Televisore: scegliere tra LCD o LED

Quando si pensa di fare un acquisto impegnativo dal punto di vista economico come quello di una nuova TV per casa ci si trova davanti ad un mare di sigle che il consumatore comune di rado conosce fino in fondo. Cosa è meglio scegliere tra TV LCD o LED, anche in base alla capacità dei nostri portafogli?

Televisiore LCD o LED: iniziamo dai secondi

Partiamo innanzitutto dagli schermi LED dato che sono percepiti un po’ più come “esotici” da quella fascia di utenza che non si intende propriamente del settore. Si tratta di una tecnologia nata in realtà intorno agli anni ’60 – quindi apparentemente vecchiotta – ma che sta vivendo il massimo della sua popolarità solo adesso: paradossale, no?

In realtà quando si parla di uno schermo LED bisogna specificare che si tratta di un normale schermo LCD in cui sono presenti moltissimi piccoli LED che illuminano l’immagine proiettata dal display da diverse angolazioni, sia posteriormente che lateralmente, quindi la differenza di materiali sarebbe tutto fuorchè sostanziale. LCD o LED, dunque?

Televisore: scegliere tra LCD o LED

In realtà gli schermi LED hanno il difetto di essere degli apparecchi decisamente più costosi, ma rispetto ad altre tipologie hanno l’indubbio pregio di consumare molta meno energia – specie rispetto ai Plasma – e di avere una vita media piuttosto lunga: parametro da tenere in considerazione, vista l’entità della spesa per acquistarne uno.

Sempre trovandosi divisi tra LCD o LED, è necessario sapere che i LED hanno anche un angolo di visualizzazione piuttosto ampio, l’ideale dunque per fruire di contenuti ad alta definizione, e si tratta anche di un parametro da tenere in considerazione quando si decide come posizionare la TV all’interno del salotto per scegliere la giusta distanza di visione.

E gli LCD, dunque?

Detta così sembra che tra LCD o LED non vi siano paragoni, ma le cose in realtà non stanno così. I comuni schermi LCD infatti sono schermi che hanno dalla loro una qualità quasi imbattibile: costano davvero poco e si trovano ovunque, dunque un’eventuale sostituzione non costituirebbe un oneroso esborso.

Parliamo subito di sostituzione perchè in effetti gli LCD hanno la possibilità concreta che qualche pixel si “bruci” negli anni, e questa è una possibilità che va tenuta bene presente. La tecnologia LCD si basa sulla proiezione di luce attraverso dei filtri, e questo ci fa subito intuire una cosa. Non si può dimenticare infatti, sempre relativamente all’annoso dilemma di scelta tra LCD o LED, che i monitor LCD hanno dei tempi di reazione lievemente più lunghi rispetto ai loro “cugini” LED ma che con essi condividono, comunque, l’incapacità di rappresentare fedelmente il colore nero in quanto tale.

In questo tipo di TV infatti il nero è sostituito da viola o grigio scuro, ed infatti un parametro da tenere bene a mente quando si “prova” l’apparecchio sul campo è proprio questo: meglio farci caso da subito onde evitare che trasmissioni per loro natura troppo “scure” siano eccessivamente penalizzate da questo tipo di tecnologia.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *