Scegliere il cardiofrequenzimetro

Soprattutto se si fa sport, è bene che il cuore sia sempre sotto controllo. Il cardiofrequenzimetro è un complesso strumento capace di analizzare, attraverso i battiti del cuore, l’intensità dello sforzo e l’utilità effettiva di un’attività sportiva. Questo articolo vi spiega com’è nato questo strumento, come funziona, in che occasioni è meglio usarlo per regolare l’intensità dello sforzo atletico.

Il cardiofrequenzimetro è una sorta di guardiano del nostro cuore. Presente in tutti i centri sportivi, assicura che l’attività fisica non si tramuti in danno per il nostro organismo e che sia svolta nel modo più corretto.

Storia del cardiofrequenzimetro

Il cardiofrequenzimetro nasce negli anni Settanta per mano di un ingegnere irlandese al fine di monitorare le prestazioni di una squadra di sci nordico e per la forma e le dimensioni ricorda gli apparecchi per l’elettrocardiogramma, ma in un decennio provvede a raffinarsi e a liberarsi dei fili, e nel 1984 è in Italia a disposizione del campione Francesco Moser.

Se inizialmente registrava soltanto il battito del cuore, ora vanta un gran numero di funzioni ed è fruibile da tutti, grazie ad una tecnologia semplice e ai prezzi contenuti.

Ha l’aspetto di un normale orologio da polso con il display molto grande e a volte illuminato, per indicare i valori in modo evidente, senza costringere la persona ad interrompere l’esercizio per leggere, come accadeva quando si misurava il battito cardiaco contando le pulsazioni e, nella necessaria interruzione dell’attività, si perdeva spesso il ritmo reale delle pulsazioni che ovviamente variavano in modo repentino.

Un segnale acustico provvede ad avvisare quando si raggiunge il livello impostato come soglia massima di allenamento e rappresenta un aiuto in più per tenere sotto controllo la tenuta del fisico durante l’esercizio. Completa lo strumento una fascia toracica, il trasmettitore, che a contatto diretto con la pelle, rileva i battiti e li comunica all’orologio, il quale a sua volta lo visualizza sul display.

miglior cardiofrequenzimetro

Funzione del cardiofrequenzimetro

L’obiettivo basilare del cardiofrequenzimetro è il monitoraggio della frequenza cardiaca. Il numero dei battiti fornisce infatti una misura istantanea dello stato di affaticamento dell’organismo, il che rappresenta un parametro importantissimo in condizioni di stress fisico.

Per allenarsi al meglio è infatti fondamentale tenere sotto controllo l’intensità del sforzo, e non esiste modo migliore della frequenza cardiaca, che fornisce una stima del lavoro del cuore rispetto all’impegno muscolare.

In base ai valori dei battiti si potrà modulare di volta in volta l’allenamento, ma sempre in contatto con personale esperto che sappia fornire una valutazione competente rispetto ad obiettivi, risultati e modalità di impiego.

Mai dimenticare infatti che nell’ambito di una categoria di allenamento generale come ‘aerobico’ o ‘anaerobico’, ognuno raggiunge degli obiettivi commisurati ai propri skill di partenza e grazie al cardiofrequenzimetro ha la possibilità di non mettere a repentaglio la propria salute.

Allenamento con il cardiofrequenzimetro

Il miglior cliente del cardiofrequenzimetro è quello sportivo che non ha un buon rapporto con il cronometro, perché trae vantaggio da uno strumento che fornisce l’indicazione precisa, senza necessità di calcolo tra diverse variabili.

Durante una corsa, non tutti riescono a calcolare con lucidità il rapporto fra il tempo del giro di pista e il tempo al chilometro: per loro c’è il cardiofrequenzimetro, uno sguardo e via.

Ottimo inoltre per chi non ha senso della misura, e parte troppo ‘sparato’ o troppo lento piuttosto che adottare un’andatura costante che non stressi troppo e troppo in fretta l’organismo. Infatti lo strumento è molto utilizzato nelle attività cardio, dalla maratona al ciclismo alle discipline aerobiche.

Per sapere bene come si usa correttamente il cardiofrequenzimetro, a cosa serve e a cosa “non serve”, abbiamo realizzato una apposita guida alla quale vi rimandiamo.

cardiofrequenzimetro

 

Produttori di cardiofrequenzimetri e siti internet

Si è detto sin qui che il cardiofrequenzimetro somiglia ad un orologio e funge da guardiano (non impiccione) della nostra forma fisica, intesa in senso ampio. E’ il caso di dare un’occhiata più da vicino a qualcuno dei tanti modelli presenti sul mercato, che promette meraviglie all’avanguardia come la possibilità di scaricare i dati dell’allenamento direttamente su pc.

Polar
E’ un guru nel settore dei cardiofrequenzimetri. Nata in Finlandia e presente ad oggi in ottanta paesi del mondo, la Polar fa affidamento su un gruppo di ricercatori e ingegneri specializzati in fisiologia ed alta tecnologia, al fine di garantire la sicurezza dei prodotti e meccanismi e procedure all’avanguardia. I modelli Polar. Si dividono di quattro tipi: codificati e non codificati a batteria sigillata, codificati e non codificati a batteria sostituibile da parte della persona che si sta allenando. Tutti hanno il trasmettitore sigillato e in forma di un solo pezzo, il che li rende impermeabili e di conseguenza maggiormente affidabili. Inoltre, funzione di non poca importanza, alcuni modelli sono progettati in ‘versione codificata’, ossia riescono ad escludere le interferenza che la presenza di altri cardio nei dintorni potrebbe provocare. L’Own Zone. Si tratta della Target Zone, che in alcune versioni Polar viene determinata in automatico mediante un test fisiologico che lo strumento effettua durante il riscaldamento, con una tempistica che va varia tra quattro e otto minuti. In tal modo si ottengono indicazioni personali sul livello di attività al quale attenersi in relazione a parametri legati alla singolo individuo e non tarati secondo schemi generali: in pratica il cardio ci dice chi siamo, dove stiamo andando e con quale ritmo è opportuno che lo facciamo in quel preciso momento.

Come scegliere un cardiofrequenzimetro Polar

E’ bene chiarirlo che le versioni base sono le più adatte a chi non svolge attività sportiva di tipo agonistico o comunque si attiene a percorsi di allenamento di stampo generico, privi di finalità che richiedano controlli specifici. Per chi invece ha l’esigenza di ‘approfondire’ esistono gioiellini che offrono uno strumentario preciso per la misurazione di una serie di parametri grazie a ben ventotto funzioni. Ne citiamo solo alcune: rilevazione della velocità istantanea, media e massima senza fili, calcolo del tempo che occorre per effettuare un percorso sulla base del valore medio della velocità di percorrenza., visualizzazione sul display dei dati in sequenza cronologicamente susseguenti e del consumo calorico sia durante che al termine dell’esercizio. Ce n’è davvero per tutti i gusti.

Decathlon
La catena Decathlon ha in vendita, sia nei negozi che sullo shop on line, un gran numero di modelli di cardiofrequenzimetri.

Garmin
Nota come azienda produttrice di navogatori satellitari, la Garmin dispone anche di ottimi cardiofrequenzimetri.

Oregon
La Oregon Scientific, celebre per le sua strumentazioni, ha in catalogo anche ottimi cardiofrequenzimetri.

Approfondire la scelta del miglior cardiofrequenzimetro su internet

  • Cardiofrequenzimetro punto com
    E’ un negozio virtuale che offre una gamma selezionata dei migliori modelli, in varie fogge e misure. Rappresenta una sorta di vademecum virtuale per chi preferisce internet alle reti commerciali tradizionali e può usufruire di una esposizione di modelli illustrati nel dettaglio da personale competente. Attenzione per il rapporto qualità – prezzo, nell’ottica di una offerta diversificata sensibile alle esigenze di risparmio.
  • www.vendita-cardiofrequenzimetri.it
    Una scelta molto ampia e un target di modelli che rispecchia la volontà di indicare il meglio ad un pubblico esperto ma anche a chi si accosta al mondo del cardiofrequenzimetro per la prima volta e magari non sa come orientarsi fra tipologie, sigle, proprietà dello strumento. Consigli pratici, supporto teorico e tecnico e i modelli al top del mercato. Con un occhio vigile al controllo del prezzo.


2 Commenti

  1. katerina Haska
  2. katerina Haska

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *