Investire sicuro in borsa

Al risparmiatore serve una bussola per orientarsi nel mondo degli investimenti in borsa, per essere in grado di navigare nelle acqua agitate del mondo delle azioni senza correre troppi rischi. I consigli pratici di questa piccola guida possono spiegare al risparmiatore principiante le mosse meno avventate e quali siano le scelte da calibrare, poche e semplici, senza termini astrusi, ma chiari, utili e soprattutto essenziali.

Investire sicuro in borsa

Consigli per investire sicuro in borsa

Sono risposte a dubbi e la netta espressione dei dieci errori da non commettere in un momento storico di altissima volatilità dei mercati finanziari, alleato a questo breve indirizzamento, il consiglio del “pensare positivo” senza limitarsi alla conta dei danni che questa stagione economica sta comportando.

Importante valutare le opportunità che la borsa ci mette a disposizione anche in momenti di difficile intraprendenza perfino per chi è del mestiere, tuttavia è essenziale aguzzare la vista e l’ingegno per mantenere il raziocinio e non commettere errori sacrificando denaro prezioso e probabilmente faticosamente risparmiato. Con un pochino di accortezza molte decisioni completamente sbagliate possono essere escluse, anche se in questo contesto i nervi poco saldi e le proprie emozioni possono far fare davvero cattivi investimenti.

A tal proposito è interessante ricordare che esiste una sorta di finanza comportamentale, la quale si avvicina alla psicologia nascosta dietro tutte le decisioni economiche che i soggetti intraprendono, spinti da chissà quale sorta di meccanismo. Cosi proprio come esiste una sorta di studio circa gli acquisti d’impulso. Acquistare un’azione proprio nel bel mezzo di una sua “corsa”è un classico, quando si seguono con eccessiva ansietà gli andamenti delle Borse le sviste sono all’ordine del secondo.

Si dice in gergo che spesso si procede ad acquistare alcune azioni facendo investimenti con lo specchietto retrovisiore, ossia affidandosi ai rendimenti conseguiti da quelle azioni nei mesi precedenti senza valutare che il rendimento avuto non necessariamente può rimanere invariato in eterno, anzi sicuramente varierà.

E invece spesso e volentieri in funzione dei ragionamenti suddetti ci si accoda a chi ha già avuto buoni guadagni quasi sicuro di garantirsi lo stesso percorso positivo. I suggeritori più esperti ci ribadiscono di fare attenzione alla frenesia correlata all’orgoglio, quello che ci fa non mollare un’azione in caduta libera piuttosto che ammettere di aver sbagliato, accusare la minusvalenza, ma con lucida calma vendere e riallocare il denaro in maniera più interessante fissando sempre gli stessi limiti entro i quali stabilire di poter subire la perdita.

Il trading fai da te a volte porta all’acquisto univoco, alla griffe che interessa senza pensare che è sempre necessario, come consigliano gli addetti ai lavori, diversificare gli acquisti fra diverse previsioni di rischio, senza affidarsi a consigli da bar, ma preferire l’assistenza di un brocker o comunque un’analista finanziario che sia in grado di spiegarci la tolleranza del rischio. Una sicura fonte di dispersione del guadagno infatti è rappresentata da una voce che per i meno esperti potrebbe apparire irrilevante, ossia la sopportazione dei costi di transazione, in pratica l’eccessivo spostamento potrebbe mangiarsi buona parte degli eventuali guadagni, si dice le spese di investimento siano erroneamente uno degli ultimi interessi dell’investitore principiante.

Errori da evitare per investire in borsa senza rischi

Ecco una lista di cose cui fare massima attenzione quando avete deciso di investire i vostri risparmi in borsa:

1) Sbagliato investire in un solo tipo di azione. Una singola azione è maggiormente sottoposta al rischio della fluttuazione, pertanto si consiglia la diversificazione inserendo anche fondi comuni o Eft, tuttavia porporzionalmente alla somma dedicata all’investimento, in quanto una eccessiva diversificazione potrebbe rivelarsi eccessivamente onerosa.

2) Sbagliato non stabilire una linea d’azione (detta anche comunemente “strategia di investimento”) che serve tollerare bene eventuali, ma non improbabili perdite. Grave anche dimenticare di programmare accuratamente le forme di investimento, facendo particolare attenzione ali obiettivi di lungo periodo e alla aleatorietà sopportabile economicamente.

3) Sbagliato cambiare spesso gli investimenti selezionati. Lo si fa al fine di ridurre al minimo i costi del trading, che in apparenza possono essere relativi, ma eccedendo andrebbero ad inficiare gli eventuali guadagni.

4) Investire in azioni non basandosi soltanto sul prezzo e sulle caratteristiche condizioni del mercato in un determinato momento, in quanto questa sarebbe la strada più sicura per il risparmiatore perdente; è utile infatti investire in società che hanno un potenziale di crescita preventivato nel lungo periodo.

5) Mai, assolutamente mai, ignorare la propria effettiva tolleranza al rischio, considerando che non esiste alcun investimento che non sia sottoposto all’aleatorietà. Pertanto è necessario stabilire e conoscere alla perfezione la propria attitudine psicologica al rischio da correre e sopportare, misurando l’eventuale impatto alla potenziale perdita, non soltanto a livello finanziario, bensì anche a livello psicologico.

6) Non nutrire mai speranze che non siano strettamente supportate dalla reale situazione finanziaria dello specifico momento. Spesso capita di nutrire attese di rendimenti davvero inappropriate. Comparare quindi sempre in maniera accurata le performance del proprio portafoglio con gli indici di riferimento più importanti, al fine di avere la massima visione realistica possibile

7) Comprare, per quanto possibile, sempre a prezzi bassi per poter rivendere al prezzo più alto. Può sembrare una banale reale necessità, tuttavia alcuni giovani investitori non vi badano convinti che le performance passate possano riverificarsi in crescendo, ma niente è meno possibile di questa evenienza.

8) Vendere quando le previsioni o le circostanze si stanno mettendo al peggio, anche sopportando una minusvalenza, ma onde evitare di superare il limite della tolleranza di sopportazione delle perdite. Spesso è meglio al fine di contenere il danno e riuscire a ricollocare il denaro in tempo per recuperare.

9) Informarsi sempre e dettagliatamente dei costi relativi alle spese dicommissione, in quanto su plusvalenze lievi andrebbero ad incidere in maniera considerevole, e pertanto azzerarne la consistenza. Prima di sottoscrivere un prodotto è consigliabile accertarsi di aver ricevuto tutte le informazioni ad esso relative sulle commissioni praticate.

10 )Mai agire seguendo le famose “voci di corridoio” o seguendo i consigli degli amici meno abili di noi; ricordate sempre che avere una notizia apparentemente buona comporta il fatto che la sappiano sicuramente molti altri e che quindi questa sia stata già scontata dal prezzo di mercato.

Link utili per investire in borsa senza rischi

Borsa italiana

Milano finanza

Finanza online



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *