Lavoro part time

Il lavoro part-time è una forma di contratto che consente di lavorare solo mezza giornata: solitamente è preferito da genitori che vogliono passare più tempo coi figli, o da studenti che sfruttano il resto del tempo per studiare. E’ una interessante formula di assunzione, poichè il part time permette il mantenimento di uno stipendio dignitoso a fronte di un tempo libero maggiore, da dedicare alla famiglia e alla propria vita.

Lavoro part time

Contratti di lavoro part time

Il sempre più impervio mondo del lavoro è per milioni di giovani un’amara realtà con la quale scontrarsi. Inserirsi è difficilissimo e non sempre al merito corrisponde un giusto impiego. Passare dagli studi alla vera e propria occupazione è un processo che richiede di anno in anno un tempo maggiore al punto tale che riuscire a trovare un’occupazione stabile pare davvero un’utopia.

Per agevolare l’inserimento dei giovani in attività lavorative la legge italiana si è mossa alla ricerca di forme contrattuali alternative. In tal senso il provvedimento maggiormente rappresentativo è di certo la cosiddetta riforma Biagi ( L. 14-2-2003, n. 30). Tale legge raggruppa in se una serie d’innovativi provvedimenti attuati dal governo italiano in vista delle crescenti necessità lavorative dello Stato. La riforma prevedeva rinnovamenti per le diverse forme contrattuali già esistenti, ossia:

e l’introduzione di nuove ed alternative tipologie indirizzate in particolar modo ai giovani.

Si tratta dunque di una legge complessa e variegata al suo interno, che proprio per queste sue caratteristiche richiede una particolare attenzione da parte di ogni cittadino che debba inserirsi nel mondo del lavoro. Essendo sempre più difficile per le imprese assumere troppi lavoratori a tempo indeterminato, tale tipologia di contratto sta diventando sempre più rara e ricercata.

L’unico modo per garantire l’occupazione ad un maggior numero di persone è quello della frantumazione del lavoro stesso. Ossia separare, la dove possibile, l’attività lavorativa in più parti assegnandone ogni porzione ad una persona diversa. Si crea così un lavoro sempre più specifico, limitato.

Lavoro ripartito

In linea a questo principio è stato introdotto dalla riforma Biagi il lavoro ripartito, altrimenti detto a coppia, lavoro a staffetta o “Job Sharing”. Un contratto di questo tipo prevede l’assunzione di due o più lavoratori che s’impegnano ad adempiere un’unica attività lavorativa.

Dividendo l’orario di lavoro di comune accordo ciascun lavoratore deve realizzare la propria parte del operazione e sarà del tutto responsabile del risultato ottenuto alla fine. Il Job Sharing richiede obbligatoriamente la forma scritta perché la percentuale della ripartizione del lavoro tra i lavoratori dev’essere ben stabilita insieme alla data di consegna dell’opera.

Lavoro “a chiamata”

E’ stato inoltre ideato il lavoro intermittente, lavoro a chiamata o “Job on Call”. Si tratta di una prestazione lavorativa discontinua, senza precisi giorni lavorativi, dipendente dalle esigenze momentanee del datore di lavoro.

Casi di questo tipo sono previsti per gli allestitori di vetrine o per gli ideatori di testi pubblicitari. In molti casi è richiesto contrattualmente d’essere reperibili costantemente ed a disposizione dell’organizzazione dell’azienda, in risarcimento di ciò è prevista un’adeguata indennità. In Italia è un tipo di rapporto lavorativo ancora poco utilizzato, visto con diffidenza da molti dipendenti che non tollerano l’idea dell’operaio-squillo. In altri paesi come Regno Unito, Usa e Gippone invece si tratta di una formula applicata usualmente.

Una legge del 1997 fu introdotta allo scopo di diminuire la disoccupazione e favorire l’inserimento dei giovani. Appartiene proprio a tale legge l’introduzione del tirocinio formativo (comunemente conosciuto come Stage) che prevede per un giovane studente la possibilità di completare la propria formazione scolastica con un inserimento temporaneo nelle aziende.

Il periodo di tirocinio non può mai essere superiore ai 12 mesi ed in tutela dei soggetti devono essere assegnati dei tutor.

Piano d’inserimento professionale

Un tipo particolare di tirocinio è il più noto piano d’inserimento professionale (PIP). Tale tipologia contrattuale è specificatamente indirizzata ai giovani in età compresa tra i 29 ed i 32 anni (età prolungabile fino ai 35 in caso di lunghi periodi di disoccupazione).

I piani d’inserimento si avvalgono di progetti formativi che possono fornire competenze specifiche elevate ed ad alta qualifica. Il piano d’inserimento non può durare più di 12 mesi e per i partecipanti è prevista un indennità di minimo 3,87 euro l’ora per le ore lavorative effettuate.

Telelavoro

Si pensi ora ad una tipologia lavorativa all’avanguardia e che in futuro non potrà far altro che diffondersi ancora di più, si tratta del telelavoro. È un contratto che prevede una collaborazione da casa o da un centro specifico posti in contatto con l’azienda interessata attraverso computer. Questa flessibilità ha numerosi vantaggi sia per il datore di lavoro che per i dipendenti. L’azienda riduce i costi ed ottiene maggior produttività e creatività.

I dipendenti riescono a conciliare agevolmente impegni famigliari e lavorativi gestendo l’orario lavorativo secondo personali scelte ed avvertendo molto più forte la motivazione a compiere al meglio la propria attività essendo liberi da stress e preoccupazioni. Al telelavoratore spettano gli stessi diritti di qualsiasi altro lavoratore oltre che, a pari attività, la stessa retribuzione.

Inoltre è compito dell’azienda fornire al lavoratore l’attrezzatura necessaria allo svolgimento dell’attività richiesta o almeno il risarcimento delle risorse impiegate (spese di telefono, luce e pulizia).

Infine è stato costituito il contratto d’inserimento, vero e proprio contratto a termine la cui durata non può essere inferiore a 9 mesi ne superiore a 18.

Tale tipologia è predisposta per:

  • soggetti in età compresa tra i 18 ed i 29 anni
  • persone disoccupate da molto tempo (fino a 32 anni)
  • lavoratori con più di 45 anni privi di lavoro o in procinto di perderlo
  • lavoratori inesperti che non abbiano lavorato per almeno 2 anni
  • donne residenti in zone in cui il tasso d’occupazione femminile sia inferiore al 20%
  • soggetti portatori di gravi handicap (fisici o psichici)

All’azienda spettano incentivi quali ad esempio sgravi fiscali.

Contratto di lavoro Part-time

Per Part-Time s’intendono quelle attività lavorative con un tempo lavorativo inferiore a quello “normale” stabilito dalla legge che prevede 40 ore settimanali. Si tratta di un contratto lavorativo molto utilizzato dalle donne che, oltre a dover lavorare, devono spesso badare anche alla casa ed alla famiglia.

Il decreto legislativo 25-2-2000, n. 61 ha dato inizio ad una serie di innovazioni per questo tipo di contratto il quale è stato reso ancora più flessibile. Innanzitutto è stato previsto un principio di non discriminazione che sancisce la totale uguaglianza dei lavoratori part-time rispetto a quelli a tempo pieno.

Ad entrambe le tipologie spettano dunque gli stessi diritti, anche per quanto riguarda l’attribuzione delle ferie. Inoltre è stata fatta una suddivisione tra varie categorie di contratto part-time:

  • Orizzontale
    Prevede una riduzione rispetto all’orario di lavoro, ogni giornata lavorativa si compone di un minor numero di ore
  • Verticale
    Le giornate lavorative sono a tempo pieno, ma i giorni settimanali di occupazione diminuiscono. La limitazione può riguardare periodi della settimana, del mese, dell’anno
  • Misto
    Consiste in una combinazione delle due precedenti categorie

La riforma Biagi ha rimodernato anche il contratto Part-time allo scopo di agevolarne l’utilizzo, a tal fine è stata concessa maggior autonomia alla contrattazione tra lavoratore e datore di lavoro. Purtroppo però è stata data la possibilità al datore di lavoro di trasformare quando lo ritiene opportuno un contratto da tempo pieno a parziale. Ciò è fattibile solo nel caso in cui siano previste per l’azienda nuove assunzioni a tempo pieno.

La stipula di un contratto a tempo parziale può essere richiesta dal lavoratore, nel caso in cui esso necessiti di maggior tempo libero, ma allo stesso tempo dall’azienda, magari per evitare licenziamenti di massa.

Si pensi in tal proposito a casi di crisi aziendale, per evitare di licenziare in tronco numerosi lavoratori, i sindacati possono consigliare all’azienda di tentare un periodo part-time con la quale ristabilire i bilanci aziendali ed evitare il collasso. Qualora però tali misure non dovessero risultare sufficienti, l’azienda cadrà in banca rotta ed i propri lavoratori saranno parzialmente sostentati dalla cassa integrazione.

Va precisato che il rapporto di lavoro Part-time deve presentare una forma contrattuale scritta. In tale contratto dev’essere precisata la durata della prestazione lavorativa con precise indicazioni riguardanti la suddivisione dell’orario.

La mancata precisazione di questi dati non determina la nullità del contratto. Se l’omissione riguarda la durata dell’attività lavorativa il lavoratore dipendente può rivolgersi ad un giudice ed ottenere un contratto di lavoro a tempo pieno presso l’azienda a partire dall’effettuato accertamento del contenzioso.

Se invece l’omissione riguarda la suddivisione dell’orario di lavoro, sarà il giudice stesso a determinarla garantendo gli interessi del lavoratore seguendo le indicazioni date dai contratti collettivi.

Approfondire il contratto di lavoro part time

  • Wikipedia
    Grazie all’enciclopedia gratuita online realizzata dagli utenti, ecco una guida che specifica le varie parti di un contratto di lavoro. Parti, Causa, Forma ed Oggetti ne sono gli elementi portanti, una spiegazione basilare per cominciare ad approcciarsi ad un contratto lavorativo.
  • Riforma Biagi
    Ecco alcuni estratti dalla riforma con un occhio particolare a quando è stato deciso per il rapporto di Lavoro Part-time. Può risultare di difficile comprensione per chi non abbia dimestichezza con un linguaggio giuridico.
  • Info-Jobs
    31000 le aziende iscritte. Milioni gli utenti. Ecco un sito che, dopo una semplice registrazione, propone numerosissime offerte di lavoro part-time. È possibile tra queste selezionare quella più adattabile alle proprie personali esigenze.
  • Ricerchiamo.com
    Sito interamente dedicato alle offerte di lavoro con una sezione specifica per i lavori Part-Time. Le offerte appaiono suddivise per città e dettagliatamente descritte. Particolare attenzione per i lavori fattibili direttamente da casa.
  • Monster.it
    Il sito più visitato per creare un proprio account e rendersi disponibile per offrire la propria attività lavorativa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *