli, dispongono anche di una borsa anteriore fatta apposta per contenere le cartine topografiche. A seconda dei casi, inoltre, è possibile sostituire il manubrio classico con il manubrio da corsa, che vi agevola così con più posizioni, e applicare anche una “tripla moltiplica” per avere a disposizione anche un terzo rapporto nella parte anteriore.

Biciclette ibride

Un’altra alternativa, se siete sportivi ma vi piacciono le biciclette leggere, è la soluzione ibrida. Questo tipo di bicicletta nasce come bici da corsa adattata a lunghi viaggi. Ha un telaio abbastanza pesante e offre una valida stabilità di guida, perfetta per una scampagnata fuori città ma anche per muoversi in città.

Consigli generali per scegliere la bicicletta giusta

Esistono poi una serie di buone norme di cui tenere conto nel momento in cui si acquista una bicicletta. Ecco quali sono:

Il manubrio: controllate sempre che sia confortevole e regolato nella posizione che vi è più comoda. Se non siete convinti, provatelo.

  • Il seggiolino per i bambini: deve essere sempre omologato, offrire il giusto sostegno alla spina dorsale e avere la cinghia di sicurezza e salva gambe. Meglio sceglierne un modello rigido.
  • Prestate attenzione agli accessori, alle volte compresi nel prezzo: la pompa, il porta borraccia e la borraccia e la camera d’aria di scorta.

Il carrello per la bicicletta

Nei paesi nordici si usa molto, mentre in Italia non è usanza molto diffusa tra chi viaggia su due ruote. Parliamo del carrellino da bicicletta, leggero e facile da trainare, che si applica direttamente dietro la bicicletta ed è coperto da una tenda. Nei paesi del nord Europa è utilizzato molto spesso per trasportare le buste della spesa o come mezzo di trasporto per i bambini.

È doveroso premettere che la sicurezza delle nostre strade, che in molti tratti non sono provviste di piste ciclabili, non consentono l’utilizzo di questo mezzo che, soprattutto nel caso in cui sia utilizzato per trasportare i bambini, non sarebbe del tutto sicuro.

Come scegliere le misure della bicicletta

Veniamo adesso agli aspetti più tecnici della scelta della bicicletta. Anche se non si è esperti in materia, infatti, per fare un acquisto intelligente e investire al meglio i propri soldi è necessario avere un’infarinatura generale sulle caratteristiche tecniche della bicicletta e su quali sono gli aspetti da tenere in conto.

Ma andiamo per ordine. Il primo parametro fondamentale riguarda l’altezza, unita ovviamente alle misure del telaio. Se sbagliate a scegliere la misura del telaio, per esempio, sarete scomodi all’atto di pedalare e potreste anche incorrere in spiacevoli inconvenienti fisici come mal di schiena e dolori muscolari di varia natura.

Per essere sicuri di fare un acquisto mirato e intelligente e scegliere il telaio migliore alle nostre esigenze è sempre meglio chiedere un parare presso il negozio. Vi verrà chiesto prima di tutto quale uso intendete fare della bicicletta e con quanta intensità intendete usarla.

Per avere un’idea generale, prima di chiedere un parere di un esperto, è bene sapere che, in genere, la misura delle biciclette segue a ruota, è proprio il caso di dirlo, gli indicatori di taglie che normalmente conosciamo per l’abbigliamento: Small, Medium, Large. La bicicletta va quindi scelta in base all’altezza del ciclista e a ognuno corrisponde la sua taglia. Facciamo qualche esempio pratico per chiarire il concetto.

Se l’altezza è compresa tra 140- 150 cm, la taglia da prendere in considerazione è la Extra Small, che in genere corrisponde alle biciclette per i bambini, mentre se l’altezza varia dai 150 ai 165 cm la taglia più idonea è la Small. Se il ciclista ha un’altezza compresa tra i 165 e i 175 cm è necessario prendere in considerazione una taglia Medium, mentre se si parla di altezza compresa tra i 175 e 180 cm la taglia giusta è la Large. Il modello XL è invece riservato a chi ha un’altezza compresa tra i 180 e i 200 cm.

Un’ulteriore prova per misurare l’ergonomia della bicicletta è la cosiddetta “misura del cavallo”. Si considera, cioè, la distanza che intercorre tra il suolo all’inguine del ciclista. Ottenere questa misurazione è abbastanza facile. Per prima cosa è necessario mettersi in posizione eretta contro a una parete e sistemare un libro qualsiasi in mezzo alle gambe. Fatto questo dovrete spingere il libro contro l’inguine e, metro alla mano, prendere la misura nella parte più alta del libro.

Se avete intenzione di acquistare una bicicletta da strada sarà sufficiente moltiplicare per 0,66 la misura che avete ottenuto, mentre se volete acquistare una mountain bike, è necessario moltiplicare il numero per 0,58. Il risultato ottenuto, ovviamente, è in cm e, dividendo per 2,54, otterrete facilmente il risultato in pollici.

Se siete in negozio a esaminare attentamente tutte le caratteristiche della bicicletta, non dimenticatevi della sella. La sella deve essere regolata secondo una misura bene precisa, per favorire al meglio la pedalata e non affaticare schiena e muscoli. Per conoscere a quale altezza sarebbe meglio regolare la sella basta moltiplicare per 0,885 la misura ottenuta per il cavallo e il calcolo va applicato dalla sella al centro della pedivella.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *