Estinguere un mutuo prima della scadenza

Se fino a qualche anno fa chi voleva estinguere anticipatamente un mutuo doveva affrontare spese molto onerose e penalità, grazie all’entrata in vigore della legge 40/2007, per i mutui contratti dopo il 2/2/2007 il mutuatario è libero di estinguere un mutuo prima della scadenza naturale senza alcun costo.

Perchè si decide di estinguere un mutuo

Una volta ottenuto il mutuo per l’acquisto o la ristrutturazione della casa, può capitare che la situazione redditizia cambi improvvisamente e una liquidità inaspettata ci dia la possibilità di bruciare i tempi e arrivare alla tanto desiderata “ultima rata”. Quando si verifica un’evenienza del genere la maggior parte dei mutuatari non ci pensa due volte: estinguere un mutuo prima della scadenza libera da una serie infinita di pensieri.

Estinguere un mutuo prima della sua scadenza naturale comporta notevoli vantaggi sul bilancio economico della maggior parte delle famiglie italiane. Da un lato non c’è più l’assillo della rata mensile, dall’altra la possibilità di qualche spese extra.

Estinguere un mutuo prima della scadenza

Definizione di estinzione mutuo

Per estinzione mutuo si intende la totale chiusura del contratto di mutuo dopo aver saldato tutto il capitale residuo. In questo caso si parla di estinzione totale, ma è possibile anche estinguere il mutuo parzialmente, versando una parte di capitale residuo. Si procede così ad un’estinzione parziale del mutuo.

Da ricordare che tutte le spese per la chiusura della pratica di mutuo devono essere riportate in maniera dettagliata nel contratto. In linea di massima le spese legate all’estinzione anticipata di un mutuo tasso fisso sono maggiori rispetto a quelle previste per un mutuo tasso variabile. Inoltre bisogna tenere presente che l’estinzione del mutuo non provoca automaticamente la cancellazione dell’ipoteca immobiliare, alla quale si deve procedere separatamente.

Come estinguere un mutuo

La procedura per l’estinzione anticipata del mutuo è piuttosto semplice. Come detto, i mutui stipulati dopo il 2/2/2007 non vengono più sottoposti a penali a causa dell’estinzione anticipata, mentre per i mutui stipulati prima di questa data ci ha pensato l’ABI – Associazioni dei Consumatori – che ha predisposto penali ridotte in base allo stato del piano di ammortamento.

Prima di attivarsi per estinguere un mutuo è bene quindi informarsi sulle caratteristiche del proprio contratto di mutuo e verificare, eventualmente, quali sono le penali determinate dall’ABI. In base al tempo residuo, infatti, il vantaggio dell’estinzione anticipata potrebbe vanificarsi.

Per estinguere un mutuo occorre recarsi presso la propria banca e compilare un documento chiamato atto notorio o dichiarazione sostitutiva di atto notorio. In caso di estinzione totale di mutuo non ci sono particolari accorgimenti, mentre massima attenzione andrà prestata dal mutuatario che indende estinguere il mutuo parzialmente.

Estinguere un mutuo parzialmente vuol dire versare una parte della somma ancora dovuta alla banca. Uno dei fattori più importanti da controllare è il metodo che la banca userà per distribuire tale somma depositata sul mutuo, ovvero se procederà ad una riduzione del numero delle rate oppure se diminuirà l’importo della rata. In base allo scopo che il mutuatario vuole raggiungere, abbassare l’esborso mensile della rata o estinguere al più presto il mutuo, questo dato risulta di fondamentale importanza.

Una volta ottenuta l’estinzione parziale del mutuo, al mutuatario resta da verificare quale sarà il ricalcolo del piano di ammortamento. È normale che in caso di ammortamento alla francese, dove le prime rate sono composte da una piccola quota capitale e da una sostanziosa quota interessi, sarà maggiormente vantaggioso estinguere un mutuo nelle sue fasi iniziali.



Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *