Depressione post parto: conseguenze psicologiche

La maternità rappresenta per ogni donna un profondo cambiamento. Con la nascita fisica del bambino in lei, si crea una nuova identità: l’essere madre. Questa nuova donna emerge gradualmente attraverso un’ esperienza interiore intensa, per molti aspetti inaspettata ed ambivalente, così come il suo amore per il nuovo essere che crescerà tra le sue braccia. Il periodo che segue il parto è però un momento molto delicato per la psiche di una donna poiché potrebbe causare scompensi emozionali e forti depressioni.

Depressione post parto: conseguenze psicologiche

Conoscere e affrontare le conseguenze psicologiche del dopo parto

La formazione di questa identità materna è graduale, passa attraverso il dolore fisico e psicologico dovuto prevalentemente al passaggio da diversi ruoli; la donna si trova in poco tempo da figlia a madre! E quel bambino immaginato per mesi si concretizza, divenendo figlio reale. In questi momenti la mamma, viene investita da numerose trasformazioni psicologiche che si riflettono sulla vita intrapsichica, affettiva, relazionale, cognitiva e sociale.

Diventare madre significa accettare enormi cambiamenti fisici e personali ma anche e soprattutto modifiche emotive e sociali: la vita di ogni donna che diventa madre cambia profondamente. Si tratta di cambiamenti naturali ma molto delicati, che vanno ascoltati e valorizzato al fine di raggiungere una personalità “sana” della donna, del bambino e della coppia. Una trasformazione naturale che svilupperà in lei, pensieri, ansie, fantasie e influenzerà emozioni e azioni.

Quando il piccolo nasce l’interesse è prevalentemente rivolto a lui e tutte le attenzioni che, durante la gravidanza, erano dedicate alla mamma vengono indirizzate al bambino, creando spesso nella mamma una privazione reale. Questo cambiamento che dedica maggiore spazio al figlio più che alla mamma, non è solo esterno ma soprattutto interno e profondo: avere un bambino significa abbandonare una parte di se stesse, dire addio alla propria infanzia e assumere un nuovo ruolo adulto e responsabile.

E’ un’esperienza forte che per alcune mamme può essere destabilizzante e generare un disagio e un dolore silenzioso che non trova le parole giuste e un ascolto adeguato.

Puerperio

Con il termine puerperio si indica quel difficile periodo che segue la nascita del piccolo e che mette a dura prova la neomamma, sia fisicamente che psicologicamente. Inizia subito dopo il parto e dura circa 6 settimane. In questo primo mese e mezzo alla felicità per il nuovo nato si associano spesso malinconia e senso di inadeguatezza dovuti soprattutto agli assestamenti ormonali e all’impegno costante richiesto dal bebè. Perché questo momento venga vissuto al meglio è importante che la neomamma chiarisca i suoi dubbi e timori e capisca di non essere l’unica a non sapere come comportarsi.

Questo periodo è anche contrassegnato dalle perdite di sangue chiamate lochiazioni, simili a una mestruazione abbondante. Iniziano immediatamente dopo il parto e durano in media 40 giorni (possono prolungarsi anche a 80). La loro funzione è innanzitutto quella di riportare l’utero alle condizioni normali e ripristinarne il rivestimento. La loro intensità si riduce gradualmente fino a quando si trasformano in perdite giallastre simili a quelle che compaiono tra una mestruazione e l’altra.

le conseguenze del dopo parto

Quel senso di tristezza dopo la nascita del bimbo

Le variazioni ormonali dei giorni successivi al parto e l’impegno fisico ed emotivo dei primi tempi possono mettere a dura prova le neo mamme. È molto facile che la donna in questo periodo incorra nel baby blues, una sorta di malinconia accompagnata da ansia, sensazione di instabilità e tristezza. A questo si accompagna spesso una certa irritazione nei confronti del bambino e delle persone che ci circondano. La donna spesso si trova a piangere senza un vero motivo, ha disturbi del sonno e dell’alimentazione.

Solitamente questi disturbi sono del tutto normali e tendono a scompaire nel giro di un paio di settimane, quando la mamma si è abituata ai nuovi ritmi. Diversa è invece la depressione post parto, che ha all’incirca gli stessi sintomi del baby blues, ma decisamente più intensi e non si risolvono da soli. In genere compaiono a 2-4 mesi dal parto, soprattutto nelle mamme che non hanno un supporto famigliare saldo ( donne sole, senza compagno e genitori), che hanno cambiato città o che hanno già sofferto di depressione. Alcuni segnali vanno tenuti sotto controllo: la paura paralizzante di far male al bebè, il timore di rimanere da sola con lui, attacchi di panico e pensieri suicidi. In questi casi bisogna rivolgersi a uno specialista senza aspettare che il problema si risolva da solo. Con le giuste cure la situazione si risolve in poco tempo.

Ancora più grave, ma rara ( 1 mamma su 1000) è la psicosi puerperale, una condizione che porta ad una alterazione di personalità. È sbagliato associare questo disturbo a quelli precedenti, perché le donne con psicosi hanno comportamenti e umore molto disturbato caratterizzato da un’eccessiva disorganizzazione e perdita del contatto con la realtà, confusione disagio sociale, paranoie,allucinazioni e tendenze suicide o omicide. Ovviamente richiede un intervento medico tempestivo.

Come prevenire la depressione post parto

Anche se spesso le cause di queste depressioni sono legate alle fisiologia, è possibile cercare di prevenire o diminuire le sensazioni negative legate al post partum. Per prima cosa la mamma ha bisogno di riposo per riprendersi dalle fatiche della gravidanza e del parto quindi dovrebbe cercare di dormire quando il bebè riposa, seguire una dieta adeguata ed eviti alcol, caffè e sostanze eccitanti. Altra cosa molto importante è chiedere aiuto quando se ne sente la necessità. I famigliari, il partner e gli amici possono offrire un aiuto nelle faccende domestiche, alleviare gli impegni della neo mamma e dare anche un sostegno psicologico.

Molto utili sono anche i corsi post partum, organizzati dalle Asl, da ospedali e ostetriche e psicologhe che conducono gruppi per genitori, danno consigli sull’allattamento e su comportamenti utili da adottare con il bebè. Lo scopo di questi incontri è anche mettere insieme più donne che stanno vivendo la stessa situazione così da offrire l’opportunità di scambiarsi consigli e vissuti.

È molto importante che le donne che hanno poco latte non se ne facciano una colpa, anche perché oggi esistono in commercio formulazioni di latte artificiale che permette al piccolo di crescere nel migliore dei modi. Per riprodurre il rapporto speciale che si crea tra mamma e bambino durante l’allattamento si può dargli il biberon guardandolo direttamente negli occhi, sorridendogli e tenendolo abbracciato.

Come essere buoni genitori

per prima cosa bisogna dimenticare le scene da film perché nella vita reale non esistono genitori perfetti. È normale aver paura di sbagliare, non capire immediatamente i bisogni del piccolo e commettere degli errori. Con il passare del tempo si imparerà a decifrare le esigenze del neonato. L’importante è che i genitori comunichino tra loro, e si scambino idee e perplessità.

È importante che le mamme sappiano che non esiste l’istinto materno, perché la maternità è un’attività complessa che richiede esperienze. Così come non esiste il figlio perfetto: ogni piccolo ha la propria personalità che manifesta fin dalla nascita e va rispettata. È anche normale che i genitori non provino un immediato trasporto per il bambino; l’affetto cresce con la conoscenza, la confidenza e il passare del tempo.

Approfondire le conseguenze del dopo parto

Libri

  • Quando le madri non sono felici- la depressione post partum
    Di Massimo Ammaniti, Silvia Cimino e Cristina Trentini
    Ed. il pensiero scientifico
    Libro che affronta le difficoltà del periodo della maternità cercando di offrire un sostegno alla genitorialità per prevenire e ridurre gli effetti della depressione materna sullo sviluppo del bambino
  • Dopo la nascita del bambino
    Di Robin Lim
    Ed.Urra
    Questo testo dedica ampio spazio ai giorni successivi al parto e alle prime settimane di vita del bambino. L’autore sostiene che se la gravidanza dura 9 mesi il post partum dura tutta la vita.
  • Accogliere una nuova vita
    Di Ingeborg Stadelmann
    Ed. Urra
    L’autrice vuole mettere a disposizione dei lettori la sua esperienza nell’affrontare i periodi che precedono e seguono la nascita di un figlio.

Siti internet

Prenatal
sito che oltre ad offrire informazioni su neonati e neo genitori, dedica delle pagine dove è disponibile una banca dati di centri pubblici e privati che offrono corsi post parto.

Gravidanza on line
portale che oltre ad offrire informazioni sul periodo della gravidanza, dedica spazio anche al post partum

Guida genitori
sito che fornisce informazioni mediche, consulenze specialistiche e occasioni di dibattito.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *