Acquisti on line sicuri

Effettuare acquisti sulla rete globale ci può far risparmiare, a volte anche tanto rispetto ai prezzi dei negozi, ma bisogna effettuare i propri acquisti virtuali con molta cautela e in tutta sicurezza, soprattutto per quello che riguarda la trasmissione dei dati delle carte di credito. Ecco quindi a voi una guida semplice e di rapida consultazione su come e dove comprare in maniera sicura attraverso internet. Scoprite in quali siti conviene acquistare in rete, cosa vale la pena di comprare, come scegliere i negozi virtuali, trucchi per evitare le truffe, metodi per pagare in sicurezza, le cose da sapere per evitare delusioni.

Come fare acquisti on line sicuri

Ormai internet, la grande rete globale di comunicazione, offre una gamma di possibilità davvero infinite agli utenti, e non solo nel mondo del lavoro, ma anche in tutti gli altri campi del vivere quotidiano, ivi incluso il fare shopping. Grazie all’esplosione dell’e-commerce, il sistema di commercio elettronico oramai ben rodato, è oggi infatti possibile acquistare su internet qualsiasi tipo di prodotto e srvizio, e lo si può fare restando comodamente seduti in casa propria.

Questo permette spesso di risparmiare un bel po di soldi, e qualche volta anche di fare ottimi affari; nella peggiore delle ipotesi si riesce comunque a trovare un assortimento e una varietà di prodotti assolutamente impareggiabile e senza confronti nei negozi reali. Ovviamente anche nel mondo degli acquisti in rete ci sono rischi di truffe e brutte sorprese, e problemi in agguato; vale la pena quindi di conoscere bene questa nuova realtà dello shopping proprio per evitare truffe e delusioni.

Come fare acquisti on line sicuri

Per fare comprare su internet è dunque necessario conoscere bene il mondo virtuale nel quale ci si va ad addentrare, imparare le sue regole e memorizzare tutti diritti dell’acquirente.L’acquisto di prodotti o servizi tramite internet offre degli indubbi vantaggi. Il primo è che si resta comodamente seduti in casa propria, o in ufficio, e da li si possono esaminare articolti cataloghi di prodotti di ogni tipo, che vengono venduti fisicamente in qualsiasi luogo della terra; si ha quindi tutto il tempo di studiarne e valutarne le caratteristiche, paragonando produttori e prodotti diversi.

Solo alla fine, senza fretta o commessi impazienti, si decide cosa comprare. Detta così suona come una vera pacchia per chi vuole fare compere senza lo stress delle file in auto per arrivare in centro, dei parcheggi che non si trovano mai liberi, dell’affollamento pazzesco dei centri commerciali, della variabile cortesia e pazianza di commessi e negozianti.

Come ogni medaglia che si rispetti anche il fare acquisti in rete ha naturalmente degli svantaggi: primo fra tutti collochiamo il fatto che non si può toccare con mano il prodotto che si vuole comprare e, a meno che non lo si conosca già materialmente perchè lo si è visto in qualche negozio reale, si deve acquistare un qualcosa senza aver avuto con esso un contatto fisico, diciamo che si compra a fiducia. In secondo luogo vanno prese in esame tutte le problematiche, spesso a torto sottovalutate, che sono collegate alla possibilità di dover restituire la merce acquistata, vuoi per difetti o perchè guasta, vuoi perchè semplicemente non rispondente alle aspettative.

Questo comporta una serie di fastidi e problemi che è bene sapere in anticipo: quasi sempre è infatti necessario rispedire il prodotto al venditore. Ciò significa spese e avostro carico, attesa di giorni, contatto preventivo col venditore e necessità di spiegargli il problema prima di rimandare indietro la merce. Di solito infatti, salvo precisi accordi, la rispedizione è purtroppo a carico di chi acquista.

Lo stesso avviene quando si fanno compere in un centro commerciale, o nel negozio reale sotto casa: bisogna sempre tornarci nel malaugurato caso che il prodotto vada cambiato. Capirete bene che un conto è tornare al negozio sotto casa per riportare i fazzoletti macchiati, mentre ben altra cosa è dover rispedire indietro un tv al plasma comprato magari in Germania o in Giappone.

Spese accessorie: grande inganno

Per capire il vero risparmio dovete sommare al prezzo di ciò che comprate le spese accessorie, quindi imballo e spedizione, e il totale deve giustificare l’acquisto in termini di risparmio rispetto al negozio tradizionale. Le spese di spedizione dipendono fondamentalmente dal peso e dalle dimensioni del pacco, ed è ovvio che più sarà grande e pesante l’oggetto che andate ad acquistare, maggiori ne saranno i costi di trasporto.

Per questo motivo l’acquisto su internet, soprattutto se fatto da venditori a grande distanza da voi e situati in paesi stranieri, conviene di più per oggetti piccoli e di valore elevato, piuttosto che per oggetti di grandi dimensioni e/o pesanti, ma caratterizzati da prezzo medio o addirittura basso.

Assistenza post vendita

Il secondo fattore che si deve tenere ben presente è l’assistenza post vendita, ossia garanzia e manutenzione. Naturale che risulti più conveniente comprare oggetti e prodotti che non necessiteranno di manutenzione o che ben difficilmente possono presentare problemi tali da imporne una immediata sostituzione. Nel caso dei prodotti di alta tecnologia o elettronici verificate sempre prima dell’acquisto che essi siano assistiti ed assistibili nella zona dove risiedete, e questo con piena validita di tutte le garanzie.

È inutile acquistare in Cina una fotocamera e scoprire poi che questa non viene riparata in Italia. Il terzo fattore da verificare è la qualità dei prodotti venduti che viene garantita dal venditore, e questo è forse l’aspetto più difficile. Come vedremo più avanti, nella sezione dedicata a “dove comprare”, ci sono numerosi tipi di venditori virtuali presenti su internet e la loro strutturazione, così come la dimensione e la credibilità, offrono differenti garanzie sul tipo di prodotto che pongono in vendita.

In rete conviene quindi orientarsi verso l’acquisto di oggetti che offrono davvero un consistente risparmio oppure su prodotti che non sono altrimenti reperibili sul mercato classico locale.

acquistare prodotti e sevizi tramite internet

Come evitare truffe e spiacevoli sorprese on line

Oltre a quegli episodi classificabili legalmente come vere e proprie truffe, esistono anche le sorprese spiacevoli, che non sono necessariamente eventi definibili come illegali, ma arrecano comunque parecchio fastidio e disappunto. La prima possibile fonte di guai è già di per se la spedizione: quando si compra in internet, come dicevamo, al prezzo reale del prodotto vanno infatti sommate le ovvie spese per la spedizione.

Esse dipendono direttamente dalle caratteristiche dell’oggetto acquistato, ma anche dal paese di partenza, dal tipo di corriere usato e dalla modalità di spedizione scelta. Alcuni siti di negozi virtuali indicano con molta chiarezza l’ammontare delel spese di spedizione e vi permettono di calcolarle rispetto al paese dove siete e al tipo di oggetto acquistato; ovvio che questi risultano essere i siti più seri e professionali per la vendita in rete. Altri siti non lo fanno e vi costringono quindi a scrivere una email preventiva per avere dati certi sui costi di invio.

Alcuni siti nascondono addirittura queste spese accessorie, svelandovi poi il loro ammontare (spesso molto elevato) solo una volta che avete fatto l’acquisto. Per questo motivo, prima di qualsiasi acquisto, vi suggerisco caldamente di verificare sempre il costo della spedizione e chiarire se vengano realmente fatte spedizioni anche per il luogo dove siete; questo vale ovviamente per acquisti in paesi stranieri. Attenzione poi ai venditori on line che hanno base (o meglio, magazzino) in paesi molto lontani come l’estremo oriente.

Spese di spedizione acquistando in internet

A volte le loro spese di spedizione sono occultate con cura e finiscono per rivelarsi maggiori del costo del prodotto stesso. Inoltre, l’acquistare da paesi stranieri extra Europa vi impone le pratiche per lo sdoganamento, con il relativo obbligo di pagare il dazio di importazione e l’IVA; il tutto per un valore che si aggira attorno ad un quarto del prezzo stesso di acquisto, e a volte oltre.

Per saperlo con esattezza bisogna informarsi direttamente presso gli uffici doganali italiani, spiegando la tipologia di prodotto che si vuole importare e il paese di provenienza. Comprando in paesi dell’Europa questo problema ovviamente non si pone e vanno prese in considerazione, come costi accessori, le sole spese di spedizione; lo stesso avviene per acquisti on line da venditori situati in Italia.

Acquisti on line sicuri: prodotti reali, prodotti contraffatti

Altri rischi sono collegati con la reale qualità di quello che si va ad acquistare. Dato che non potete vedere il prodotto dal vivo, sta alla serietà del venditore spedirvi merce regolare e vera, piuttosto che oggetti contraffatti. Potreste quindi avere la spiacevole sorpresa di ricevere un’oggetto che non corrisponde a quello che pensavate, o peggio che non possiede affatto la qualità e la consistenza supposte.

Su questo rischio non si può intervenire: l’impossibilità di toccare con mano i prodotti che andate a comprare è infatti il grande dilemma degli acquisti in rete. Nel caso di prodotti ben noti, come oggetti di larga diffusione, capi di abbigliamento di marca, elettrodomestici, componenti di arredo e simili, non dovrebbero esistere problemi di questo genere. State comprando un oggetto che universalmente è quello e non può essere altro: un Ipod è un Ipod, punto e basta.

Anche se non è il massimo della correttezza commerciale, potete sempre andare al centro commerciale a vedervi dal vivo l’oggetto che volete acquistare, e poi ordinarlo in rete ove costi meno. A quel punto se non vi arriva a casa lo stesso esatto oggetto che avete visto al negozio vuol dire che vi hanno truffato. È infatti questo il peggiore dei rischi degli acquisti in internet.

Ma si tratta per fortuna di una possibilità alquanto remota, anche se reale. Ci sono però settori, come in particolare quello dell’abbigliamento e dei prodotti alimentari di marca, dove è purtroppo ben più facile che vengano messe in vendita su internet delle imitazioni e delle contraffazioni, magari perfette. Come tutti sanno, il falso made in China, e non solo cinese, è diffuso ormai ovunque. Per tutelarsi da questo rischio vale sempre la sana regola di capire bene dove si va a comprare.

Considerate sempre che più il venditore è grande e conosciuto, solido e radicato dal punto di vista della popolarità, maggiori sono le garanzie che offre. Inoltre, acquistare on line da negozi virtuali con magazzino in Italia è sempre fonte di garanzie maggiori che non comprare una Lacoste in Cina via internet.

Diritti dell’acquirente online

Secondo la legge italiana l’acquirente di qualsiasi cosa ha sempre il diritto di recesso, basta che lo faccia valere entro un termine ben preciso. Ci sono delle modalità però ben definite per far valere questo diritto e, pur dipendendo dal tipo di situazione, di solito la restituzione deve essere fatta entro 7 o al massimo 15 giorni dalla data di acquisto; fa fede quella riportata sullo scontrino di acquisto o sulla fattura.

La regola vale ovunque, quindi anche nei centri commerciali e nei mega store. Si può recedere dall’acquisto effettuato per vari motivi, come il fatto che il prodotto non ci piace, non è esattamente quello che pensavamo, oppure semplicemente perché abbiamo cambiato idea e via dicendo. Ovviamente, nel caso di acquisti fatti su internet, per essere restituito e quindi cambiato il prodotto deve essere rimandato indietro al venditore.

Per la questione dei giorni a disposizione fa fede la data del timbro postale di spedizione al venditore. La ri-spedizione deve sempre essere fatta con sistemi che certifichino l’invio e lascino traccia legale, come il pacco celere, o anche quello ordinario. È sufficiente che le Poste, o il corriere se avete preferito uno spedizioniere privato, vi rilascino una ricevuta con sopra riportato il codice di spedizione del pacco.

Tutto questo serve a far si che il pacco, tramite il codice, sia sempre rintracciabile e si possa capire, passo dopo passo, dove si trova. Questo dato è fondamentale per inoltrare eventuali reclami e far valere le proprie ragioni in caso di disputa legale o nel malaugurato ma sempre possibile caso che il pacco vada perduto nelal fase di ri-spedizione al venditore.

Non pensate neppure di risparmiare su questa fase: ve ne potreste pentire amaramente in seguito, soprattutto nel caso di beni di valore. In ogni caso sappiate che le spese di ri-spedizione sono sempre a carico dell’acquirente, salvo che sia indicato diversamente sul sito dove avete fatto acquisti, ma è raro.

Nel caso di acquisti effettuati pagando con PayPal, questo sito molto serio vi tutela mettendo a vostra disposizione una apposita procedura on line per le contestazioni, che può essere attivata nel caso in cui, effettuato il regolare pagamento tramite PayPal, non doveste ricevere il pacco con quel che avete acquistato, oppure l’oggetto non corrisponda alla descrizione originale. Vi posso assicurare che questo sistema di tutela, ed eventuale rimborso dell’acquirente, funziona davvero bene.

Phishing: fare attenzione

Dopo aver effettuato uno o più acquisti su Internet, è piuttosto frequente che arrivino per email, messaggi che riguardano rimborsi o errori nell’account creato sul sito di e-commerce o addirittura di errori nel conto in banca. Si tratta di pirateria che mira a rubare i soldi tramite le carte di credito, per cui occorre ignorare queste mail e non fornire mai, per nessun motivo, i dati del conto in contesti simili, oltre a non clickare mai sui link che queste mail propongono.

Consigli per gli acquisti on line sicuri

Per evitare davvero ogni intoppo, esistono altre operazioni che possono garantirci una certa sicurezza nei nostri acquisti online. Sembra tutto molto complicato e difficoltoso, ma in realtà si tratta di piccoli accorgimenti che possono diventare una tranquilla e normale abitudine.

  • Se è possibile, assicurare l’oggetto in acquisto
  • Salvare e conservare tutti i documenti, le mail, gli sms relativi all’acquisto effettuato
  • Controllare spesso gli estratti conto dopo gli acquisti per verificare tempestivamente eventuali anomalie
  • Ricordarsi che la Legge ci tutela con il diritto di recesso se l’oggetto non corrisponde a quello pagato
  • Accertarsi che i siti di aste concedano il diritto di recesso sugli acquisti
  • Tenere aggiornati browser e computer aiuta a non incappare in difficoltà tecniche poi difficili da individuare successivamente.

Dove comprare sicuri tramite internet

Gli acquisti su internet si possono fare presso una moltitudine di venditori presenti in rete, ma essi fondamentalmente si vanno a riassumere in due grandi categorie: quella dei negozi virtuali e i quella dei privati. I cosiddetti negozi virtuali sono tutti quei siti web creati appositamente per fare E-commerce. Possono essere gestiti da ogni sorta di società reale, in qualsiasi luogo del mondo, ma sono studiati e strutturati per fare il vero e proprio commercio elettronico on line.

Ne esistono di ogni genere e vendono qualsiasi tipo di prodotto; possono avere sede legale in qualsiasi paese del mondo e spesso sono una sorta di propaggine virtuale di veri e propri negozi reali.

Alcuni sono invece nati solo ed esclusivamente come punti vendita virtuali e sono presenti solo su internet. Naturale che i negozi virtuali alle cui spalle c’è un grande e serio negozio reale, ma anche catene di distribuzione o società strutturate, offrano di gran lunga maggiori garanzie, in tutti i sensi, rispetto ad entità commerciali assolutamente virtuali. Questo fattore garantisce maggiormente il compratore, soprattutto in termini di autenticità e affidabilità della merce.

È palese che acquistare un prodotto ad alta tecnologia, come ad esempio a fotocamera digitale, presso il negozio virtuale della Adorama (che è un grande e assai noto negozio reale con sede negli USA) offre di sicuro molte più garanzie che non l’acquisto dello stesso prodotto fatto tramite internet da un fantomatico sito commerciale Ping Pong (tanto per inventare un nome) che sostiene di spedire la merce da Hong Kong ma che nessuno potrebbe dire con certezza da chi sia gestito e dove sia localizzato legalmente.

Se fate questa follia e il prodotto che vi arriva a casa dovesse risultare difettoso, la differenza di conseguenze si noterebbe.

Tramite i servizi della rete internet si può anche comprare direttamente dai privati, che da tutto il mondo, a migliaia, mettono in vendita oggetti e prodotti di ogni tipo, sia nuovi che usati, sui siti di aste on line, il più celebre dei quali è Ebay. Quest’ultimo non è ovviamente l’unico nel suo genere ma di certo risulta essere il più longevo e il più affermato.

I siti di aste offrono agli utenti iscritti (mediante semplice registrazione e attribuzione di ID e Password) la possibilità di vendere e acquistare ogni genere di oggetto. Il loro sistema di gestione degli utenti iscritti prevede una ampia gamma di regole e di meccanismi filtro per aumentare e garantire la tutela di venditori ed acquirenti. Questi sistemi sono peraltro in continuo aggiornamento.

Però, nonostante tutto ciò, in ogni caso bisogna sempre tenere gli occhi aperti e valutare molto bene quel che si va a comprare, ma soprattutto da chi si compra. Smanettando su Ebay andate sempre a vedere il feedback del venditore e cercate così di capire a chi ha venduto in precedenza, cosa ha venduto e quel che dicono di lui gli altri utenti.

Anche nel caso di acquisti su Ebay valutate molto accuratamente le spese di spedizione, esaminate le regole di ritorno merce e rimborso che il venditore propone, cercate di capire se ci sono spedizioni cumulative che si possono ottenere acquistando più oggetti assieme dallo stesso utente.

Nel caso di acquisti da utenti stranieri informatevi se il prodotto è soggetto a dogana e soprattutto se è lecita la sua vendita in Italia. Ebay offre anche un efficiente area forum dove pubblicare le vostre domande, nonché un buon sistema di assistenza alle domande che risponde alle vostre lettere.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:





Questo articolo ha 5 commenti

  • Giovanni Lattanzi scrive:

    Se è stata spedita no. Se non è stata spedita potete chiedere di bloccare la spedizione, ma non è un diritto. DOvete attendere che arrivi e rimandarla indietro.

  • marina scrive:

    scusate ragazzi ma è urgente, si può rimandare indietro la merce che non è ancora arrivata? cioè, “disdire” la comanda.
    un mio amico ha fatto un casino e avremmo bisogno di disdire questa comanda..

  • massimo scrive:

    Mario credo che tu possa andare con la fattura al più vicino centro assistenza, se hai acquistato un prodotto regolare e non d’importazione parallela. Io ho trovato comunque se vi può essere utile un sito crookout.com e ho risolto gran parte dei problemi per acquistare sia da privati che da aziende. Adesso i miei acquisti li vivo in modo più tranquillo perchè so che non posso essere truffato. Prima stavo attento a ogni piccolo particolare e se scrivevo al venditore se non mi rispondeva entro poche ore cominciavo ad avere paura della bidonata.
    Per chi interessato ho visto un’area “come funziona” che è molto esplicativa sulle basi del funzionamento.

  • Mario Ellena Zaina scrive:

    non so se potete aiutarmi. Non mi è chiare il fatto che se compro su internet un cellulare e questo si guasta io debba pagare le spese di spedizione a mio carico per tornarlo al venditore perché sia riparato oppure se queste sono a carico de venditore stesso
    Grato se potete chiarirmi.
    Grazie

  • otello scrive:

    potreste indicarmi dei siti sicuri per acquistare in cina articoli sportivi? grazie!

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.