Prodotti artigianali dell’Umbria

La produzione dell’artigianato tradizionale e tipico in Umbria è ancora oggi molto diffusa tanto che è facile imbattersi in botteghe di artigiani o piccoli e grandi laboratori in cui l’artigiano lavora a mano i suoi prodotti. Si tratta di oggetti fatti in ferro battuto, di tessuti lavorati e ricamati a mano, di mobili sapientemente restaurati, di gioielli minuziosamente cesellati e lavorati secondo disegni unici e originali. Scopriamo insieme i prodotti artigianali dell’Umbria.

Prodotti artigianali dell'Umbria

Prodotti artigianali dell’Umbria

I prodotti dell’artigianato tipico dell’Umbria sono pertanto dei veri e propri oggetti d’arte indistintamente dal settore da cui provengono e proprio per questo sono apprezzati sia dagli umbri sia dai cultori e amanti degli oggetti lavorati completamente a mano. L’economia di alcune località di basa molto sull’attività artigianale tanto che l’artigianato è una delle prime voci della bilancia economica dell’Umbria.

Artigianato tipico della ceramica

Tra i prodotti tipici dell’Umbria sicuramente ai primi posti per qualità e pregiatezza c’è sicuramente la ceramica. Nelle città perugine di Deruta, Gualdo Tadino, Gubbio e Orvieto si concentra la maggior produzione regionale di ceramica. La produzione della ceramica umbra ha origini molto antiche che risalgono al XIII secolo.

Gubbio è un rinomato centro per la decorazione a mano della maiolica, mentre Umbertide (in provincia di Perugia) è nota per la lavorazione artistica della ceramica con l’applicazione del colore nero per ottenere originali riflessi metallici.

A Gualdo Tadino, presso il Palazzo del Podestà, ha sede il Museo della ceramica contemporanea.

Artigianato tipico del legno

L’artigianato della lavorazione del legno per la produzione di mobili e infissi ha una lunga tradizione ed è ancora oggi uno dei settori più importanti dell’economia di alcune cittadine dell’Umbria.

Città di Castello (in provincia di Perugia) è uno dei centri più importanti del settore dove hanno sede ancora oggi numerose attività artigianali, botteghe e laboratori dove falegnami realizzano su misura mobili e arredi e ogni anno si svolgono varie manifestazioni legate a questa attività artigiana come L’Arte è Mobile (mese di aprile) e La mostra del mobile in stile con vari appuntamenti nel corso dell’anno.

L’Umbria è una regione dove ancora oggi si possono trovare artigiani specializzati nel restauro, nell’intarsio, nell’intaglio e addirittura nella produzione di strumenti musicali di liuteria come avviene ancora oggi nella città di Assisi dove ci sono maestri artigiani specializzati proprio nella realizzazione di strumenti musicali antichi come arpe, liuti, vielle, sinphonie.

La città di Foligno invece è legata alla lunga trazione dei mastri organari rinomati già nel Medioevo. Altre località umbre note per la lavorazione del legno sono Gubbio e Orvieto.

Artigianato tipico del ferro battuto

La lavorazione artigianale del ferro battuto è diffusa in tutta l’Umbria dove ci sono ancora oggi numerose botteghe artigiane dedite alla lavorazione del ferro battuto per la creazione di lampadari, inferriate, alari, oggetti artistici e di decoro.

La lavorazione del ferro battuto in Umbria risale al Medioevo e nelle chiese e in palazzi storici si possono ammirare opere realizzate in ferro battuto tanti secoli fa come la cancellata in ferro battuto del 1496-1511 della cappella di San Bernardino e della cappella del Gonfalone di San Francesco nel Duomo di Perugia oppure la cancellata della Cappella Vitelli nella chiesa di San Francesco a Città di Castello (in provincia di Perugia).

Anche a Montone, borgo in provincia di Perugia, ancora oggi è fiorente l’attività di maestri forgiatori, mentre la località di Preci (in provincia di Perugia) era in passato rinomata per la realizzazione di ferri chirurgici, e a Villamarina, nel comune perugino di Sellano, è ancora oggi presente la lavorazione del ferro battuto per la realizzazione di lime e raspe.

Artigianato tipico dell’oro

La tradizione della lavorazione artigianale dell’oro è legata a città umbre come Perugia, Terni, Spoleto e Torgiano. A Orvieto presso il Museo del Palazzo Faina ha sede anche una sezione su “Oro degli etruschi” con oggetti e reperti che documentano la lunga storia di questa preziosa lavorazione artigianale.

Artigianato tipico dei tessuti

In tutta l’Umbria la produzione e la lavorazione di tessuti vanta una lunga tradizione. Fra Trecento e Quattrocento l’Umbria si affermò per la rinomata produzione delle cosiddette “tovaglie perugine”, con caratteristici motivi floreali, animali e vegetali di fantasia o stilizzati realizzati su lino bianco e in cotone turchino realizzato con l’indaco o il guado.

A Perugia, presso la chiesa di San Francesco, ha sede un laboratorio fondato nel 1921 dove si possono ancora oggi ammirare le donne che lavorano ad antichi telai. All’Isola Maggiore (Tuoro sul Trasimeno) è legata la lavorazione del merletto.

Approfondire l’artigianato tipico dell’Umbria

  • Regione Umbria
    Sezione del portale istituzionale della Regione Umbria per il Turismo, l’Ambiente e la Cultura dedicato a enogastronomia, artigianato e prodotti tipici dell’Umbria.
  • Bella Umbria
    Portale dedicato interamente alla regione Umbria dove trovare tante informazioni su itinerari, eventi, musei, strutture alberghiere, artigianato tipico.
  • Umbria online
    Portale dedicato alla scoperta della Regione Umbria nei suoi vari settori: arte, cultura, eventi, artigianato.
  • Umbria arte
    Portale dedicato all’arte, alla storia, al folklore e all’artigianato dell’Umbria.
  • L’Arte è Mobile
    Sito della manifestazione “L’Arte è Mobile. Collezioni e Citazioni d’Arte e Artigianato” che si svolge tra aprile e maggio a Città di Castello, in provincia di Perugia, interamente dedicata all’artigianato artistico dell’Alta Valle del Tevere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *