Come chiedere il rimborso con Paypal

Paypal sta diventando una delle modalità di pagamento più utilizzate per fare acquisti sul web. Del resto, è facile e veloce da usare e protegge maggiormente l’utente dall’esposizione dei propri dati personali. Quello che, però, forse non tutti sanno che un’ulteriore vantaggio offerto dal servizio di Paypal è la possibilità di richiedere il rimborso qualora la transazione non vada a buon fine. Ecco allora di che cosa si tratta e come funziona il rimborso con Paypal.

Come chiedere un rimborso con Paypal

Come richiedere il rimborso con Paypal

Acquistare con Paypal on line è facile e veloce. Basta iscriversi al servizio, creare un conto virtuale, che può essere associato o meno al proprio conto bancario o a una carta virtuale, e il gioco è fatto. Inoltre, Paypal mette a disposizione di tutti i suoi clienti la possibilità di essere rimborsati qualora la transazione o la consegna della merce acquistata non vada a buon fine.

Chi ha acquistato on line utilizzando Paypal può aprire una contestazione, o un reclamo in qualsiasi momento. Paypal, dal canto suo, si impegna al massimo per gestire al meglio qualunque situazione e per offrire l’assistenza di cui necessitano i suoi clienti.

Un modo per proteggersi dalle truffe on line

Acquistare on line è pratico e veloce ed è un modo davvero semplice per procurarsi oggetti e merci di vario genere in poco tempo. Il lato negativo, però, è sempre dietro l’angolo, soprattutto se siete alle prime armi con gli acquisti on line.

Se è vero, infatti, che alcuni siti sono più affidabili di altri e, secondo quanto riferiscono gli stessi consumatori, ci sono portali che maggiormente di altri proteggono dalle truffe, è altrettanto vero che lo shopping on line, sia per quel che riguarda i pagamenti, sia per quel che riguarda il pagamento sul web, non può certo considerarsi immune da inconvenienti e cattive esperienze.

È per questo motivo che alcuni sistemi di pagamento, come Paypal, hanno messo a punto un sistema per tutelare maggiormente i propri clienti e incentivare anche il pagamento on line, che mette al riparo tutti gli acquirenti dall’inserimento dei dati personali. Qualora si incorresse in un problema, di pagamento o di ricezione della merce, si può procedere con un reclamo o con una contestazione, a seconda dei casi.

La contestazione può essere aperta facilmente accedendo al Centro Risoluzioni dal sito di Paypal. Inizialmente si può inviare un semplice reclamo, ma se le parti non trovano alcun accordo, il reclamo può essere trasformato in contestazione.

La contestazione può essere aperta dopo sette giorni dalla data del pagamento. L’accordo tra le parti può essere trovata in un tempo pari a venti giorno e, qualora nessun accordo dovesse arrivare, una delle due parti può aprire la contestazione e Paypal si riserva un tempo di trenta giorni per rispondere al reclamo.

Per ottenere il rimborso, ovviamente, il compratore deve provvedere a restituire l’oggetto entro i tempi e le modalità stabilite e deve inoltrare la richiesta del rimborso secondo le condizioni e i termini che Paypal elenca sul suo sito alla voce “condizioni d’uso”. Non è possibile richiedere il rimborso, invece, nei casi in cui ci siano state violazioni nelle regole stabilite da Paypal e nel caso di acquisti di coupon e di beni digitali di varia natura.

Ma come funziona il rimborso? E qual è l’importo massimo che è possibile richiedere? Vediamo adesso, nello specifico, quali sono i termini per inoltrare la domanda di reso e chiedere il rimborso, in che modo è possibile farlo e come procedere concretamente collegandosi direttamente al sito di Paypal.

Importo massimo del rimborso Paypal

È previsto un importo massimo di rimborso, pari a 30 euro per ogni richiesta di rimborso. Nel caso di restituzione in simultanea di più oggetti, l’oggetto viene considerato con un unico resto, soggetto quindi a un rimborso massimo di 30 euro.

Numero di rimborsi che è possibile chiedere

Ogni utente può richiedere un massimo di 12 rimborsi nel corso di un anno ed è possibile richiedere un solo rimborso corrispondente a ciascuna transazione con Pyapal.

Servizio clienti da contattare in caso di dubbio

Se volete rivolgervi al personale competente in merito a rimborsi e resi, potete consultare la sezione del sito di Paypal dedicata al servizio clienti. È anche disponibile un indirizzo mail da utilizzare per le comunicazioni di servizio.

I costi del servizio di reso

Il reso è sempre gratuito e questo vale in ogni caso, per qualsiasi ordine e qualsiasi tipo di merce, anche se rimane a carico dell’acquirente il costo degli obblighi previsti ai quali bisogna accedere per ottenere il rimborso richiesto.

Come inviare la richiesta di rimborso

È sufficiente inviare la richiesta di rimborso on line. Basta collegarsi al sito di Paypal, accedere alla sezione dedicata alla richiesta dei rimborsi, compilare il modulo in tutte le sue parti e inoltrare la richiesta. Ogni acquirente ha tempo fino a 7 giorni per mancare eventuali documenti mancanti richiesti all’indirizzo mail indicato.

Cosa serve per richiedere il rimborso con Paypal

Richiedere il rimborso è semplice e i dati che bisogna fornire sono quelli del modulo della richiesta, uniti ovviamente agli oggetti che andranno restituiti mediante la posta ordinaria. Gli oggetti possono essere restituiti, in base alle modalità con cui il pagamento è stato fatto, nelle seguenti modalità:

  • Con corriere espresso (allegare una foto a dimostrazione dell’importo pagato)
  • Servizio postale con tracciamento della spedizione

Nel caso in cui le spese sono state detratte dall’importo del rimborso, è necessario allegare anche:

  • Una copia della mail del pagamento in cui è mostrato il prezzo dell’oggetto
  • Una copia della mail del pagamento in cui è mostrato l’importo che è stato rimborsato e dove si indica anche a quale titolo

Come avviene il rimborso

Se Pyapal accetta di corrispondere il rimborso, perché tutte le condizioni sono in regola, il denaro verrà accreditato nuovamente sul conto Pyapal. La persona che ha diritto a ricevere il rimborso verrà informata con una mail che contiene la conferma della ricezione della richiesta di rimborso.

Usando il servizio gratuito di reso che Paypal mette a disposizione, tutti gli utenti devono leggere le condizioni d’uso presenti sul sito e accettarne il contenuto in ogni sua parte. Qualora sia abbia il dubbio che si sia verificato un errore di transazione, o una transazione non autorizzata, è necessario avvisare il servizio clienti di Paypal tempestivamente.

Tutte le richieste che non saranno considerate conformi saranno respinte, come da regolamento, e non permettono di ottenere il rimborso da Paypal. Lo stesso, riguarda le richieste rimborso che giungono a Paypal sulla base di dati scorretti o su documenti falsi. In questo caso non solo la richiesta di rimborso sarà automaticamente annullata, ma Paypal si riserva il diritto di procedere con l’esclusione completa dell’utente dal servizio.

Paypal e tutti i fornitori dei servizi comunicheranno con l’utente che ha richiesto il rimborso tramite mail. È fortemente raccomandato, quindi, di controllare in modo periodico la propria casella di posta, al fine di rimanere sempre aggiornati su qualsiasi comunicazioni e agire di conseguenza in modo tempestivo.

L’obiettivo di Paypal, a tutela di tutti i suoi clienti, è che il servizio di reso risulti sempre impeccabile e di qualità. In qualsiasi momento Paypal si riserva inoltre il diritto di modificare, aggiungere o eventualmente eliminare alcune clausole che riguardano le Condizioni d’uso. Pertanto è sempre consigliabile leggere molto attentamente tutte le modifiche che, eventualmente, vengono apportate; le modifiche, se non vengono in alcun modo contestate dall’utente entro un mese, verranno considerate accettate.

Paypal può decidere, inoltre, di sospendere il servizio di reso e rimborso attualmente in vigore senza alcuna responsabilità nei confronti degli utenti e di terze parti. In ogni caso, e qualora si verifichi questa eventualità, tutti gli utenti saranno informati per tempo con un anticipo di almeno 30 giorni.

La lingua che Paypal utilizza per il servizio di reso e rimborso è l’italiano, ma tutti i servizi e le condizioni offerte sono disciplinate dalla legge inglese. Di conseguenza, anche se è possibile ufficialmente presentare un reclami ufficiali presso un tribunale inglese, gli utenti per l’applicazione della legge possono anche rivolgersi al tribunale di qualsiasi altro paese.

Come effettuare un rimborso con Paypal

Se invece siete voi a dover effettuare un rimborso con Paypal, è necessario seguire un iter preciso. Procedere con un rimborso Paypal è semplice e veloce ed ecco quali sono tutte le operazioni per procedere:

  • Accedere al proprio conto Paypal dalla pagina web ufficiale
  • Cercare l’oggetto per cui si desidera richiedere il rimborso nella pagina relativa alle Informazioni
  • Cliccare su Rimborsa pagamento nel link posto in fondo alla pagina
  • Seguire le istruzioni che vengono fornire per ottenere un rimborso

Questo genere di rimborso, però, è disponibile solo entro 60 giorni dal giorno della scadenza della transazione. Se invece vi trovate nel caso in cui la transazione sia avvenuta da più di 60 giorni, è necessario procedere diversamente. Ecco quali sono i passaggi da seguire in questo caso:

  • Cliccare sulla scheda del pagamento che si trova sulla pagina superiore di Paypal
  • Inserire tutte le informazioni necessarie per avviare il denaro all’acquirente e cliccare sul pulsante Continua
  • Cliccate sul pulsante Invia Pagamento per concludere la procedura di rimborso


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *