Scegliere la tavoletta grafica

La tavoletta grafica è uno strumento utilizzato da grafici, designer e in generale persone che hanno bisogno di una maggiore precisione rispetto a quella che può offrire il mouse. Per saperne di più su questa periferica, conoscere i modelli e le misure di tavolette grafiche disponibili sul mercato, ma anche per orientarti nella scelta, continua a leggere questa guida!

Scegliere la tavoletta grafica

Scegliere la tavoletta grafica

Disegnare è sempre stato il vostro hobby? Le vostre fotografie sono così mal riuscite che necessitano sempre di fotoritocchi? Oppure amate creare effetti strani e incroci inediti nelle vostre foto? Vi piace l’idea di fondere insieme foto e disegni vostri? Lavorate con disegni e computer di professione? Per tutti coloro che si ritrovano a rispondere sì a una di queste domande, l’accessorio indispensabile è la tavoletta grafica, per integrare passato e presente, per avere l’impressione di disegnare con tradizionali matita e foglio e poter invece immettere le nostre creazioni nel supporto tecnologico per eccellenza, il pc, e poterlo poi modificare con tutti gli ausili del digitale.

Storia della tavoletta grafica

La tavoletta grafica nasce già nella seconda metà del Novecento, con scarsa risposta, non sapendo però che tempo dopo avrebbe avuto un grande successo. In pochi decenni infatti la tavoletta grafica ha conquistato consumatori appassionati di tecnologia e professionisti del disegno, grazie alla naturalezza con cui la si può utilizzare e alla buona resa dei risultati visivi.

All’inizio la tavoletta grafica nacque come pulsantiera,puntatore e digitalizzatore di disegno per il famosissimo software per il disegno tecnico AutoCad; in seguito, visti i buoni risultati e il potenziale di questa semplice ma efficace tecnologia, si cercò di migliorarne le prestazioni e aumentarne le funzioni per permettere un suo largo utilizzo, anche al di fuori dell’ambito del disegno tecnico.

Lo sviluppo della tavoletta grafica rese felici i suoi produttori, che riuscirono a portarla oltre che negli studi di professionisti come architetti e geometri, anche, dapprima timidamente poi sempre più prorompentemente, nelle aziende di grafica e di pubblicità.
Infatti era apparso chiaro già da tempo che uno strumento efficace come la tavoletta grafica era sprecato se utilizzato solo come puntatore o pulsantiera: le sue potenzialità infatti risiedevano soprattutto nella libertà e nel senso di naturalezza che poteva dare all’utilizzatore nel disegno a mano libera, più che in quello tecnico, da immettere nel computer non come un semplice foglio scannerizzato, ma come un prodotto completamente integrato nei programmi tanto da poter essere modificato fin nei dettagli dal computer.

L’interazione e la collaborazione uomo-macchina diventano grandi e si fondono; addirittura la tavoletta va verso la sostituzione totale del mouse, che per quanto sia utile e pratico, non permette movimenti naturali e a volte ostacola il disegno di particolari o di forme inconsuete: la tavoletta permettere invece di utilizzare l’intera superficie dello schermo come un tavolo da disegno su cui lavorare con una penna praticamente identica a una matita tradizionale e resa sempre più funzionale e maneggevole. Certo anche questa tecnologia all’inizio può risultare ostica, diversa, ma bastano solo poche ore di pratica per prendere l’abitudine e fare della tavoletta grafica lo strumento più naturale del mondo per artisti e appassionati.

Come è fatta una tavoletta grafica

Ma che cos’è questa tavoletta grafica? La tavoletta grafica o digitizer è una periferica di input, cioè un dispositivo da collegare al pc per l’immissione di dati, in questo caso dati video: la speciale penna in dotazione, passando sulla tavoletta, disegna direttamente sul computer.

Come detto all’inizio fu creata per migliorare le condizioni e l’utilizzo dei software di disegno digitale, soprattutto di precisione (come AutoCad), completamente gestibile allora da una tavoletta grafica. L’uso di questo dispositivo per il disegno tecnico si è poi ridotto con l’introduzione in commercio dello scanner digitale come periferica input di immagini.

Ma, come si è ampiamente raccontato, la tavoletta grafica ha trovato largo impiego nel disegno artistico e soprattutto nel fotoritocco, per creare disegni, schizzi, effettuare correzioni precise, dato che il mouse non consente un trattamento dettagliato di questo tipo di software, soprattutto se non si ha la mano proprio fermissima.

Come funziona la tavoletta grafica

La tavoletta grafica comanda il cursore dello schermo, permettendo di disegnare qualunque cosa su di esso con la precisione della propria mano.Si utilizza la speciale penna in dotazione su un piano sensibile che costituisce proprio la tavoletta e che rappresenta il nostro foglio digitale: la sensazione infatti è quella di disegnare su un foglio di carta con una normalissima matita, ma magicamente ciò che disegniamo lo vediamo comparire sullo schermo del pc.

La penna e la tavoletta comunicano tra loro per elettromagnetismo: in pratica dalla tavoletta si originano delle onde radio che si scontrano con la penna, la quale funziona da ostacolo riflettente, per cui le onde ritornano a urtare la tavoletta determinando così le coordinate di quello che stiamo disegnando sulla superficie e quindi sullo schermo del computer.

Grazie al fatto che ormai le tavolette sono molto sensibili alla pressione che viene esercitata su di esse dalla penna (possono esserci fino a 1024 livelli di pressione differenti riconosciuti dalle tavolette), i computer in combinazione con il software grafico, sono in grado di interpretare tale pressione in modo da variare dinamicamente l’intensità del colore e lo spessore della linea.

La tavoletta è solitamente dotata di un mouse incorporato, che però non esclude il mouse predefinito del pc; sulla tavoletta sono quindi presenti i tasti destro e sinistro e spesso anche la rotella per lo scrolling.Esistono poi diversi strumenti da utilizzare con la tavoletta, oltre alla classica penna, che permettono di ottenere effetti differenti come se si utilizzassero ad esempio un aerografo o un pennello.

Funzioni della tavoletta grafica

La tavoletta grafica può assolvere a diverse funzioni, in diversi campi professionali o per hobby:

  • disegno tecnico
  • disegno artistico
    per grafica web, grafica pubblicitaria, etc
  • ritocco di fotografie
  • colorazione digitale
    infatti tavoletta e penna possono colorare con diversi effetti visivi, adeguatamente programmate per questo scopo

Dimensioni e formati

Le dimensioni della tavoletta grafica sono classificate come i formati di carta e possono essere:

  • A6
  • A5
  • A4
  • A3

Solitamente una tavoletta A6 (tra le più diffuse come dimensioni), con una risoluzione di 2000 lpi, è sufficiente per chi non usa le tavolette per motivi professionali, in quanto consente di eseguire disegni e ritocchi in tutta facilità.Se le tavolette servono per particolari esigenze lavorative oppure siete grandi appassionati di disegno e tecnologia, orientatevi allora sui formati A5 o addirittura A4 o A3.Inoltre in commercio esistono anche tavolette con dimensioni fuori standard, per particolari esigenze professionali.

Risoluzione

La risoluzione nella tavoletta grafica indica la precisione della tavoletta nel trasformare in tempo reale i movimenti della penna in spostamenti del cursore sullo schermo del pc: essa è quindi fondamentale per la buona riuscita e per i dettagli di disegni e ritocchi.La risoluzione della tavoletta grafica si misura in lpi, cioè linee per pollice, oppure in dpi, ossia punti per pollice: più il valore della risoluzione è alto e più la tavoletta sarà precisa. Una buona risoluzione per una tavoletta grafica di medio utilizzo è 2000 lpi.Attenzione ai valori più bassi di questo o ai valori non dichiarati, perché potrebbero indicare un funzionamento pessimo della tavoletta, che si rivelerebbe un acquisto inutile.

Collegamento della tavoletta grafica al computer e alla penna

La tavoletta grafica è collegabile al pc tramite cavo USB, metodo che consente in alcuni modelli di eliminare il trasformatore di corrente e il collegamento alla rete elettrica, in quanto la porta USB fornisce essa stessa la corrente alla tavoletta grafica. Per garantire una velocità di trasferimento dei dati il più vicino possibile al tempo reale di disegno, è consigliabile utilizzare almeno porte e cavi USB2 e naturalmente tavolette grafiche dotate di tale tecnologia.

Alcuni modelli di tavolette grafiche possono essere collegati al pc tramite tecnologia Bluetooth: questo permette una notevole versatilità della tavoletta stessa: possiamo trasportare il nostro tavolo da disegno digitale in un’altra stanza oppure possiamo utilizzare una scrivania dell’ufficio diversa da quella dove è posizionato il computer su cui stiamo disegnando.La connessione wi-fi tra penna e tavoletta grafica è sicuramente la più comoda: permette infatti di utilizzare in libertà e leggerezza la penna, consentendo movimenti fluidi e naturali e senza il vincolo di fili.

Elementi della tavoletta grafica

Penna

L’accessorio indispensabile per la tavoletta grafica di cui si è parlato finora è la penna.Questa è studiata per essere comoda ed ergonomica, maneggevole e leggera e per simulare il più naturalmente possibile una matita, con relativi movimenti e pressioni per il disegno. Le penne per le tavolette grafiche funzionano solitamente a batteria; negli ultimi modelli però, dato il peso relativamente notevole di quest’ultima se messa in relazione con tante ore di lavoro sulla tavoletta grafica, la batteria è stata tolta, consentendo una maggiore leggerezza della penna stessa ed inoltre una minore manutenzione per il suo mantenimento nel tempo.

La penna deve essere realizzata in materiali ergonomici per l’impugnatura, come la gomma.Alcune penne sono dotate di “gomme” all’estremità opposta: basta girarle per eliminare ciò che si è appena disegnato, proprio come la gomma di una matita cancella i tratti sul foglio. Per capire la comodità di una penna per tavoletta grafica è necessario anche considerare la sensibilità alle inclinazioni, misurata in gradi; la sensibilità alle inclinazioni se è buona risulta vantaggiosa per simulare realisticamente la polverizzazione del colore o per utilizzare in modo creativo strumenti dotati di punte più larghe.

Anche le penne possono essere dotate di pulsanti sensibili alla pressione, per poter rendere ancora più naturale e intuitivo l’utilizzo di questo dispositivo unito ai software con i quali funziona meglio; le funzioni dei pulsanti sono programmabili e personalizzabili.Le tavolette sono dotate di un apposito alloggiamento per depositare la penna quando non la si usa, in tutta sicurezza, senza rischiare che cada.

Altri elementi

  • foglio trasparente
    Un altro elemento presente in alcuni modelli di tavolette grafiche di ultima generazione, è costituito da un foglio di pellicola trasparente (e foglio non poteva che essere la parola più giusta per definirlo!), da poter sollevare come in un blocco note di carta, per potervi inserire sotto un disegno da ricalcare una volta riappoggiatavi sopra la pellicola: in questo modo è possibile “tracopiare” anche con la tavoletta grafica, come si faceva un tempo con la carta velina per i disegni tradizionali.
  • portastiletto
  • punte intercambiabili per stiletto
    per creare effetti grafici differenti
  • aeorografo

La tavoletta può poi essere alimentata dalla porta USB del pc oppure dalla corrente elettrica tramite un adattatore da collegare direttamente alla presa, dipende dalla potenza della tavoletta stessa.Sullo schermo della tavoletta possono essere presenti tasti funzione per interagire coi software di disegno e fotoritocco direttamente dalla tavoletta grafica.

Scheda tecnica della tavoletta grafica

La scheda tecnica della tavoletta grafica, documento indispensabile che deve accompagnare ogni dispositivo elettronico in commercio, deve contenere le seguenti informazioni:

  • risoluzione della tavoletta, espressa in lpi o dpi
  • dimensioni della zona attiva, cioè della superficie su cui poter disegnare, espressa in mm
  • formato della tavoletta
  • sensibilità alla pressione della tavoletta, espressa in livelli
  • tecnologia per il collegamento al pc
  • eventuale presenza del trasformatore di corrente
  • tecnologia di connessione tra tavoletta e penna
  • software in dotazione
  • accessori in dotazione

Software

La tavoletta grafica funziona bene con qualunque software di fotoritocco e imaging. Photoshop, Gimp, Corel Paint sono solo tre tra i più autorevoli esempi. Per i meno esperti o per chi non ha molte pretese, anche il software dato in dotazione con la tavoletta stessa funziona bene e lo si può utilizzare per realizzare molti tipi di disegni.

Link a siti web di aziende che producono e vendono tavolette grafiche

Trust
www.trust.com
Tra i prodotti della Trust, che offrono sempre un buon rapporto qualità prezzo, ci sono anche le tavolette grafiche, che nel sito si trovano nella sezione “Input”: ogni tavoletta è completa di immagini, informazioni, schede tecniche e anche della possibilità di scaricare driver e manuali.

Tavolette Grafiche
www.tavolettegrafiche.com
Su questo sito un vasto assortimento di tavolette grafiche delle migliori marche da confrontare e da acquistare direttamente online.

Wacom
http://www.wacom-europe.com/it/
SI tratta dell’azienda leader nella produzione di tavolette grafiche.
Il sito offre una vastissima gamma di prodotti per appassionati ma soprattutto per professionisti, di ogni grandezza e tipologia; ogni tavoletta è corredata da descrizioni, immagini e prezzo; è possibile acquistare direttamente online.



7 Commenti

  1. Giovanni Lattanzi
  2. Androis
  3. Cate
  4. Mauro
  5. Leonardo
  6. ZiDoni
  7. renzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *