Come usare le proteine in polvere

Le proteine in polvere possono essere utilizzate in molti modi e in base alle esigenze se ne possono assumere di diversi tipi. Quello che conta è non pensare mai di poterle sostituire a pasti completi ed evitare diete improvvisate e fai da te. Ecco allora qualche notizia in più sulle proteine in polvere e i loro usi specifici.

Come usare le proteine in polvere

La prima cosa che bisogna sapere sulle proteine in polvere è che per poterle assumere è necessario avere una dieta completa. Questi complementi vanno inoltre considerati come semplici integratori. Mai, quindi, come sostituti di pasti completi.

Le proteine sono costituite da carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto e possono essere di diverse tipologie. Rappresentano nel corpo umano il 50% del peso di tutte le componenti e il 25% circa del peso totale.

La loro struttura è formata da amminoacidi, a loro volta suddivisi in essenziali e amminoacidi non essenziali. Gli amminoacidi essenziali non possono in alcun modo essere sintetizzati all’interno dell’organismo e devono necessariamente essere introdotti dall’esterno, mentre quelli essenziali possono essere sintetizzati dal corpo.

Le proteine si classificano poi, in base alla loro composizione di amminoacidi, in nobili, che contengono tutti gli amminoacidi essenziali, e non nobili, carenti e non complete. Infine, ci possono essere proteine vegetali o proteine di origine animale.

Le proteine in polvere, possono essere assunte per motivi dietetici o per motivi di sport e, in ogni caso, è necessario conoscere quali tipologie esistono e quali scegliere per l’assunzione, dopo aver consultato in merito un esperto nutrizionista.

Tipologie di proteine in polvere

Il primo gruppo di proteine in polvere che si trovano in commercio sono le proteine del latte, composte per la maggior parte da albumine. Si tratta di proteine che si assimilano facilmente e per questo motivo possono essere assunte al mattino, per riattivare il metabolismo dopo la fase notturna.

Ci sono poi le proteine del siero idrolizzate, una sorta di integratore proteico composto da siero di latte, utilizzato per la maggior parte da atleti e sportivi professionisti come integratore.

Un terzo gruppo è composto invece dalle proteine del siero con caseina, con tempi di assorbimento molto lunghi. Per questo motivo, la loro assunzione è consigliata prima di andare a dormire, in concomitanza con il digiuno notturno.

A trasformare in polvere le proteine c’è anche l’uovo. Le proteine dell’uovo si ottengono mediante concentrazione dell’albume e sono consumate in genere dagli atleti dopo l’allenamento perché aumentano i livelli di insulina nel corpo, indispensabile per rigenerare il tessuto muscolare.

Infine, esistono le proteine della soia, carenti di alcuni amminoacidi essenziali. In alternativa sul mercato si possono trovare le proteine della soia isolate, con una buona concentrazione di amminoacidi ramificati. Questo gruppo di proteine sono particolarmente consigliate nei periodi di definizione muscolare: aumentano la produzione dell’ormone tiroideo e accelerano il metabolismo.

In ogni caso, prima di acquistare e assumere da soli le proteine in polvere, consultatevi con esperti in materia. Un nutrizionista esperto, per esempio, vi saprà spiegare nei dettagli quali sono i benefici, e gli eventuali rischi, a cui andreste incontro assumendo le proteine in polvere. Se necessario, e per risolvere qualsiasi dubbio, consultate anche il vostro medico personale.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *