Andare in bicicletta in gravidanza

Secondo i medici le donne incinta dovrebbero, durante la gravidanza, fare attività fisica, per mantenere in salute il piccolo che aspettano e se stesse. Il movimento infatti aiuta i muscoli a prepararsi al parto e la mamma a rimanere in linea. Uno dei migliori è, a sorpresa, la bicicletta, che garantisce buon umore e un’ottima forma fisica.

Andare in bicicletta in gravidanza

Durante la gravidanza praticare sport è una scelta intelligente per  garantire la propria salute e quella del bambino che si porta in grembo. Molte donne amano andare in bicicletta, ma quando scoprono di essere incinta rinunciano a praticare questa attività. Questa attività fisica infatti non fa assolutamente male né alla mamma né al piccolo, basta solamente seguire alcuni accorgimenti fondamentali.

Alcuni consigli per andare in bicicletta in gravidanza

Per prima cosa seguire dei percorsi che siano pianeggianti e non accidentati, ma soprattutto evitando strade sconnesse e troppo trafficate dove si rischia di cadere e farsi male e bicicletta, qualcosa che potrebbe essere molto pericoloso se si aspetta un figlio.

Queste raccomandazioni vanno seguite in generale durante tutto il periodo della gravidanza, ma in particolare nell’ultimo periodo, quando il pancione è più pesante e sposta l’intero baricentro del corpo in avanti, in questa situazione si ha meno equilibrio e si rischia più facilmente di cadere. L’ideale è scegliere una pista ciclabile, lontana dal traffico e dal via vai delle macchine, magari vicino al mare, dove respirare l’aria salmastra che fa bene ai polmoni, oppure in un bel parco, dove rilassarsi a contatto con la natura.

Se invece siete abituate ad andare tutti i giorni al lavoro in bicicletta evitate di prendere il mezzo durante la gestazione. Il viaggio al mattino, fra il traffico cittadino e lo smog, non vi rilasserà, ma vi  farà respirare un’aria poco salutare per voi ed il piccolo.

I benefici della bicicletta in gravidanza

Ma qual è l’utilità di utilizzare  la bici durante la gestazione? Veramente tanti e ottimi per il benessere dell’organismo del bimbo e della futura mamma.

Per prima cosa l’andare in bicicletta aiuta a migliorare la tonicità dei muscoli delle gambe, stimola al massimo la circolazione periferica e di conseguenza diminuisce i gonfiori e la pesantezza che spesso compare negli arti inferiori durante la gravidanza.

Soprattutto se si scegli di percorrere zone dove l’aria è più pulita ed ossigenata, come al mare o al parco, il corpo della donna si ossigena e migliora anche il passaggio dell’aria attraverso la placenta, favorendo un maggiore nutrimento del feto, che cresce più in fretta e sano.

Pedalare durante la gravidanza permette anche di controllare l’aumento di peso che si verifica in questo caso. Inoltre, sommato ad una dieta equilibrata, il movimento permette anche di tenere sotto controllo alcune malattie tipiche dello stato interessante, come il diabete gestazionale, l’ipertensione, gli edemi degli arti superiori ed inferiori e le vene varicose.

Andare in bici aiuta a migliorare l’umore e a garantire un’ottima situazione fisica e psichica per quando sarà il momento tanto atteso del parto. Inoltre questa attività permette di passare con il sorriso e senza crisi le ultime settimane di gravidanza che spesso sono anche le più pesanti per la donna. Ciò è dovuto al fatto che la bicicletta, come ogni sport, stimola nel corpo la produzione delle endorfine, gli ormoni del buonumore.

Le alternative alla bicicletta in gravidanza:

La cyclette – da fare a casa: la cyclette è una valida alternativa soprattutto se si vive in città e non si ha la possibilità di uscire all’aperto in bici (magari perché è inverno). In questo caso si può fare attività comodamente a casa grazie a questo attrezzo. La cyclette garantisce dei benefici che sono molto simili a quelli offerti dalla bici, l’unica pecca è che a volte può risultare un po’ noiosa. Ma puoi ovviare a questo inconveniente guardando la tv mentre pedali, oppure ascoltando la musica. Positiva invece la possibilità di regolare al meglio la velocità della pedalata e la sua intensità. Nei modelli più moderni si può anche controllare il battito cardiaco ed impostar una tipologia personalizzata di allenamento.

La cyclette orizzontale – per la salute della schiena: è una versione molto più comoda rispetto al modello classico, ha un sellino molto confortevole e uno schienale inclinabile. In questo modo ci si può allenare comodamente e senza difficoltà pure con il pancione. Appoggiando la schiena poi si aiutano i muscoli della schiena e  del corpo permettendo di prevenire i dolori lombari che spesso colpiscono le mamme.  

Lo spinning e l’hydrobike – vietate : si tratta di un’attività di tipo aerobico molto intensa che si svolge in palestra oppure in piscina su una bicicletta fissa. Solitamente lo sport si svolge con l’ausilio di un istruttore che detta gli esercizi e un gruppo di persone che pedala insieme con velocità ed esercizi differenti. Si tratta di un allenamento completo che però dovrebbe essere evitato assolutamente durante la gravidanza. Infatti è un’attività fisica che comporta un forte impatto cardiovascolare  provocando un veloce innalzamento della temperatura interna del corpo. Questa conseguenza può essere pericolosa anche se viene fatta in acqua ed inoltre risulta inutile, non apportando alcun beneficio alla donna in stato interessante.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *