Siti sul telescopio

Guida ragionata ai siti web italiani (e non solo) che si occupano di telescopi. Un’elenco analitico e commentato di link, ciascuno con la sua recensione, per farvi risparmiare tempo nella ricerca di siti utili sul telescopio. I nostri autori hanno recensito centinaia di pagine web per voi estrapolando in questa lista le migliori.

siti web sul Telescopio

Recensione dei siti web sul Telescopio

Miotti.it
http://www.miotti.it/index.php
E’ il sito di un prestigioso negozio milanese di ottica e strumentazione, Miotti appunto, entrato a far parte nel 2006 del grande gruppo Salmoiraghi & Vigano. Il sito offre una selezione di oltre 5000 articoli tra telescopi, binocoli, microscopi e strumentazione per l’ottica. La vasta scelta permette sia all’osservatore esperto sia al principiante di trovare il prodotto adatto alle sue esigenze ed alle sue tasche. Per i neofiti inoltre il sito offre interessanti sezioni informative e di orientamento all’acquisto, come le sezioni: “Come funziona un telescopio” e “Come scegliere il primo telescopio”. Buona e sufficientemente dettagliata la scheda di ogni prodotto, che comprende una presentazione dell’oggetto, una lista di specifiche tecniche ed alcune fotografie. Punto a favore del negozio on line è l’affidabilità che può garantire una grande catena di negozi come Salmoiraghi e Vigano, presso i quali è anche possibile recarsi per acquistare gli oggetti visionati sul sito ed addirittura per pagare un oggetto ordinato su internet e recapitato a domicilio. Navigazione semplice ed informazioni chiare ed essenziali contribuiscono a rendere piacevole la navigazione. Da tenere sott’occhio anche la sezione “Usato garantito”, per chi volesse risparmiare in sicurezza, mentre per chi desidera essere sempre informato su prodotti e novità c’è la possibilità di iscriversi alla newsletter.

Optical systems – professional optics for all events
http://www.optical-systems.com/
Già dal nome del sito comprendiamo di trovarci di fronte ad un portale pensato per occhi più esperti e maggiormente allenati rispetto a quello dove ci ha condotto il link precedente. Nella home page il sito si vanta di possedere “uno degli assortimenti più vasti del mondo di prodotti per lo sport l´ottica, l´astronomia e la microscopia”. Entrando nella sezione telescopi ci accorgiamo che qui la ricerca può essere fatta soprattutto secondo un criterio di selezione delle marche, il che comporta, naturalmente una conoscenza dei punti di forza e di debolezza di ogni casa produttrice. Un aiuto agli utenti meno esperti può giungere dalla possibilità di selezionare l’attributo del prodotto ricercato: aprendo il menù a tendina della voce “Livello” ci si accorge infatti che è possibile selezionare i prodotti anche attraverso il loro poter essere o meno adattabili ad un utenza più o meno esperta, secondo una scala che va dai bambini al professionista. Nonostante un primo impatto che porti a pensare di trovarsi di fronte a un sito, se non per esperti, quanto meno per conoscitori dell’argomento, la consultazione si fa dopo pochi minuti semplice ed intuitiva e le schede prodotto sono dettagliate e precise.

Telescopio su Wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Telescopio
Immancabile la voce “Telescopio” nella più grande enciclopedia popolare del web: wikipedia. Per i pochi che ancora non lo sapessero wikipedia è la più famosa e completa enciclopedia online che si basa su contributi spontanei e non retribuiti del popolo del web, riuscendo nonostante questo a fornire informazioni complete, attendibili e continuamente verificate grazie all’attenzione ed alle segnalazioni di ogni singolo ospite. La navigazione su questo sito è assolutamente semplice ed intuitiva: è sufficiente cliccare sull’indice per accedere direttamente al capitolo desiderato. Nel caso specifico la voce telescopio è qui trattata molto bene, e può essere utile sia ai fini di una ricerca scolastica, sia al curioso che si avvicina per la prima per la prima volta a questo mondo. Molto utili anche la bibliografia, i collegamenti correlati e quelli esterni, che permettono a chi vuole saperne sempre di più di continuare la navigazione su siti correlati o di scegliere il più classico tra i metodi di apprendimento e andare alla ricerca di un buon libro.

Guida telescopio su Dada.net
http://guide.dada.net/astronomia/interventi/2001/12/82229.shtml
Questo link porta ad una semplice guida per neofiti contenuta in un sito che, se visitato a partire dalla homepage, sembra riguardare tutt’altro argomento rispetto ai telescopi ed agli strumenti ottici. Questa “Guida all’acquisto del telescopio” può essere tuttavia utile a chi si avvicina per la prima volta ad un mondo non sempre facilissimo da esplorare come quello in questione. La guida tratta argomenti essenziali partendo dalle basi, e cioè dalla spiegazione di cosa è e come funziona un telescopio, passando per consigli pratici su quale telescopio acquistare e fornendo una utile divisione dei prodotti in base alle fasce di prezzo. Utilissima infine la sezione in cui è possibile scrivere all’autore della guida per esporre i propri dubbi e chiedere consigli. La risposta verrà messa a disposizione di tutti nella sezione faq, dove potremmo trovare la risposta alle nostre domande ancora prima di poterle porre.

Vialattea.net
http://www.vialattea.net
Vialattea.net è un sito nato dalla collaborazione di docenti, professionisti e appassionati del settore che hanno unito i loro sforzi nella creazione di questa iniziativa no-profit a carattere divulgativo. Il sito ospita una interessante sezione dedicata al telescopio spaziale “Hubble”, del quale riassume la storia, racconta le missioni e analizza la strumentazione e la metodologia del funzionamento. Viene data la possibilità di leggere contributi monografici di grande valor didattico e di collegarsi attraverso numerosi link ad altri siti dedicati all’argomento che suggeriscono esperimenti, propongono articoli di giornale ed interviste interessanti. Un sito dedicato soprattutto ai docenti della materia, che potranno trovarvi nuovi strumenti per l’insegnamento e per stimolare la curiosità dei propri allievi.

Hubblesite
http://hubblesite.org/
Hubblesite è il sito prodotto dallo “Space Telescope Science Institute’s Office of Public Outreach”, l’istituto creato per condividere con il grande pubblico le scoperte del telescopio spaziale Hubble. Siamo dunque di fronte ad un sito prestigioso, attendibile ed estremamente ben costruito. Un piccolo scoglio da superare è quello della lingua: il sito è infatti interamente in inglese. Chi è in grado di leggere in questa lingua avrà la possibilità di trarre dal sito una infinità di notizie e di informazioni interessanti, ma anche per chi non conosce l’inglese questo dito può rivelarsi estremamente interessante e affascinante. La sezione gallery offre infatti una grande quantità di fotografie di nebulose, galassie e sitemi solari in grado di incantare, di far sognare e di attrarre verso questo il mondo della astronomia anche coloro che si sentono meno portati per la scienza e il calcolo matematico. Tornando a chi invece è anche in grado di fruire degli stimoli non esclusivamente visivi offerti da questo sito, è da segnalare la sezione “behind the pictures” in cui si spiega come il telescopio sia in grado di restituire queste splendide immagini e quanto esse siano fedeli alla realtà. Questo sito può essere senza dubbio un ottimo e innovativo strumento didattico, stimolante e multidisciplinare, coinvolgendo anche l’utilizzo della lingua inglese, ma può essere anche utile al semplice appassionato che si voglia avvicinare a questo mondo e persino al semplice sognatore privo di passione per la scienza ma dotato di grande sensibilità di fronte a tale stupende immagini dell’universo.

Astro-link
http://astrolink.mclink.it/tele.htm
Questo link porta ad una breve presentazione e spiegazione basilare su cosa è e come funziona un telescopio tracciandone la storia, differenziandoli per tipologia e fornendo piccoli consigli per l’acquisto del primo strumento. Da questa pagina si accede poi alla home page del sito Astro-link, interamente dedicato alla astronomia. I link proposti in questa pagina sono moltissimi e vanno da collegamenti a pagine divulgative che spiegano i principi base della astronomia sino ad un elenco di conferenze e manifestazioni per astonomi e astrofili. Utile la sezione “osservare il cielo mese per mese” che indica gli oggetti celesti e le costellazioni visibili a seconda dei mesi dell’anno. Sostanzialmente non si tratta di un sito dedicato ai telescopi ma di un sito utile a chi ne possegga uno e voglia saperne di più sul suo utilizzo e sulla astronomia.

Osservatorio Astronomico di Cagliari
http://www.ca.astro.it/meade/index.html
E’ il sito dell’osservatorio astronomico di Cagliari, una struttura dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, sede anche dell’Associazione Astrofili Sardi che da sempre riserva un’attenzione particolare alla didattica ed alla divulgazione organizzando visite guidate, seminari, conferenze e serate di apertura al pubblico, soprattutto in occasione di accadimenti astronomici di grande richiamo, come per esempio le eclissi. Il sito è molto semplice, ed unisce alla presentazione dell’Osservatorio una scheda che riporta le caratteristiche tecniche del telescopio. E’ in allestimento una sezione di immagini astronomiche mentre è già visibile sul sito la foto del giorno: ciccando sul link “picture of the day” è possibile visualizzare ogni giorno una diversa immagine o fotografia relativa all’astronomia, accompagnata da una breve spiegazione scritta da un professionista. Un altro link importante è quello che rimanda alla homepage dell’ Istituto nazionale di Astrofisica. Questo è insomma un sito estremamente essenziale ma utile sia per conoscere la particolare realtà di questo osservatorio sia per allargare lo sguardo ed interessarsi a realtà nazionali.

