Come scegliere la fedina

La fedina è l’anello che porta gioia a ogni donna innamorata, e le testimonia la passione e il legame col proprio amato. Si tratta quindi di un gioiello dotato di un significato particolarmente simbolico quando ricevuto in regalo. Questa variante dell’anello da donna è disponibile in innumerevoli modelli, materiali e forme, sia con pietre preziose che senza. Questo articolo sarà molto utile, alla dona come all’uomo, per orientarsi nell’acquisto di una fedina, ma anche per scoprire le migliori aziende produttrici e dove acquistarli online. Scopriamo insieme come scegliere la fedina.

Come scegliere la fedina

Se è vero che con l’amore ogni cosa è per sempre, con una fedina al dito lo sarà ancor di più. Ecco, dunque, un’articolo che v’illuminerà sui segreti di questo piccolo e incantevole gioiello, un tipo di anello da donna dal forte significato simbolico che ogni amata desidera ricevere dal proprio uomo.

Perché la fedina impegna e fa sognare. Perché promette e benedice. Perché fa sperare e, il più delle volte, mantiene.

Storia della fedina

Si sa, l’amore nasce con l’uomo. E con esso, il bisogno non tanto di convolare a giuste nozze, ma di unirsi all’anima gemella, per sempre. Il fidanzamento, certamente un passo importante ed una tappa fondamentale nella vita privata e personale d’ogni uomo, ha cavalcato i secoli ed è giunto fino a noi come la classica cerimonia in cui gli innamorati si scambiano promesse d’amore eterne in vista del matrimonio.

Le tradizioni al riguardo sono le più disparate, anche e soprattutto a seconda del tempo e del luogo in cui ci muoviamo: certo è che in ogni parte del globo e qualsiasi sia il periodo storico a cui torniamo con la mente, l’evento in questione è sempre una cerimonia, più o meno formale, che tende all’introduzione e all’inserimento del fidanzato nella propria famiglia di origine.

Un desiderio per molti quando il rapporto è ormai consolidato e stabile, un’esigenza avvertita irrevocabilmente da chi è intenzionato a metter su famiglia di lì a poco. Insomma, che si tratti di tradizione, pura formalità o smania vivissima, il fidanzamento esiste ed è sempre esistito più come un rito che come una mera celebrazione a cui però deve seguire un sigillo, un contrassegno che confermi tanta solennità.

Ecco allora l’importanza dello scambio di doni e beni simbolici che sanciscono l’unione, decretandone la durata eterna, dei due innamorati. Ed ecco l’origine della pratica, diffusissima ora come in passato, dello scambio degli anelli di fidanzamento. Detti comunemente anche “fedine” per il loro compito profetico ed anticipatore che precorre quello della fede vera e propria, vanno indossati categoricamente all’anulare della mano sinistra.

La scelta del dito, ovviamente, non è casuale. Quello e solo quello può essere il loro posto. Lo stesso dito che, secondo la tradizione, avrebbe una vena che porterebbe dritto al cuore: vietato spostarlo, la scaramanzia parla chiaro, se non per lasciare il posto alla più autorevole ed impegnativa fede nuziale. Ecco allora perché la fedina rappresenta l’amato, la persona del cuore.

Se un tempo lo scambio delle promesse (e quindi degli anelli) era assolutamente formale, solenne, pubblico e addirittura formalizzato secondo la legge, oggi viene protetto dalle anime dei giovani amanti che tengono per loro quell’indimenticabile momento, lontano da occhi indiscreti e da presenze indesiderate. Un momento speciale tutto per loro, uno scambio più intimo e condiviso solo dalle due anime coinvolte.

Un gesto che oltrepassa le barriere dello spazio e del tempo proprio perché nasce con l’amore e solo ad esso appartiene. Diffidate dal cinismo dilagante che divora tutti quelli che lo considerano uno sciocco e svenevole cerimoniale: probabilmente non sono mai stati innamorati.

Modelli e materiali della fedina

Sia che siate fanatici del “solitario, sia che preferiate la più discreta e mai banale veretta o se proprio non avete idea di cosa sto parlando, vuol dire che già avete gli occhi a cuoricino e siete alle prese con la fatidica scelta della fedina.

Ok, niente paura. Piuttosto vi consiglio di farvi già un’idea di quelle che sono le vostre preferenze e, meglio ancora, del vostro personalissimo stile. La fedina che il vostro partner v’infilerà al dito non dovrà parlare solo del vostro amore, non dovrà solo comunicare quanto lui o lei vi ami e desideri passare la vita accanto a voi, ma deve assomigliare anche e soprattutto a voi.

Diversamente, sarebbe come se il regalo fosse per un’altra persona! Una volta considerato il budget di partenza, mettetevi l’anima in pace: il mercato offre una svariata quantità di modelli e materiali a disposizione che vi lasceranno senz’altro a bocca aperta.

Meglio dunque partire preparati e con un minimo barlume in testa per evitare di tornare a casa, in preda al panico, più confusi di prima. Vi troverete di fronte a fedine in oro bianco, giallo e rosa (o anche tutt’e tre insieme), la cui lavorazione è certamente complessa e laboriosa e il prezzo assai più oneroso, in argento (meno costoso) o in platino (raffinatissimo ed elegante), lisce o con l’incastonatura di diamanti, perle o un’infinità di altre pietre preziose di ogni colore, forma e dimensione.

Insomma, avrete un gran bel da fare.

Ovviamente la scelta del modello e del materiale varia anche e soprattutto in base alla cifra che siete disposti a spendere. A meno che non siate presi dal consuetudinario raptus gioiellifero che, come il più dannato dei Cupidi, vi farà innamorare all’istante di un preciso pezzo, la valutazione per voi sarà davvero una prova durissima.

Che dire, in bocca al lupo e non dimenticatevi l’incisione: se un anello è una promessa, che almeno parli con la voce dell’amore. Non occorre un poema epico cavalleresco, ma una semplice data o un’unione di nomi. Basta anche un discreto “Per sempre”, talmente straordinario nella sua concisione da risultare perfetto. Più eloquente di così!

Migliori marche di fedina

Inutile ribadire che le offerte sono davvero tantissime, così come numerose sono le aziende produttrici che desidererebbero tanto adornare il vostro caro anulare. Puntiamo subito alle stelle, così ci togliamo il pensiero e lo sfizio.

Se non volete (e potete) badare a spese, Cartier e Damiani vi hanno già spalancato le loro spettacolari porte. Il primo è un marchio tra i più noti al mondo in fatto di eleganza, lusso e ricercatezza: il suo stile eterno e il suo impeccabile design sapranno deliziare i vostri occhi con gioielli classici e al tempo stesso modernissimi, scegliendo tra i vari modelli e le varie forme proposte che spaziano dall’inconfondibile eleganza senza tempo del brand ai dettagli più urbani ed originali che trasudano la più contemporanea ed autentica attualità.

Allo stesso modo, Damiani, il primo marchio orafo italiano nel mondo, non passa certo inosservato. Con le sue forme, i suoi colori ed il taglio che dà ad ogni suo gioiello, si distingue per l’eccezionale lavorazione di pietre e materiali, seguendo i tempi e le mode che passano e cambiano, pur restando fedele alla propria ed elegantissima identità.

Volando più a quota minore troviamo le proposte, comunque eccellenti, di:

  • Miluna
  • Pomellato
  • Comete 
  • Bliss

Quest’ultimo ha, tra l’altro, recentemente ha proposto una linea di fedine assolutamente giovane e dinamica. Si chiama “TwoYou” (da notare il gioco di parole) e la fedina si fa in due: due anelli, uno in oro giallo ed uno in acciaio, si sposano in un gioco di luce e colore. Su una delle due, germoglia un diamantino che richiama l’attenzione come il vero protagonista della scena. Un incanto che farebbe venire l’acquolina in bocca ad ogni donna!

E perché non disegnare noi stessi la fedina per il nostro partner? Le gioiellerie che offrono il servizio di realizzazione on demand sono molte, addirittura potreste trovarle nel web. Sarebbe un’idea carina che personalizzerebbe ulteriormente la nostra scelta, il nostro anello e, perché no, il nostro amore. Pensateci su!

Come scegliere la fedina

Ancor prima è importante decidersi. Già perché non tutte le coppie sono in sintonia sull’argomento, anzi. Se gli uomini talvolta lo trovano un inutile protocollo “dato che l’amore non si dimostra con un anello” e se si scende a compromessi è solo per evitare fastidiose liti e discussioni stridule, la verità è che le donne adorano gli anelli. Fedine comprese.

Senza contare che l’anulare della mano sinistra occupato significa “reserved”, impegnato. Prenotato come un tavolo al ristorante. Dunque, se l’uomo è per antonomasia allergico a qualsiasi tipo d’impegno, potrebbe vedere la fedina sotto una luce nuova, diversa, abbandonandosi alle sue qualità scaccia-guai e alla sua particolare potenzialità di allontanare parassiti e mal intenzionati.

Una fedina è meglio di un cane da guardia, di un body-guard. Dunque su, cari uomini, non fatevi pregare come al solito: una fedina non è altro che il vostro amore forgiato nel metallo e non deve essere “la” dimostrazione d’affetto, ma “un’ulteriore” prova del vostro sincero e, mi auguro, fortissimo sentimento. D’altronde una fedina è per sempre. Esattamente come dovrebbe esserlo l’amore. Bene, ci siamo. Ce l’abbiamo quasi fatta.

Una volta fissato l’appuntamento dal gioielliere, decidiamo subito se vogliamo una coppia di fedine identiche nel modello e nei materiali adoperati o se invece ne preferiamo due di diversa fattura. Magari una più semplice per lui ed una più lavorata (sperando nel diamante annesso!) per lei. Insomma, a voi la scelta…sperando che sia quella giusta e definitiva. Sia per quanto riguarda l’anello che…il fidanzato!

Siti internet di aziende gioielliere che producono fedine

  • DAMIANI
    Informazioni sul gruppo orafo, sulle collezioni e sui punti vendita nel mondo
  • CARTIER
    Il sito della celebre maison di orologeria e gioielleria dove troverete anelli di fidanzamento di lusso
  • POMELLATO
    Leader dei gioielli in Italia, ecco il sito dove scegliere l’anello più adatto a voi
  • BLISS
    Il sito del marchio italiano dove trovare l’ultima collezione di fedi TwoYou
  • MILUNA
    Il sito di Miluna dove potrete trovare il catalogo e le proposte della stagione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *