Sopportare il caldo in gravidanza

Se il temibile caldo d’Agosto è insopportabile per chiunque figuriamoci come potrebbe essere per una donna incinta. Il pancione, le mani e le caviglie gonfie, gli ormoni ballerini e la pelle più sensibile, in estate mettono infatti a dura prova tutte le donne che aspettano un figlio. Ma resistere al caldo in gravidanza è possibile. Ti spieghiamo noi come fare con qualche consiglio utile ed accorgimenti che ti aiuteranno a passare un’estate serena.

Come sopportare il caldo in gravidanza

L’estate, con il suo caldo soffocante ed insopportabile, è davvero una tortura per una donna incinta che deve affrontare tutto questo con un pancione ingombrante e tutti i fastidi che accompagnano spesso la gravidanza. A dirlo è anche la scienza, secondo i medici infatti, durante la gestazione si sopporta con maggiore difficoltà il caldo.

Ciò è causato dalle continue variazioni ormonali che provocano la dilatazione di tutti i vasi sanguigni, anche quelli più superficiali. Il risultato è un copioso aumento della percezione del calore e della sudorazione della donna incinta. E non finisce qui, affrontare il caldo quando si aspetta un figlio vuol dire anche sopportare i fastidi tipici della gravidanza amplificati, ossia crampi, piedi e mani gonfie, ritenzione idrica e pressione bassissima.

Ma si può sopportare il caldo in gravidanza? Sembra una missione impossibile, in realtà però seguendo i giusti suggerimenti e consigli le future mamme riusciranno a vincere il calore e a trascorrere in modo sereno l’estate, senza troppi fastidi.

I consigli per sopportare il caldo in gravidanza

La prima regola fondamentale è bere molto, circa due litri d’acqua al giorno se non di più. Questo gesto permette di reintegrare tutti quei liquidi che si sono persi a causa della sudorazione. Sono molto importanti durante la gravidanza e preziosi, sia per la mamma, ma anche per il bambino che si trova nel liquido amniotico.

Il secondo accorgimento da seguire è quello di mangiare molta frutta e verdura. In tal modo si possono assumere anche i sali minerali espulsi dal corpo con il sudore utili per la crescita del feto, ma anche per la futura mamma per poter alleviare i piccoli dolori e i crampi alle gambe. Sono ottime in tal caso anche le bevande energetiche che contengono queste preziose sostanze.

Se trascorri qualche giorno al mare, fai molta attenzione al sole e alla tintarella. Evita di esporti durante le ore più calde, ossia quelle centrali della giornata. In questi momenti l’afa può divenire davvero insopportabile per la futura mamma che rischia anche di scottarsi e provocarsi bruciature. Inoltre durante la gestazione il corpo produce maggiormente la melanina provocando la comparsa di antiestetiche macchie, in particolare in determinate parti del volto, come gli zigomi, la fronte ed il mento provocando la famosa maschera gravidica. Per prevenirla spalma sulla pelle una crema con un filtro protettivo molto elevato, pari a 50 se sei hai la carnagione chiara e a 30 se sei più scura.

Passare del tempo al mare, nonostante il caldo, può essere una soluzione perfetta per resistere al caldo. Delle lunghe passeggiate in riva al mare sono un toccasana inimitabile per sconfiggere molti fastidi della gravidanza, in particolare se vengono fatte durante le prime ore del mattino. Infatti camminare sul bagnasciuga contribuisce ad aumentare il ritorno venoso alleviando il fastidioso senso di pesantezza ed il gonfiore delle gambe, che colpiscono le donne incinta soprattutto negli ultimi mesi della gestazione.

Sono ottime anche le nuotate, che svolgono un potente effetto rilassante e ritemprante su tutto il corpo, alleviano molte patologie, come il mal di schiena e la sciatalgia, e aiutando a tonificare il fisico. Un’attività fisica che apporta tanti benefici e non fa sentire il peso del pancione.

Per rinfrescare sempre il corpo, in particolare il viso e le mani, che sudano con maggiore facilità, sono molto utili le salviette umidificate da custodire sempre nella borsa sia al mare che in città. Ottimi pure gli spray a base di acqua termale, praticissimi e disponibili in diversi formati, anche mini, per essere sempre a portata di mano ogni volta che ne hai bisogno.

Cerca di indossare degli indumenti freschi, preferibilmente in fibre naturali e di qualche misura più grandi. Anche le scarpe devono essere comode, leggere e traspiranti, di un numero più grande per entrare pure quando i piedi e le caviglie sono gonfi.

Uno fra i rimedi naturali più utilizzati è un lungo e rilassante bagno nell’amico di avena colloidale oppure in quello di riso che svolgono una potente azione rinfrescante ed assorbente. Entrambi si possono acquistare comodamente in farmacia oppure al supermercato.

In alternativa, se il caldo è davvero insopportabile, accendi il condizionatore o il ventilatore. Fallo nelle ore più calde e mai per un periodo troppo lungo cercando di non abbassare eccessivamente la temperatura per non prendere un raffreddore. La scelta giusta sono 4 gradi in meno della temperatura esterna.

Infine bada molto all’alimentazione. Stai alla larga dai fritti e in generale da tutti i cibi grassi, che rallentano e rendono difficile la digestione. Limita al minimo il sale, per contrastare la ritenzione idrica, mentre aumenta il consumo di frutta e verdura, in particolare i pomodori, l’anguria ed il melone.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *