Come usare GIMP

Se siete appassionati di fotografia, di immagini e del mondo della grafica e del fotoritocco in generale, allora GIMP è un software che fa decisamente al caso vostro. Si tratta di un’alternativa, valida ma più economica e più semplice da utilizzare, a Photoshop e si tratta inoltre di un software per perfetto soprattutto per chi è alle prime armi. Vediamo allora come utilizzare al meglio GIMP e quali sono le sue peculiarità più salienti.

come usare gimp

Come usare GIMP

Tutti sanno che per lavorare con le immagini, modificare le fotografie e gestire i fotoritocchi, il programma migliore del mondo è Photoshop. Vero, ma è altrettanto vero che esiste una valida alternativa, più economica e più semplice nell’utilizzo, perfetta per chi vuole imparare ed è alle prime armi con la gestione delle immagini.
Si chiama GIMP, è un software completamente gratuito, ed è questo aspetto che principalmente rende questo programma particolarmente apprezzato, che permette di modificare le immagini, ridimensionarle, applicare effetti speciali e tanto altro ancora. Ecco allora come funziona questo programma e qualche consiglio per utilizzarlo al meglio.

Come scaricare GIMP

Per prima cosa è necessario scaricare il software e per farlo è necessario andare sul sito di GIMP. A questo punto, dovrete effettuare il download e, quando la procedura sarà completata, avviare l’inizializzazione del programma. Dopo qualche minuto, vedrete comparire l’icona sul computer e siete pronti per iniziare a usare GIMP.
L’operazione è piuttosto semplice e intuitiva, richiede qualche minuto e non necessita di particolari conoscenze tecniche. In ogni caso, se qualcosa non vi torna o avete diversi dubbi su come scaricare e installare il software, potete fare una breve ricerca on line e consultare i numerosi tutorial presenti in YouTube o sui vari forum di assistenza.
Quando l’installazione sarà completata, vedrete comparire sul computer tre icone; a sinistra la barra degli strumenti per modificare le immagini, al centro uno spazio vuoto per visualizzare le foto da modificare e a destra la barra degli strumenti che vi permetterà di accedere alla cronologia delle modifiche effettuate.

Come utilizzare gli strumenti di base

Nella barra degli strumenti a sinistra potrete trovare le funzioni di base, come il tasto del pennello e della matita, la gomma, il riempimento del colore e le sfumature. Con questa funzione potrete spostare le immagini, inclinarle e ruotarle a piacimento.
Per migliorare i colori e la luminosità delle foto, potrete usare il menu dei colori e selezionare alcuni strumenti specifici, come il bilanciamento, la luminosità e il contrasto. Attraverso l’anteprima, potrete vedere inoltre in tempo reale le modifiche che avete apportato alle vostre immagini.
Lo strumento “selezione rettangolare”, dalla barra degli strumenti, vi servirà invece per ritagliare le immagini. Usarlo è molto semplice e vi basterà disegnare con il mouse le porzioni di fotografia che volete eliminare.
Per ruotare un’immagine, o per ridimensionarla, dovrete invece andare sulla finestra centrale, selezionare le opzioni presenti nel menù e selezionare quelle che vi serviranno per ruotare l’immagine in orizzontale, o in verticale.

Come modificare e salvare le immagini

Se invece volete modificare una foto, aggiungere una scritta o qualsiasi altra animazione grafica, dovrete selezionare lo strumento “testo” dalla barra degli strumenti di sinistra, cliccare nel punto in cui volete inserire l’animazione e digitare il testo. Se si tratta di un testo, potete anche cambiare il carattere o il colore della scritta, utilizzando il pannello di controllo nella parte bassa degli strumenti.
Qualora vogliate rimuovere una scritta, o qualsiasi altro elemento che compare nell’immagine, sarà sufficiente selezionare lo strumento “cerotto”, di colore giallo, e tenere premuto il pulsante CTRL mentre cliccate il punto esatto dell’immagine in cui compare l’elemento che volete eliminare. Vi basterà poi rilasciare il tasto e rimuovere le imperfezioni.
Dopo qualsiasi modifica apportata alle fotografie, potete ovviamente salvare il vostro lavoro. Basta andare nel menu file e selezionare la voce “salva come”. A questo punto si aprirà una finestra e voi potrete decidere in quale cartella volete salvare le vostre immagini modificate e in quale formate desiderate salvare.
Alcune funzionalità di GIMP sono semplici e intuitive, mentre altre sono più difficili da scovare. Per questo motivo, per impratichirsi e acquistare esperienza, è necessario fare delle prove, esplorare i menu e testare le funzionalità di ciascuna opzione. E vedrete che imparerete a usare questo programma nel migliore dei modi!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *