Supermercati Coop

Le Coop, diminutivo di Cooperativa di Consumatori, indica una specifica rete di cooperative che gestiscono supermercati, i quali garantiscono agli utenti ottima qualità in cambio di prezzi ragionevoli. Se vuoi saperne di più sulla rete Coop e su come funziona continua a leggere. Nei punti vendita Coop si può risparmiare, basta sapere come!

Cosa sono i supermercati Coop

I supermercati Coop, ovvero Cooperativa di Consumatori, è un contrassegno indicante una rete di cooperative, le quali al loro interno si occupano della gestione di supermercati, di grandezze diverse, nonché di un gruppo di discount con marchio Dico. A qualsiasi cooperativa dei consumatori consociata a Coop Italia (cioè Consorzio Nazionale delle Cooperative di Consumo), quindi, è attribuito il marchio Coop. I supermercati Coop sono largamente diffusi al Centro Italia e al Nord. Tuttavia la loro presenza sta crescendo anche nel Meridione e nelle isole.

Lo scopo fondamentale delle cooperative dei consumatori è di acquistare e ridistribuire beni di consumo a un prezzo particolarmente vantaggioso ai propri soci (e agli altri utenti in generale); l’intento è, quindi, quello di salvaguardare il più possibile il potere d’acquisto, garantendo contemporaneamente la sicurezza e la garanzia del prodotto.

Supermercati Coop

Come è organizzata la rete supermercati Coop

Attualmente i supermercati Coop presenti sul territorio italiano sono 135; ovviamente diverse tra loro per dimensioni ed estensioni territoriali. Precisamente, ce ne sono nove grandi, 12 medie e 114 piccole. Le più grandi occupano estensioni territoriali anche interregionali (per esempio la Coop Centro Italia è presente in Umbria, Toscana, Lazio e Abruzzo).

Diversi supermercati Coop poi possono coesistere nella stessa regione (la Toscana ospita nel suo territorio almeno tre cooperative, quella appena citata del Centro Italia, Unicoop Firenze e Unicoop Tirreno). Le più piccole invece non superano i confini comunali. Giuridicamente operano in maniera autonoma; tuttavia per raggiungere politiche commerciali comuni e individuare le strategie aziendali da adottare, oltre che per ottenere i maggiori vantaggi per i soci, si associano a livello distrettuale e nazionale.

Un po’ di storia delle cooperative

Dal punto di vista giuridico, le cooperative sono associazioni volontarie, soggette alle leggi del diritto di società; come già detto, il loro scopo è perseguire il massimo vantaggio per i soci, sia attraverso un guadagno in denaro sia con una diminuzione del costo dei beni e servizi acquisiti (è il caso delle cooperative di consumo). Infine, si parla di cooperative di lavoro se la finalità è un aumento della retribuzione dei associati. Questa breve digressione giuridica aiuta a capire l’origine del fenomeno in Italia. I primi teorizzatori delle cooperative europee furono Robert Owen in Gran Bretagna, Charles Fourier in Francia e Luigi Luttazzi In Italia.

Nel nostro paese la prima cooperativa di consumo si costituì in Piemonte, il Magazzino di Provvidenza dell’Associazione Generale degli operai con sede a Torino, nel lontano 1854. Mentre la prima cooperativa di lavoro nacque nel savonese con il nome di società artistico-vetraria di Altare. Facendo un salto di circa un secolo, fu nel 1947, in pieno secondo dopoguerra e con tutte le problematiche sociali e di forte impoverimento economico, che fu fondata l’Associazione Italiana delle Cooperative di consumo. I vantaggi si sentirono in termini di approvvigionamento delle merci, grazie al cosiddetto “acquisto collettivo”.

Vent’anni dopo, nel 1967, allo scopo di ottenere ulteriori vantaggi nei confronti dei fornitori di merci, sorge Coop Italia. Nel 1975 si passa da una gestione centralizzata a una decentrata, al fine di migliorare i servizi e le strutture logistiche. Il resto è storia recente, con una continua e inarrestabile affermazione di questo consorzio e del marchio Coop.

Beni di consumo e servizi offerti dai Supermercati Coop

I supermercati Coop, come gli altri marchi, presentano una linea di prodotti e servizi eterogenea, pur con le inevitabili specificità dovute alla dimensione del punto vendita e alla zona geografica in cui si trova ubicato.

Ciò che accomuna tutti i supermercati Coop è, per esempio, la classica suddivisione in base alle diverse tipologie di prodotti. Di solito all’ingresso c’è il punto di ascolto, ossia una zona del supermercato dove il personale riceve le richieste del cliente per i motivi correnti (domande di associazione alla Coop, cambio dei prodotti acquistati, proteste), oppure per particolari servizi che la cooperativa offre (pagamento delle bollette, ritiro o deposito di denaro se si è titolari di un libretto).

Quindi all’ingresso dei supermercati Coop, generalmente, si troverà il reparto frutta e verdura, dotato del servizio fai da te e di bilance che rilasciano scontrini in base al peso e al genere selezionato.

Poi la suddivisione per le altre categorie: reparto freschi, dove uno o più addetti alla vendita serviranno i prodotti di salumeria, latticini, panetteria (nei punti vendita di piccole e medie dimensioni sono accorpati in un unico reparto, nei grandi invece c’è un’aggiuntiva suddivisione, con personale ed elimina code distinti).

Il reparto macelleria dei supermercati Coop, secondo la grandezza del negozio, offrirà carne già preconfezionata, servizio al cliente con l’addetto alla lavorazione delle carni, o ambedue. La pescheria, generalmente, è presente solo nei poli più grandi, mentre se ci si accontenta del pesce surgelato, un apposito reparto provvisto di congelatori accorperà i prodotti che, per garantire la loro integrità e qualità, necessitano della cosiddetta catena del freddo (i beni di consumo, in pratica, dal momento in cui sono preparati e confezionati, a quando arrivano nelle nostre tavole, non devono in alcun modo superare i –18 gradi centigradi). Tali prodotti spaziano dal già citato pesce, ai classici surgelati (verdure, preparati per primi piatti, confezioni gelato, etc…).

Infine, lungo i corridoi dei supermercati Coop si trova la normale separazione dei reparti in base ai prodotti, quelli cioè che non necessitano di particolari condizioni di mantenimento (prodotti in scatola, pasta, bibite, alcolici), ma anche i generi non alimentari ma ugualmente indispensabili per la casa (igiene personale e per la casa, piatti e posate di plastica e via dicendo).

Nei punti vendita di medie e grandi dimensioni, infine, c’è il reparto extra alimentare, che espone beni generalmente più ingombranti o comunque non di prima necessità (per esempio piccoli elettrodomestici, utensili per il giardino, arredi per la casa, etc…).

Ma ciò che maggiormente caratterizza la catena di supermercati Coop è il prodotto a marchio. Questo segno distintivo racchiude una gamma di prodotti normalmente presenti in un moderno supermercato: pesce, carni, frutta e verdura, bevande, prodotti per la casa, tessile, etc.

Oltre a questa linea generica, né esistono altre otto in grado di soddisfare esigenze e preferenze particolari. Ecco, per ognuna di queste, una breve descrizione:

  • Linea crescendo per i bambini. Comprende tutta la gamma di alimenti fin dai primi giorni di vita. L’abbigliamento intimo, come body, calzini e magliette, interamente testati per garantire il giusto confort. Immancabili, poi, sono i pannolini e i piccoli giochi, adatti a stimolare la fantasia del bambini, ma costruiti secondo standard di sicurezza rigorosi.
  • Con la linea solidal, la Coop svolge un’importante azione etica a favore delle popolazione del Sud del mondo, vendendo merce precedentemente acquistata in condizioni eque (garantendo cioè giusti salari ai produttori extra continentali e condizioni di vita più umane).
  • Con la linea soluzioni, sono proposti tutti quei preparati che permettono di gustare i piaceri della tavola, solo con pochi minuti di preparazione. Appartengono a questa categoria i primi piatti, le pizze, ma anche paste sfoglie e paste frolle. Linea particolarmente indicata ai clienti che dispongono di poco tempo per cucinare, e a single.
  • La linea fior fiore permette al cliente di degustare specialità tipiche del nostro territorio, ma anche estere, grazie alla qualità delle materie prime utilizzate. Si va quindi dalla pasta trafilata al bronzo, ai più pregiati oli italiani; dai “croccantini” di Benevento alla pasta trafilata al bronzo.
  • Per gli amanti del cibo naturale, senza conservanti e nel rispetto delle tradizioni di una volta, è adatta la linea biologici; oltre trecento prodotti creati nel rispetto della natura..
  • La linea senza glutine va incontro all’esigenza di un numero di clienti, purtroppo crescente, non in grado di metabolizzare prodotti contenente glutine, cioè sofferenti di celiachia. Il caratteristico simbolo (spiga di grano barrata) posta visibilmente sulle confezioni, permette una più rapida individuazione tra i prodotti esposti.
  • Il problema del degrado ambientale e dell’inquinamento ha dato l’input per la creazione della linea ecologica, comprendente tutti quei prodotti monouso che, sia nella di creazione sia nello smaltimento, imprimono il più basso impatto ambientale possibile, in termini di inquinamento terrestre, ma anche per l’immissione di anidride carbonica (C02). La gamma comprende piatti e posate in plastica, fazzoletti monouso, etc.
  • Infine la linea essere, specializzata nella creazione di prodotti per l’igiene personale, e l’abbigliamento intimo.

In comune tutti questi prodotti garantiscono standard alti di qualità, perseguendo una politica di abbattimento dei prezzi rispetto alle altre marche.

Servizi aggiuntivi dei supermercati Coop

Parlando invece dei servizi aggiuntivi di pubblica utilità per soci e non, i supermercati Coop, oltre ai già citati servizi di libretto contabile, adatto per piccoli capitali e affiancato dalla possibilità di pagamenti delle bollette, ne propone altri:

  • Coop Voce, che permette di possedere una scheda telefonica, a tariffe competitive e possibilità di ricaricare il conto tramite varie modalità. Per maggiori e più precisi dettagli è consigliabile consultare il sito ufficiale della Coop Italia.
  • Servizi di stampa digitale, solo per alcune cooperative. In pratica, sarà possibile spedire per via telematica i file delle foto in formato digitale al punto vendita più vicino. Quando saranno pronte, potranno essere ritirate dal cliente pagandole direttamente lì, evitando traslazioni, talvolta rischiose, via internet.
  • Gedeone, ovvero maestro di nutrizione, è il portale di e-coop che promuove le buone abitudini a tavola: grazie a una serie di schede, si possono apprendere i giusti contenuti calorici di molti piatti e pietanze, oltre a molti altri utili consigli.
  • Servizio di spesa online, attualmente disponibile solo per la zona di Roma. Dopo una semplice registrazione online, il cliente potrà ordinare telematicamente la propria spesa per vedersela poi recapitare direttamente a casa. Per i disabili il servizio è del tutto gratuito.
  • Possibilità di prenotazione di libri scolastici, godendo di sconti per almeno il 15% sul prezzo corrente.

Come si diventa un socio Coop

Per diventare socio della Coop, è sufficiente recarsi presso il Centro d’ascolto di un punto vendita qualsiasi (o comunque rivolgersi al personale amministrativo del supermercato); per l’iscrizione è necessario un documento di riconoscimento e una quota associativa (per informarsi sull’esatto importo consultare il sito). La pratica verrà sbrigata in pochissimo tempo; verrà rilasciata una tessera magnetica.

Si potranno accumulare punti ogni volta che si farà la spesa; ad ognuno di questi corrisponderà un certo sconto sugli acquisti futuri, da detrarre nei periodi stabiliti dalla direzione. Sempre in certi periodi dell’anno, ai soli soci verranno proposte offerte su alcuni prodotti, sia a marchio Coop che di altre aziende produttrici. Presentando la Carta socio, si possono ottenere agevolazioni economiche per accedere a mostre ed eventi relativi alla cultura; inoltre in alcune regioni d’Italia sono previsti vantaggi per soggiornare nelle maggiori stazioni sciistiche.

Approfondire in rete i supermercati Coop

E-Coop
Sito ufficiale della Coop Italia, nel quale potranno essere consultate le pagine aggiornate di tutti i servizi e dei punti vendita.

Coop 25 Aprile

http://www.db.coop25aprile.it

In una sezione del sito viene brevemente proposta la storia recente delle cooperative di consumatori italiane.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:





Questo articolo ha 2 commenti

  • redazione scrive:

    Gentilissimo sig. Gullotta, abbiamo ricevuto il suo commento, ma noi non siamo la Coop, bensi una rivista indipendente che si occupa di consumo e consumatori. Quella che lei ha letto è solo una scheda che descrive la realtà e la struttura delle Coop. Noi non abbiamo alcun tipo di legame con l’azienda.

  • gullotta giancarlo scrive:

    Sono socio coop di Crema (CR) da 35 anni.
    Mai visti prezzi così alti nei vostri ipermercati (escluse offerte) e mai visto soldi spesi così male nell’attuale campagna pubblicitaria.
    Ma dove hanno la testa (e il cuore) i grandi soloni che guidano le COOP ?
    Spero abbiate il coraggio di rispondere.

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.