The Hubble Space Telescope
http://hubble.nasa.gov/
I conoscitori della lingua inglese troveranno, una volta cliccato su questo link, le più aggiornate informazioni sul telescopio spaziale Hubble. Questo è infatti il sito che la Nasa, National Areonautic and Space Administration, ha dedicato al telescopio Hubble. Qui è possibile reperire notizie ed informazioni sulla tecnologia che supporta questo straordinario strumento, sulle ultime missioni intraprese, sulle operazioni portate a termine. Pratica e curiosa la sezione “Hubble fact” che condensa in un piccolo riquadro in evidenza nella home page notizie, curiosità e fatti storici riguardanti il telescopio in questione. Sempre parlando di notizie in pillole può essere interessante visitare la sezione Frequently Asked Questions, domande poste di frequente, dove si da risposta a domande come “Come posso vedere Hubble passare sopra la mia zona?” “Quali sono i costi di Hubble?” e molte altre ancora. Molto ricca la sezione Multimedia dove vengono offerte non soltanto immagini del cosmo, ma anche immagini dello stesso telescopio e filmati ripresi da web cam poste, per esempio, al Goddard Space Flight Center in Greebelt o al Kennedy Space Center di Merritt Island. Un sito ben fatto, semplice e chiaro da visitare, una volta superato l’unico ostacolo della lingua, e con l’indubbio vantaggio di offrire notizie estremamente attendibili ed autorevoli, in quanto pubblicate dal più famoso ente spaziale esistente.

Museo Astronomico – Orto botanico di Brera
http://www.brera.unimi.it/museo/index.html
Ritorniamo ora a parlare del nostro territorio nazionale, visitando il sito del milanese Museo Astronomico e Orto Botanico di Brera. Il sito è semplice ma molto ben fatto e ricco di fotografie che alleggeriscono la lettura ed incuriosiscono il visitatore. Sulla destra dello schermo abbiamo il meno, che ci permette di navigare all’interno del sito in maniera assolutamente semplice e pratica. Si inizia con alcuni cenni storici sul museo per poi passare ad una rassegna della strumentazione presente, come i vari telescopi e rifrattori mobili e fissi, alcuni risalenti al XVIII secolo, esposti all’interno del museo, o come il telescopio rifrattore di Merz, che si trova nella cupola all’ultimo piano dell’edificio. A quest’ultimo strumento è dedicata un ampia pagina che ne riassume la storia e le caratteristiche tecniche. Interessante la sezione Iniziative e Progetti, che illustra le manifestazioni e gli eventi organizzati in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano che animano le giornate ed anche le nottate del museo.

StarOptics
http://www.staroptics.it/astronomia/telescopi.htm
E’ il sito di StarOptics, centro specializzato nella vendita di prodotti per l’astronomia nato nel 1996 e rivenditore autorizzato dei maggiori marchi del settore. Il negozio ha sede a Modena ma è possibile acquistare anche on line mandando una mail o un fax con i propri dati all’indirizzo o numero indicati nel sito, specificando il modello desiderato. In home page sono riportati utili consigli su come scegliere correttamente il proprio telescopio. Il sito è decisamente di facile navigazione, nella pagina iniziale sono chiaramente riportati i link maggiormente utili: “modelli principali e prezzi” e “condizioni di vendita”. Sarà così immediatamente possibile individuare la tipologia di oggetto desiderata ed informarsi poi sulle condizioni di vendita e sulle spese di spedizione. L’elemento positivo che distingue questo sito da molti altri siti di commercio on line è la possibilità di interagire con un vero e proprio negozio, di cui sono riportati indirizzo e numero di telefono, e dunque di non essere abbandonati, in caso di problemi, ad un anonimo sito internet che concede alla risoluzione dei problemi soltanto un help desk virtuale. Qui è possibile interagire personalmente con il venditore, particolare che senza dubbio merita di essere sottolineato quale punto di distinzione.

South African Astronomical Observatory
http://www.saao.ac.za/home/
E’ il sito dell’Osservatorio Astronomico Sudafricano. Scritto interamente in inglese, è un sito che offre un metodo di navigazione tra i più semplici, con un menu principale visibile in ogni pagina che si visita. Passando sopra alle voci del menu con il mouse appare un menu a tendina che riporta le singole sottosezioni tra le quali è possibile scegliere. Il sito è ricco di news e di link che rimandano ad ulteriori fonti di informazione. Vengono anche riportate le pubblicazioni più importanti, le ricerche di studenti e i seminari riguardanti il mondo dell’astronomia e in particolare dell’osservatorio. Immancabile la sezione immagini, che propone come spesso accade scenari suggestivi, e quella riguardante le specifiche tecniche del telescopio dell’osservatorio.Tale telescopio è denominato SALT, cioè Southern African Large Telescope, ed è il più grande telescopio del suo genere dell’emisfero sud.

Dipartimento di Astronomia – Università degli Studi di Padova
http://dipastro.pd.astro.it/osservatorio/telescopio.html
Si tratta del sito del Dipartimento di Astronomia dell’Università degli Studi di Padova. Un sito dunque utile soprattutto agli studenti universitari dell’ateneo in questione, che riporta tutte le informazioni necessarie all’utilizzo del mezzo messo a disposizione della facoltà per osservazioni basate su progetti scientifici o per attività didattiche. Il telescopio in questione però non è a disposizione unicamente degli studenti, ma anche a tutti i ricercatori o gruppi scientifici che ne facciano richiesta presentando un programma scientifico al Direttore del dipartimento di Astronomia. Il sito mette poi a disposizione degli studenti, o degli aspiranti tali, oltre a notizie e dati sull’osservazione e sulle specifiche tecniche del telescopio, anche tutte le altre informazioni utili per conoscere l’ateneo, oltre che una nutrita bibliografia di pubblicazioni dell’ateneo ed un elenco sempre aggiornato dei prossimi seminari in programma.

Astronomical CCD Imaging
http://www.astrosurf.com/prosperi/atm/metodo_derive.htm
Questo è un sito amatoriale creato, come viene riportato nella homepage del sito (http://www.astrosurf.com/prosperi/index.htm), da Enrico Prosperi, insegnante di Elettronica e Telecomunicazioni presso un istituto superiore di Pistoia e appassionato di astronomia. Il link che appare al momento della ricerca conduce alla sezione del sito che illustra il metodo di stazionamento del telescopio chiamato “Metodo delle derive”. Al termine della pagina è possibile scegliere se essere riportati all’home page, se passare alla pagina di note tecniche o se invece visitare la sezione immagini. Scegliendo di visitare la home page ci si troverà di fronte un sito bilingue, con articoli e sezioni disponibili sia in inglese che in italiano. Le sezioni proposte sono quelle più spesso previste dai siti dedicati all’astronomia, come risoluzione dei problemi tecnici, suggerimenti per ottimizzare le riprese e un nutrito catalogo di immagini. E’ presente anche una sezione dedicata all’osservatorio di Castelmartini, nelle vicinanze di Pistoia, a testimonianza delle origini dell’autore del sito e del suo naturale interesse per il suo territorio e per ciò che può offrire agli appassionati come lui. Il sito è di facile consultazione e fornisce informazioni utili. L’unico appunto potrebbe essere fatto al layout del sito, incentrato forse su colori troppo scuri, ed al fatto che le immagini sono tutte in bianco e nero, risultando così meno affascinanti rispetto alle spettacolari fotografie multicolori proposte da numerosi siti.

Astrofili.org
http://osservareilcielo.astrofili.org/uso.html
Ciccando su questo link proposto dal motore di ricerca si giunge ad una sezione del sito http://www.astrofili.org. Quello visualizzato ciccando sul link già citato, per esempio, è un articolo riguardante l’uso del telescopio che illustra come puntare il telescopio, come utilizzare le carte stellari e come orientarsi nella scelta degli oculari. Da questa pagina ci si può poi muovere ciccando sui link proposti alla sinistra della schermata, che conducono ad altre utili sezioni come guide alla scelta dell’attrezzatura o vademecum per chi muove i primi passi nell’osservazione. Tutti gli articoli proposti sono accompagnati da fotografie e schemi esplicativi oltre che da numerosi link che conducono a siti esterni come quelli delle associazioni di astrofili italiani o quelli che propongono suggestive immagini di fenomeni astronomici. Si tratta di un sito ricco di informazioni, che forse a prima vista, visitando un’home page che propone poche sezioni, potrebbero sfuggire; continuando nella navigazione, però, ci si trova davanti un percorso sempre più ricco di alternative e di rimandi a sezioni interne e siti esterni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *